Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

HO VISTO COSE...
CRESCE...
Nudità...
Silhouette...
ESTATE...
Tempo...
666-Trittico (Sei la...
Resto a guardarti...
L'autunno suona l'ar...
SOGNANDO L' AMORE...
MUSICANTE...
Atipico Settembre...
Vento...
Il sempre che giuram...
Haiku 3a...
Libeccio...
IL MIO MONDO (al mio...
Di Altro Colore...
L'anima...
MA CHE UOMO SEI!...
Migrazione...
Verso l’inverno...
Racconterò di te...
La luce del pensiero...
Fermo Immagine...
Il tubo. Capitolo 4...
ORME...
Nuova genesi...
La buona notte...
Le piogge settembrin...
La bambola...
L’Alba del Serafino ...
PARLANDO ALLA LU...
Percepire e fare nos...
Insetti zizziosi...
Sale...
Strani incontri...
Segui i miei pass...
Haiku B...
Il Vecchio Poeta...
La mosca...
La lacrima ritrovata...
Il voto più bello...
È autunno...
La pastorella...
Quante volte...
A Chy...
feroce......
L' IMPORTANZA DE...
Strani incontri...
La sottile carezza c...
Al tramonto della vi...
Ho dei sogni...
Pioggerellina...
Un nuovo orizzonte...
MORBIDI SENTIERI...
URGENZE...
Oro del mio paese...
Il tempo della crisa...
Il segreto della luc...
RESPIRA...
In fieri...
L’Alba del Serafino ...
Una giornata nera...
L'Aquila e i 6 Avvol...
IL CANTO DELLA CASCA...
Un fascio di luce...
Tenera è la notte...
In punta di piedi (A...
Orologio biologico...
Perché io. Capitolo ...
2020 da dimenticare...
UN SERENO TRIONFO DI...
ATTIMO...
EL POETA ES UN...
Io noi e gli altri...
Canto di fiori...
Affetti...
Figlio...
Sciame di foglie sec...
Nyx...
POTER SOGNARE...
HAIKU F...
La casa di Arianna...
L'Eleganza si manife...
Tramonta l\'Estate...
Lettera al cuore dal...
tepore d' Autunno...
Cuoricino...
A Ritroso...
Notte...
Prologhi d\'autunno...
willy...
Autunno che viene es...
Credi che mi sono pe...
Saper accettare i ca...
LUCIA...
Conto alla rovescia...
Il tuo sorriso è ent...
Albert Voss 1944...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

IL DISTACCO

Le istruzioni sono:

Scrivi un racconto in cui emerga il distacco a livello sentimentale (in amore) o affettivo (una persona cara, un’animale, ecc)


