Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Reprobi Angelus 12....
Ora che non guardo p...
Albeggia...
Svegliarsi...
La casa di Elisabeth...
RICORDI PENSIERI ...
Fido Randagio...
Abitudine...
Pensieri confusi...
GRIDA...
Cravatte...
Incredibile che rina...
Come Fa Il Vento...
Dove sei.......
LA SCARPETTA DOMENIC...
Il Tramonto...
Il viaggio...
Incendio...
FINALMENTE SI SPOSA...
Tutto senza capire...
Illusione d'amore...
Le promesse spese...
Trovare la chiave pe...
Dio è in te,nella mi...
L'uomo può avere con...
Fabbrico nostalgie ...
Oltre i tuoi capelli...
Uomini e Donne… Sold...
Murales...
Il fieno tra i capel...
Malinconico Maggio...
Sete di libertà...
Case dalle finestre ...
GIOVANE AMORE...
HAIKU 6...
Vento d'estate...
Calde lacrime...
Confusa e felice...
LUCCIOLE...
Pianto di stelle...
....interferenza...
Granito...
Canto dell' amore ri...
Il Papavero...
Lenta agonìa...
haiku 10...
I GATTI DEL QUARTIER...
Reprobi Angelus 11....
In questi momenti bu...
“MADRIGALE” PER LA M...
La chiglia s'incagli...
Il palcoscenico dell...
Donna Violante...
SOGNO E PENSIERO...
Follia dell'uomo...
ACCENDI LA PASS...
Talvolta...
Ovunque ella or sia...
Petali...
lago Maggiore...
E' solo tardi...
PAREIDOLIA...
I malati diversi fra...
Un dono gradito....
DELIZIATO INCANTO...
Supermarket question...
Ovattati pensieri...
LA BUSTA PAGA...
Reprobi Angelus 10....
RONDINI...
NOZZE DI CORALLO DEL...
Cuore di farfalla...
Arruda...
Haiku 2...
La porta del cuore...
Affresco di primaver...
Raccolto di vita...
FELICITA’ NASCOSTA...
LA VIA DEI CAMPI - P...
IO NON SO...
Vuoto a perdere...
Soggetto...
VILI...
Tempesta...
HAIKU 5...
La Cinciallegra...
Il dono più prezioso...
Insieme...
LA RUSSIA HA OLTRE C...
Domanda antalgica....
Tempi sbiaditi...
Profumo di pane...
La luna rossa...
La Rosa senza Spine...
Se mi pensi...
“LE DOMENICHE DA S-B...
Giro d'Italia 1950...
Sugli scogli degli e...
mi hanno lasciato da...
Orchidea...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Ovunque ella or sia

«Nell'andare verso nord, sotto la cintura delle Alpi, un crogiolo di case riempie la pianura veneta, qui vi scorre irrequieto il Bacchiglione attraversando le terre del Palladio e gli Euganei colli fino al Patavino capoluogo dove si dirama fino a toccare il Brenta dolomitico e di là va poi a trovar sbocco in quella che chiamano laguna di Venezia.
Guarda l'altopiano d'Asiago dai suoi erti monti il comprensorio sottostante invidioso della nebbia che frequentemente lo riempie.
Non lontano dal luogo di nascita del Mantegna se ne sta il borgo che m’accoglie con la sua torre comunale e il campanile della vecchia chiesa.
La vista che accoglie volge in fronte al colle della Madonna ai piedi del quale, prima d'iniziar la salita che al parco regionale porta, si trova l'Abbazia di Praglia, con la sua millenaria storia.
Al suo interno la biblioteca nazionale ospita molte delle opere di Antonio Fogazzaro lasciate in eredità ai monaci Benedettini, un suo romanzo fu ispirato ai luoghi stessi»


V'era una stradina nel luogo di mia dimora che amava circondarsi d'orticelli così piccoli e quadrati da sembrar quasi una grande scacchiera dove qualche alto stelo di pomodorini si dava aria d'essere il re e delle verdi zucchine pensavano magari d'esser regine e tutta la corte erano poi i vari ortaggi di stagione.
Codesta picciola viuzza s’inoltrava formando uno stretto sentiero all'interno d'un bosco di tigli e querce che a cintura circondava un lago dalle acque verdi e chiare.
Percorrendo quel cammino, sotto un arco di rami intrecciati, s'andava all'interno della vegetazione fin quando poi non si godeva di stupenda vista.
Un casolare antico nascondeva la via d'accesso, rendendo quei luoghi riservati e nascosti al rumore e agli affanni del quotidiano vivere.
In inverno la terra, intrisa d'umido e nebbie ricorrenti, si presentava tanto fangosa da rendere l'accesso al lago meno agevole.
Spesso andavo per esso accompagnato da raminghi pensiero e in quel venire di cercati ricordi dettavo al mio diario sensazioni di melanconiche vedute.


Pensieri sfiorarono i tuoi sensi.
S'ammantarono di fresca
mattutina bruma,
in un insolito gennaio
che al freddo rideva di sé,
fra nuvole e spogli campi.


«La vecchia chiesa pareva diroccata seppur d’essa s’udiva ancora il tocco delle campane, qualche scoiattolo, balzellando qua e là, raccattava bacche per poi scomparire nel nulla del sottobosco o su alte fronde che miravano più alla luce che al fosco umido della natura sottostante».


