Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Sul far nemboso...
Mora...
Non chiudiamo O.S....
LA NOTTE...
Al webmaster Mauro...
La goccia si posa...
Villamar...
Il nuovo giorno...
Quasi a gocciare...
Il dolore non si est...
Il Treno...
AU.F.O...
Vicoli ombrosi...
API...
ETEREO...
La sindrome del nido...
Addio al nuovo giorn...
Ritornare sui propri...
AMORE DOLCE OPPR...
HAIKU 41...
Elfchen...
CANTO...
Ai tempi della pesta...
Quando ti scrivo...
Sa spendula...
Donna senza volto...
In bici per le colli...
Voleva essere un dra...
Còlubri...
Lunedì mattina...
CHE AFFANNO QUEST...
Necessità...
SBAGLIANDO...
Tutto è relativo...
Il rumore dell\'addi...
Commiato...
Si chiude un capitol...
Vittorio...
Versi sul Passaporto...
Nel foyer dell’alba...
Ascolta Cielo...
Incombe il sonno...
Noi l'immenso...
L’ultima goccia...
VOGLIA DI VOLARE...
L\\\'uomo ballerino...
Sedoka - 3...
L'odissea di un poet...
Addio Oggiscrivo...
SUPEREROE...
La dimora dell'anima...
Intonaco battuto a m...
Passo sospeso ( Reda...
Rifiniture...
Resilienza...
PIZZICAGNOLO...
Oasi di scrittura (...
Echi di un Tempo Pas...
Mario...
PAROLE...
IMPENETRABILE OCE...
Ciglia che sorridono...
Il sogno di Anna...
Ipocrisia...
Un Angelo d'erba...
Dott. Scholl’s, trop...
Sorpresa…e pizza con...
Battigia...
E se piove ti penso...
Transumanza...
Amara vita...
La misericordia del ...
0429...
La lasagna di Pasque...
Lo sguardo di una ma...
Terre desolate...
PROVARE A VIVERE...
Pazienza!...
Fiore d'inverno...
Primo aprile...
E ti berrei ancora...
Il sole brucia...
Alla rugiada d’ulivo...
Acquerello...
haiku.......
Lacrima di salice...
STATO DI GUERRA...
Il profumo della Pas...
Oggetti...
Ancora silenti...
Dove vanno le parole...
Dopo il mio funerale...
Binari...
Io Sono...
Pasqua di neve...
GRIDERO'...
Frammenti di emozion...
Rugiada...
RONDINE...
SORELLA MORTE...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



C.I.D.

Quando hai corso per raggiungere qualcosa o qualcuno?, scritto sulla carta da parati del padiglione Forlanini.
Qualcosa. Dietro lo specchio, corro a inseguire l’ermetica diagnosi di chi imputa all'educazione ricevuta il mio malessere. Ma esagero, così… CID- convenzione indennizzo diretto. In parole povere, constatazione amichevole. Colori pastello che poco si addicono alla mia cera bigio persistente.
Qualcuno. Nella cornice di cartapaglia senza vetro, rincorro Mio Cid el campeador che so avere con me molteplici somiglianze. O solo conflicto de dolor interno.


Poi torna la sera, e tutto si riduce a chronic intolerance Dysareskeia.
L'ultima volta, adesso.




(da Il tordo e sotto, i tasti di una Lettera 22 -drabble)




Share |


Racconto scritto il 28/03/2024 - 06:29
Da Mirko D. Mastro
Letta n.79 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Si narra che Rodrigo, il Cid morì di dolore per una sconfitta subita, diffidare delle carte da parati sui muri dove lacrime e sangue si fan poltiglia. W il Cid Campeador che di lui padiglioni in rovina, ne son pieni. Complimenti!!

Anna Cenni 01/04/2024 - 13:08

--------------------------------------

La mia mamma, che faceva la maestra alla scuola Capuana qui a Femminamorta, ricordo che mi diceva "Mimmi, la pazzia è dolorosa...infatti la parola deriva dal greco pathos che significa sofferenza e dal latino patiens che vuol dire malato". Invece follia viene dal latino e significa mantice oppure otre e ricorda un recipiente vuoto, così l'idea di una testa piena d’aria, bizzarrie e stravaganze. Mi è piaciuta l'immagine della carta da parati, che chiaramente lì non c'era ma c'erano tristi piastrelline bianche, perchè parati (sempre dal latino) vuol dire abbellire. E lì ce n'era bisogno. Poi la tappezzeria ha il dono di coprire ciò che si desidera nascondere ed è capace di resistere nel tempo

Mimina Raniera Mezzasalma 29/03/2024 - 05:51

--------------------------------------

...il padiglione Forlanini, e il Ronzoni nel manicomio di Milano, Mombello. Il più grande d'Italia (al massimo della capienza arrivò a ospitare oltre 3 mila pazienti), considerato uno dei 10 luoghi più spaventosi del mondo ha rinchiuso tra i suoi 40 mila metri quadrati anche il figlio illegittimo di Mussolini. Era separato dal resto del mondo da un muro di cinta alto due metri e lungo tre chilometri...ricordo che mio zio di Limbiate, da piccolo, mi diceva " Se non fai il bravo, ti porto de la del mur"

Eric Eco 29/03/2024 - 05:28

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?