Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Non c’è altro alla f...
Il tempo e le Rose...
Il maranga...
Illusioni di un poet...
Inaspettatamente...
Mera poesia 6....
La morbidezza è un v...
Il tempo esiste solo...
Fuori dal tempo...
L'usignolo...
Baciata Dal Sole...
Sogni...
Il funerale del cort...
Un buon raccolto...
In zattera,naufrago,...
L'appuntamento in ba...
Insigne professore...
L'ultimo Jazz...
HAIKU E2...
Nel silenzio...
Sera...
Lacrime...
I momenti felici som...
Ritrovarti...
UMANA ESSENZA...
Le ore dei Desideri...
L’autore del tomo- S...
Haiku M1...
Un giorno (racconto ...
Giuro...
Sotto al quadro di V...
L’Orient-Express sta...
Somnum interruptum...
Di tutte le cose cos...
SENZA FORSE ..........
Anime sospese...
Amore perduto .....
Per Amore...
CORLETO...
Poesiola...
22:48...
Il cigno...
La bella estate...
Saremo i lembi...
Verde bosco d'agosto...
Tuffi allegri...
Vita...!...
Dopo la tempesta...
Bolsena...
La forza dei pensier...
lapidee forme...
Vinile...
Non si può resistere...
non soffia più...
ANIMA...
firenze santa maria ...
uomo...
L'AVVOCATO DEL GOVER...
Un uomo...
EBBREZZA...
Forme...
L’autore del tomo- S...
Camouflage...
LA BOMBA DELL'IGNORA...
COZZA...
Andi grori...
Farfallina colorata...
HAIKU C2...
Konnichiwa...
Emozioni...
Granuli...
INCONFONDIBILI...
Parlami ancora...
AMORE PRIGIONIERO...
Il Plagio...
Senza la pace univer...
Il ladro di felicità...
L' INCONTRO...
Solamente attese...
Il tappeto volante...
La Porta Secondaria...
Senza ali...
Haiku n°14...
La poesia ha radici ...
Risvegli...
La fattucchiera...
Abbiamo imposto uno ...
I CANI E GLI ESSERI ...
OGGI SPOSI (juniores...
A26 da Novi Ligure...
Dalle cime alla foce...
Sterpaglie...
I due Dobermann...
LORO...
La mia terra...
ASCOLTA...
Guardo...
21:47...
SOLITUDINE LIBERTA...
Una canzone...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Ticchettio infernale

Tic toc, tic toc, tic toc. La sveglia rintoccava ogni minuto, ogni secondo, senza sosta, senza tregua, disperatamente, tragicamente. Un rumore che riecheggiava negli abissi più profondi dell'animo umano, capace di far rivelare i segreti più torbidi che ciascuno aveva sepolto nel profondo del suo cuore.



Cuore



Cuore



Raccapricciante, quel suono, doloroso, torbido, maniacale. Irresistibile.




Stavo lì, immobile, a fissare quella maledetta sveglia, rossa, voluminosa, strana. Sua. Ogni cosa in quella stanza era sua, profumava di lei, emanava la sua presenza, faceva ricordare il suo viso, i suoi occhi, il suo pianto. Tutto, tutto era di lei.


Non ne potevo più, volevo strapparmi le orecchie. La sveglia rintoccava, con il suo ticchettio, ogni secondo, afferrando e rinchiudendo in sé ogni atomo di vita, una vita che scorreva e non sarebbe mai più ritornata. Sarebbe rimasta imprigionata per sempre nei suoi filamenti, duri, rivelatori, satanici.


Tic, toc, tic, toc. Sangue, urla, grida disperate, strazianti. Richieste di aiuto ammutolite, mai pervenute. I suoi occhi colmi di paura e di lacrime, i suoi biondi capelli sparpagliati sul pavimento, il corpo delicato collassato, disarticolato, il volto sfigurato e il suo dolce sorriso divenuto distorto in un ghigno malefico. Tornerò, aveva detto. Tornerò e verrai con me; mi aveva maledetto, stregato, aveva firmato la mia condanna a morte come io avevo fatto con lei.


E adesso stavo lì, ritto davanti a quella sveglia fatta- da me per dio- con il suo povero, piccolo, acerbo cuore. Stavo a fissarla con una pistola in mano.


Lentamente me la portai alla tempia, nella mia mente le immagini di quella tragedia in due atti che io stesso avevo scritto e lei aveva concluso. Una vita per la tua.


La canna fredda dell'arma era quasi un conforto per il mio cervello annebbiato.


Un colpo e non fui più.


Io ero morto e lei, lei, era lì ad aspettarmi con un ghigno beffardo dipinto sul suo volto. Adesso ero suo. Ero suo mentre mi spingeva tra le fiamme dell'inferno e la sua risata ardeva più della fiamme stesse.



Rideva mentre la polizia entrò nella mia dimora (letteralmente) umana e la ispezionarono.




Rideva mentre portavano via il mio corpo.



Infine pianse quando i suoi resti vennero restituiti ai suoi genitori.





E la sveglia continuava il suo lento, fatale, ticchettio.




Share |


Racconto scritto il 13/07/2020 - 15:48
Da Jessy Cammisuli
Letta n.89 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Un racconto thriller un po' angosciante, ma devo dire fluidamente.

Maria Luisa Bandiera 14/07/2020 - 13:13

--------------------------------------

Racconto breve, perchè in fondo breve è un attimo di angoscia, paura. Ho respirato Poe...e con me sfondi una porta aperta con questo genere.
Tremendamente splendido, complimenti

Mirko D. Mastro(Poeta) 13/07/2020 - 19:07

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?