Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Forme...
L’autore del tomo- S...
Camouflage...
LA BOMBA DELL'IGNORA...
COZZA...
Andi grori...
Farfallina colorata...
HAIKU C2...
Konnichiwa...
Emozioni...
Granuli...
INCONFONDIBILI...
Parlami ancora...
AMORE PRIGIONIERO...
Il Plagio...
Senza la pace univer...
Il ladro di felicità...
L' INCONTRO...
Solamente attese...
Il tappeto volante...
La Porta Secondaria...
Senza ali...
Haiku n°14...
La poesia ha radici ...
Risvegli...
La fattucchiera...
Abbiamo imposto uno ...
I CANI E GLI ESSERI ...
OGGI SPOSI (juniores...
A26 da Novi Ligure...
Dalle cime alla foce...
Sterpaglie...
I due Dobermann...
LORO...
La mia terra...
ASCOLTA...
Guardo...
21:47...
SOLITUDINE LIBERTA...
Una canzone...
In tema di razzismo:...
Fiore...
Bologna, 2 Agosto 19...
ALLA STAZIONE...
Cammina con le scarp...
I dubbi del poeta...
Piccola lezione di s...
Straniero...
L\'uomo con la valig...
SI TRASFORMA...
Come navi sospese...
Viviana forse...
Amata mia Signora...
Per Lei...che è mort...
NONNA PIA IN CARROZZ...
L’autore del tomo- S...
Verde azzurro mare...
I colori di quel 2 A...
Milonga...
Bologna...
Vorrei esser vento...
Cercando cercando...
LA SUOCERA...
LA RAGAZZA NELLA PIO...
In dissolvenza...
Prendi esempio dalla...
Agosto...
FRAMMENTI DI UN...
Tristezze...
Leggiadra melanconia...
SAI......
Lucciola...
Nina...
Alla roggia...
E25 verso Novi Ligur...
Le barche gialle...
Il ritorno...
Luci sul mare...
Il gioco - parte sec...
fine giugno...
Una vita senza amare...
IL DONO...
Ricambio generaziona...
Ogni Mente a Suo Mod...
Vibranti emozioni...
Rinchiusa...
I giardini di Majore...
Una folata d'oblio...
Foglia unica...
UNCINETTO...
28 luglio...
Non temo la morte pe...
Chimera...
Preserva... emh, pre...
VIAGGIO PER MAR...
A li mortacci...!...
UNA GRANDISSIMA STEL...
La notte dei pensier...
L’autore del tomo- S...
Una voce nel vento...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

MODERNIZZAZIONI

Le istruzioni sono:

Scrivi un racconto in cui riscrivi in chiave moderna e umoristica un episodio della mitologia pagana o biblica (Caino e Abele sono due commercianti di frutta che si azzuffano per….I Re Magi affidano l’organizzazione del viaggio a Club Mediterannee…...ecc….)


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~



L’Eco di Avalon

Vengo a Procida per le vacanze già da quando scrivevo su Lo Strillone di Tintagel.
Mi piace guardare le persone, ma chi mi ha sempre più incuriosito è la signora Igraine. Se gli rivolgerete la parola, vi ripeterà fino allo sfinimento <Tutti mi chiamano Eigyr>. Non ho mai capito il perché. La signora Igraine è una vecchina che trascorre qui sei mesi l’anno. Passa quasi tutte le sue giornate nell’unico piccolo bar. Prende un cappuccino, e sfoggia i suoi cappelli. Adora i cappelli, me lo disse lei una volta. E la mitologia. E ama leggere. Ha da poco iniziato “La notte dei lunghi coltelli”. Viaggia con un piccolo involto <I libri è come se mi alleggerissero i fardelli> le piace bisbigliare accompagnando il fumo della tazza col dito sui cerchi nell’aria.
Eigyr, ma io preferisco Igraine, è la madre della mia sorellastra Elaine che fa la segretaria per Gli Arturiani, una nota azienda artigiana nella regione del Rodano. A detta di Elaine un luogo splendido.
Tra gli innumerevoli mestieri che ho fatto prima del giornalista che scrive di cibo, sono stato occupato per un periodo a Ginevra nella carpenteria nautica tra Arturi e merlini. Con Arthur, un omone elvetico responsabile del rimessaggio, e l’albionico Artorius, operaio nella verniciatura dei natanti con anni di pratica, ci facevamo scorpacciate di reclette fingendo di suonare i cavi più sottili. E birra ambrata. Lì conobbi Viviane, una ragazza irlandese dalle movenze di dama, forse del lago vicino al paese dal quale veniva. Devotissima, e incantevole.
Di sorellastre ne ho tre, ma per via delle nostre professioni ci vediamo poco.
Il mio amico Gaius, medico badiale dalla struttura pingue, un giorno ebbe un’idea baciando il collo dell’altra mia sorellastra Morgause, che non perse tempo. Lei incaricò l’alchemico della sua multinazionale di Garlot in Bretagna di creare un profumo che ricordasse l’odore della sua pelle.
Anche la signora Igraine mi confessò di usare Morgause eau de parfum.
Morgause è una delle donne più ricche di Bretagna, mentre Gaius continua a provare indifferenza all’adiposità e al sangue. Ma appagamento nel lustrare il martelletto e nel tirar a lucido lo stetoscopio, non il corpacciuto aspetto.
E così arriviamo alla terza e ultima delle mie sorelle acquisite, Morgana, sposata con l’alchemico che ha fatto la fortuna di Morgause. Vecchio quanto il bastone che lo sorregge con l’impugnatura come la sua salute logora, appena sopra il nodulo. Su Morgana ho da poco scritto un articolo, o per meglio dire sul suo Ristorante da Mordred a Ventotene: “Tiritera della maliarda, dove La fèe dispensa arroganza ai ristori contigui lasciando i clienti a fave e cardi”.