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~



Vicini vicini...lontani lontani

Un dolce profumo proveniva dai fiori a grappoli degli alberi d’acacia, che fiancheggiavano il viale di casa. Anna respirava quell'aria dai sentori primaverili, senza provare più alcuna emozione, ormai nel suo cuore era sceso il freddo inverno.
Gli occhi le si riempirono di lacrime ma prontamente e con determinazione le ricacciò indietro, ne aveva versate fin troppe da circa un anno e mezzo. Da quando le era stata inferta una ferita così profonda, da lasciare una lacerazione che difficilmente si sarebbe potuta rimarginare. Lo sguardo di tanto in tanto si posava sul roseto dai colori sgargianti, un tempo restava affascinata dall'esplosione di tanta bellezza, ora le erano indifferenti così come lo erano tutte le cose che la circondavano. Arrivò in fondo al viale, vicino al cancello ma invece di tornare indietro verso casa, imboccò la stradina che portava alla faggeta. Voleva allontanarsi da quelle pareti che la facevano stare male e soprattutto da quell'uomo, suo marito che le causava un’immensa sofferenza. Anche se pensava che non era necessario uscire per essere lontani, loro lo erano già, da quel maledetto giorno in cui aveva scoperto il tradimento del marito con una donna più giovane. Il distacco emotivo creatosi era molto più doloroso di quello fisico.
Essere vicini, dormire insieme, sentire il respiro dell’altro ma restare soli nella propria solitudine, diventava qualcosa di insostenibile per Anna. Al contrario lui pareva non accorgersene continuando la vita di sempre, riempiendola di effimere illusioni, nella ricerca spasmodica di una felicità al di fuori della famiglia. Preferiva stare per ore su Facebook a chattare con delle sconosciute che parlare con lei. I suoi tentativi di aprire un varco per potersi finalmente chiarire erano stati vani, anzi avevano scatenato in lui una rabbia ingiustificata quasi come se lei fosse un impedimento alla sua libertà. Anna mentre saliva su per la collina ripensava a tutta questa dolorosa situazione, convincendosi che era arrivato il momento di fare una scelta pur se difficile. Nessuno aveva il diritto di distruggere la sua dignità e calpestare senza ritegno i suoi sentimenti. L’amore giurato per sempre, era finito con la sua infedeltà lasciando il posto a rancore, astio e incomprensioni. Si guardò intorno, era una bellissima giornata di sole, i raggi filtravano fra i rami dalle foglioline di un verde appena nato, creando dei giochi di luce incantevoli, Anna per la prima volta dopo tanto tempo si sentì libera da tutto quello che l’angustiava e con l’animo più leggero ritornò sui suoi passi.
Lo trovò in cucina come sempre al computer, il tarlo del dubbio continuò il suo lavoro e dopo quasi venti minuti, gli si avvicinò per vedere cosa stesse facendo, lui prontamente cambiò pagina e questo non fece che insospettirla ancora di più. Lui la guardò con astio dicendole: ”Che sei venuta a fare, a spiarmi? Stavo guardando solo un video“. E con stizza si trasferì in un’altra stanza ma questa volta Anna lo seguì affrontandolo, dicendogli:” Ora ti prendi le tue cose e te ne vai, non voglio più vivere accanto ad un fantasma.” Lui la guardò come se non avesse creduto alle proprie orecchie e con un sorriso beffardo rispose: ”Stai scherzando vero? Adesso cosa ti avrei fatto?” La sua indifferenza sconfinava in una totale mancanza di rispetto di fronte al suo dolore. Lei continuò, meravigliandosi della sua stessa pacatezza : ” Ora te ne vai!”
Questa volta, guardando la moglie come se la vedesse per la prima volta, si accorse che non stava scherzando e stupito per la sua fermezza, non riuscì a ribattere nulla. Mezz'ora più tardi Anna sentì la porta sbattere… Si preparò un caffè sorseggiandolo sulla terrazza di casa, godendosi il panorama. La natura era nel pieno del suo splendore e lei disse fra sé: “ Ma si… la vita è così bella, che non bisogna rovinarsela per un uomo che non ti merita."



Share |


Scrittura creativa scritta il 22/05/2020 - 05:32
Da Anna Rossi
Letta n.171 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Un grazie di cuore amici di OG...Vi auguro una serena domenica

Anna Rossi 24/05/2020 - 10:21

--------------------------------------

Dà la sensazione d'essere quasi autobiografico. Se non lo fosse, sei stata brava a renderlo tale...

Mirko D. Mastro(Poeta) 22/05/2020 - 17:53

--------------------------------------

Molto bello, Anna nella sofferenza è indifferente alla natura, dopo aver preso la decisione, riesce di nuovo a vedere la bellezza della natura stessa.
Significa che ha fatto la cosa giusta.Bravissima Anna!

Anna Maria Foglia 22/05/2020 - 10:41

--------------------------------------

A volte bisogna reagire anche in modo drastico se questo può significare riacquistare la propria libertà. Un bel racconto scritto in maniera chiara e scorrevole.

Francesco Scolaro 22/05/2020 - 10:23

--------------------------------------

Brava, un racconto carico d'immagini e scorrevole.

Maria Luisa Bandiera 22/05/2020 - 08:53

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?