Arrivò un tenue sole,
s'accese di pallide
sensazioni la strada.
La percorsi
scivolando sull'erba,
ma non trovai ragione alcuna
per essere lì.
Nella distrazione d’un istante perduto
colsi dalla fresca terra un cuore.
Pareva ancora pulsare.
Cercai d’accudirlo con amore
prima di riporlo in me.
«Frastuoni velati provenivano da germani che dell’acqua non pativano il gelo e forse nemmeno esistevano se non in qualche anfratto boscoso della mia mente. Ero solo con me stesso avvinghiato agli scricchiolii che le scarpe concedevano alla pietraia bianca e scivolosa»


Pensieri sfiorarono
i miei sensi in gennaio
ma non raggiunsero
mai i suoi.
Di me ella era fantasma senza voce
carisma imprescindibile
del mio calamaio.
Le portai indietro il cuore,
ma un altro ne possedeva
e non il mio.


«Allora scrivevo steso su di una radice che tra le secche foglie usciva fuori a curiosare fino a morire con il suo legno nell'acque del lago.
Nulla poteva il freddo su un uomo già freddo e inerme.
Mi tenevano compagnia i canti dei miei perché e immaginavo primaverili merli che gironzolavano qua e là in cerca di vermetti e qualche anatra di cui mi divertivo a imitar verso.
Era una natura perfetta tanto da rendere lo spirito giovane e sognante seppur il grigio e la nebbia circondavano ogni cosa»


Mentre una brezza leggera
dal lago saliva
dal taschino presi un cuore,
smarrito per caso
nella bruma del mattino,
lo baciai teneramente
per poi lanciarlo verso l’acqua più profonda.
E nel far questo
lasciai per sempre quel bosco,
un giorno d'un gennaio inesistente


«Ma i versi a volte finiscono e il freddo spesso risveglia il bisogno d'umano calore.
Quel calore non era molto lontano, la mia casa era poco distante; mi svegliai dal mio sogno, salutai quei luoghi con il mio infantile garbo, raccolsi le mie membra in un unico corpo e m'alzai ancor vivo nei pensieri»


Una notte distrutta
lasciò il posto
a un’alba timida e nascosta,
traversò il mio amore
e io venni a cercarla ancora
in luoghi dove il dolore
trova sempre cura.




Share |


Racconto scritto il 12/05/2022 - 19:46
Da Jean C. G.
Letta n.119 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Grazie Maria e grazie di cuore anche a Mirko

Jean C. G. 13/05/2022 - 17:50

--------------------------------------

Mamma mia!! Quante emozioni in questo splendido racconto!
Chapeau ...

Maria Luisa Bandiera 13/05/2022 - 17:00

--------------------------------------

Altra opera di pregevole fattura.
Non poteva che giungere un riconoscimento per Dighe e panchine...

Mirko D. Mastro 13/05/2022 - 14:25

--------------------------------------

Grazie Tonino e grazie amici.
Quasi quasi, visto che dista pochissimi km da casa mia, una domenica di queste vado a fare due chiacchere con Petrarca ad Arquà. Ci vado spesso per respirare l'aria del maestro.

Jean C. G. 13/05/2022 - 10:59

--------------------------------------

Bravissimo Jean, per il tessuto bene organizzato dei tuoi sentimenti Tonino

FADDA TONINO 13/05/2022 - 10:46

--------------------------------------

Grazie a te, Jean, davvero di cuore.
Umiltà e passione.
Condivido totalmente.
Sei una persona preziosa.
Serena giornata

Marina Assanti 13/05/2022 - 10:36

--------------------------------------

Grazie di cuore Anna e Loris della gentile lettura, grazie Marina delle tue attente letture ai miei testi, te ne sono molto grato e ti ringrazio tantissimo e grazie Genè dell'attenzione. L'importante è scrivere e fare buona cultura con umiltà e consapevolezza d'aver passione.

Jean C. G. 13/05/2022 - 09:04

--------------------------------------

Condivido in toto il commento di Marina, Bellissimo testo, racconto e poesia si fondono in armoniosa sintonia!

genoveffa genè frau 13/05/2022 - 08:56

--------------------------------------

Sono senza parole, frastornata dalle emozioni che mi hai regalato, da tutta la poesia di cui il tuo splendido racconto è pregno, dall'infinità di immagini malinconiche, dolci, delicate, intense... stordenti.
Hai una profondità di sentimenti che posso confrontare solo a quella di un'altra persona, uomo anche lui, ma una capacità e maturità espressiva per me senza eguali.
Tu e la Natura siete un tutt'uno.
Grazie, grazie di cuore, Poeta e complimenti sinceri...
Con stima e ammirazione,
Marina

Marina Assanti 12/05/2022 - 23:06

--------------------------------------

Sfondi una porta aperta.
Proprio domenica scorsa ho “affrontato” il sentiero 17 che da Rovolon porta al santuario della Madonna sul monte omonimo.
E la domenica prima sul Venda, alle rovine del convento degli Olivetani.
Bel racconto, complimenti.
Un saluto

Loris Marcato 12/05/2022 - 21:18

--------------------------------------

Ho pensato ad Arquà Petrarca e a lui medesimo!! Molto molto bello questo racconto un'atmosfera molto malinconica!!

Anna Cenni 12/05/2022 - 21:03

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?