Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Rosso cuore...
Stolta malinconia...
Caro babbo...
Insieme fino al mare...
Luna...
La vanità è causa di...
Alfa, beta, gamma e ...
La stanza che aspett...
Nel sottobosco quand...
Una via d'uscita...
LA DEBOLEZZA DEL...
INNO ALLA SHOAH Lacr...
Siamo atomi strettam...
je ne savais pas...
FINALMENTE IO...
IN QUEL DIVINO VOLER...
È solo una sera d’Au...
SCORCI...
La Laguna...
Vite da guerra...
Come carne viva...
Porto i tuoi sogni c...
L'impercettibilità d...
Cielo d'ottobre...
STELLE E SOGNI...
Miss Spring...
Arriva sempre l'ora ...
Negli occhi di una m...
Al Buio...
Stancamente...
Voglia di volare...
First Time...
Il ballo dell'ombra...
Donna...
Il tempo non passa m...
PANETTONE STRADALE...
Un'avventura...
Gretchen...
FOGLIA IN AUTUNNO...
Ultima volta al civi...
I pensieri...
Preferisco...
Non giudicare le per...
L' ARTE DI AMARE...
Il movente...
Letture leggere...
In un combino Creati...
AUTUNNO...
Ad altri insegna il ...
Gabbiano...
La copertina d’ocra ...
Nove Ottobre ‘sessan...
Distrazione...
La foglia...
SOGNO E DESIDERI...
Presso la fonte anti...
Fiammella delicata...
IL GIOVANE SAGGIO...
La speranza....
La scrittura, la mus...
Donna fugata...
Il mio pensiero...
Il profumo dei giorn...
Una Voce...
Solitudo...
La notte scorsa...
Fuori piove...
Dal canestro su per ...
Nuvole...
Poesia su tela bianc...
AUTUNNO...
LA CASA DEL SEGRETO...
Girotondo...
MANIFESTO FUNEBRE...
Il Dolore...
AFRICA...
Le giuste attenzioni...
Voglia di castagne...
USURAI...
Haiku D'autunno...
Passaggio a livello...
Piccoli vortici...
Notevole...
Olfatto...
Aspettando una lacri...
Ci sono poveri che r...
Soltanto allora...
IL POST PANDEMIA...
Nascita, vita, morte...
Un Attore, un Dottor...
Immaginario sentire...
BAGLIORI DI SPE...
Malinconia d’autunno...
CASTELLO...
Tutto tace...
Desidero il pensiero...
BREVE...
Chiedo venia...
Haiku...
La signora in bianco...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Il profumo dei giorni

Profumavano quei giorni. Profumavano di buono, di sogni, di vita.
Profumavano, ancor di più, di futuro.
Ed era favoloso svegliarsi al mattino pieno d’energia, con la mente proiettata sui libri, certo, ma anche sulla musica.
L’Università e il pianoforte, il dovere ed il piacere: una contraddizione? No, solo la gioia di non avere un minuto libero.
Gli esami da preparare, gli spettacoli da programmare, gli amici da frequentare, le ragazze da scoprire.

Scrivevo, scrivevo moltissimo, scrivevo gli appunti alle lezioni, scrivevo testi di canzoni e la relativa musica.
Scrivevo rigorosamente con tratto-pen verdi, non so per quale motivo: scrivevo con una calligrafia decisamente minuta, su quaderni, agende, fogli volanti, che poi tenevo in un ordine talmente rigoroso da rasentare la maniacalità.


La scaletta dello spettacolo imminente sempre a portata di mano; le prove con gli altri componenti della “band” tre volte la settimana fino alle due di notte. La mattina era dura andare a lezione, ma l’incoscienza dei vent’anni superava ogni asperità.
La mia Ibiza bianca (come pure le auto degli altri) sovraccarica di strumenti, di casse acustiche, di spartiti, leggii e quant’altro… e via andare, con cadenza bisettimanale, anche fuori provincia, a suonare nei locali, nelle feste di piazza, nelle manifestazioni più disparate.


E c’era Silvia che profumava, profumava di primavera e d’estate, d’amore e d’avventura, di giorni spesi a fare programmi per il futuro e disfarli un attimo dopo, di baci timidi e spavaldi, di terra rossa e di spiagge dorate.


Oggi non gioco più a tennis, ho la pancia, la tastiera è appesa al chiodo e Silvia chissà che fine ha fatto. Scrivo ancora, ma forse scrivo per dimenticare… o, chissà, per ricordare… o magari per ricominciare?




Share |


Racconto scritto il 08/10/2021 - 17:04
Da Andrea Guidi
Letta n.90 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


Sì cara Anna, lo so, e ti ringrazio. Solo che, dato che questa situazione si verifica solo nei miei confronti, vorrei sapere se, magari involontariamente, avessi offeso in qualche modo la sensibilità del monostellista. In tal caso, essendo uomo di pace, vorrei chiedergli scusa.

Andrea Guidi 09/10/2021 - 12:31

--------------------------------------

Andrea lascia perdere il monostellista non merita la tua attenzione…
Il tuo racconto? Bello e nostalgico…

Anna Rossi 09/10/2021 - 05:19

--------------------------------------

Certo che il tuo, caro monostellista, è proprio un odio viscerale nei miei confronti. Mi piacerebbe sapere cosa ti ho fatto di male: palesati e spiegami, grazie.

Andrea Guidi 08/10/2021 - 19:52

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?