< Arturo, sei una brava persona. Un galantuomo, ma un marito poco presente e distratto. Del lavoro mai pago> mi disse un bel giorno la signora Igraine. Un po’ forse è vero.
Morgana, ahilei, non avrà una valutazione sulla Guida Pendragon per la qualità gastronomica della sua tavola calda più che ristorante… ma solo una recensione: perché mai non c’è un ponte scricchiolante come accesso al Ristorante da Mordred, col notorio divieto di traversare?
Poi ditemi, quali due caratteristiche dovrebbe avere una minestra calda e asprigna? Non è il caso che ci stiate a pensare troppo: tanto, l’odore era quello di fittavoli con bestie da bardo e bardotti da tiro. E il sapore… erbaggi per le greggi.
Fu Galeotto -siamo amici da sempre- a convincere mia moglie a chattare per fare nuove amicizie. Così conobbe lui, nickname Signore del Lago. Lo incontrò una prima volta.
Da allora quasi ogni sera…
Mentre sto qui si è trasferita in una masseria appena fuori Garlot con nell’orecchia i rumori del contado, dal suo cavaliere della carretta.



-Taglio medio
Caù… Francesco, scegli tu il momento. Ti invitiamo a rientrare tra noi. Con la tua simpatia e quella rima che si fa leggere volentieri





Mirko D. Mastro




Share |


Scrittura creativa scritta il 05/07/2020 - 18:21
Da Mirko D. Mastro(Poeta)
Letta n.164 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Rivisitare e rivalutare l'isola di Avalon riportandoci ai miti di re Artù, della sorellastra Morgana, è stata un'idea geniale ed estremamente fantasiosa. Scrivi favolosamente bene. Ciao.

santa scardino 08/07/2020 - 23:23

--------------------------------------

Ottima ispirazione e grande fantasia.
Nonché ben scritto.
Un saluto

Loris Marcato 06/07/2020 - 06:58

--------------------------------------

Mi sono divertita a leggere la tua rivisitazione. Sempre bravo.

Teresa Peluso 05/07/2020 - 23:39

--------------------------------------

confesso che, seppur magistrale, il tema non mi affascina...
Sei stato bravo, senz'ombra di dubbio, Mirko, ma questo non è mai in discussione

laisa azzurra 05/07/2020 - 21:36

--------------------------------------

Rivisitazione ben scritta e divertente; lancia anche giusti strali ironici verso, per esempio, il mondo delle guide gastronomiche, relativi giudici e giornalisti.

Anna Maria Foglia 05/07/2020 - 21:15

--------------------------------------

Bella la rivisitazione in chiave moderna di re Arthu la strega Morgana e il medico Gaius. Bravo, mi è piaciuto.

Maria Luisa Bandiera 05/07/2020 - 20:59

--------------------------------------

MIRKO...Bellissima la figura dell'anziana lady Eigyr
sembra aspettare il superbo arciere Robin Hood. Tra maghi e isolotti proprio un bel racconto. Ciao

mirella narducci 05/07/2020 - 20:12

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?