Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Alla mia città...
Luci sulla veglia...
Vecchio...
OMBRELLO...
Estensione (come son...
L'ultimo valzer...
Trudy...
Stanotte ti ho sogna...
I bagagli delle nost...
Le sensazioni infini...
Silenzio...
PANDEMIA ECONOMICA...
L’attimo in cui ho c...
LA VITA COME UN RAGG...
Inadeguato...
FUOCO E FIAMME...
Le nostre begonie...
Il mio faro nel mare...
FLETVS...
Sogni notturni...
Polvere...
La disputa...
POETA...
Gocce di solidarietà...
Piccoli segreti...
Alberi...
NON FIGLI MA NIPOTI...
La tela...
Sulle ali del silenz...
26 ottobre...
A soli due passi da ...
RICORDO...
La clessidra...
La gioia di vivere...
Un conforto cultural...
VITA...
Triste speranza...
Anima rinata...
La carta vincente...
L'alba sui Colli...
HALLOWEEN SONO IO...
OMBRE DI QUEST...
Danni collaterali...
Attesa...
Alzheimer...
Disincanto...
Boote...
UN NUOVO GIORNO NASC...
Le tre Madri!...
Nuvole e luce nella ...
Io manigoldo...
Però quant\'è vago i...
Oblio di ottobre...
CALA LA SERA...
Elucubrazione n. 1...
LUCI DELLA SERA...
Ci restammo dentro...
Ultima danza...
Concatenazione delle...
Terra muta...
Notte ad Est...
Terren senza via...
RIECCOCI...
Alcune persone prove...
Questione di forza...
Il silenzio...
Le persone buone...
Il principe e i suoi...
Sant’Ilario...
Il rumore della pio...
DONNE SALVEZZA ...
Bello stile...
Fa' che la tua vita ...
PERDITA...
Madre mia!...
Un ombrello chiuso...
solo...
Resta con me...
Deserto il tuo guanc...
Ammennicoli...
11:51...
Senza l'entusiasmo c...
Nessuno cercherà mai...
Che solfa...!...
Già mi manchi...
Camminando sulla bat...
Oggi come allora...
Schiudi...
A colloquio con Sten...
Perdono...
AL CHIARO DI LUNA...
Segmento...
IL MONDO CHE CROLLA...
è tornato alla terra...
Vissi d' amore...
IL TEMPO NON SEMPRE ...
Credo...
Un amore ingenuo...
MAGIA DELL' AMORE...
Tempo...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

IL SOGNO

Le istruzioni sono:

Trai spunto da questo pensiero di Gabriel Garcia Marquez e scrivi un racconto breve di natura sentimentale, affettiva o altro: “ Non è vero che le persone smettono di inseguire i sogni perché invecchiano, diventano vecchi perché smettono di inseguire i sogni....”


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~



Tu sogni di notte?

-Woof! Woof!!!-
Buongiorno a te Cane, e a tutto il resto del Creato anche stamattina.
Tieni presente che la vita, grosso modo, ha una durata tra le ottanta e le novanta pagine…


9 febbraio 2004, lunedì.
Firenze si è svegliata sotto una debole pioggerellina. Anch’io mi sento un po’ così, debole. Ci saranno otto o nove gradi… fa freschino. Ma che vuoi, senza rendermene conto mi sono ritrovato d’un tratto da qualche decennio ad usare l’espressione “fa freschino”.
Oggi saranno 102. E’ un ulteriore passo nella mia esistenza, ma dirò alla Disney che non voglio un altro dalmata in regalo… ho già il migliore degli psicanalisti al mondo mentre mi lecchi il volto.
L’ hai capita!? La carica dei 102… lascia stare.
Cane, sei un tale conforto quando mi sento giù e non cerchi di scoprire perché…
Non aver neppure cercato di trovarti un nome forse è stato folle, come alzarmi quest’oggi senza un’idea folle da inseguire. Ma sarebbe stato uno spreco di tempo… e di candele. Quelle che da più di un lustro ho smesso di spegnere sulla torta, per accenderle in chiesa.
Sarà l’abitudine… quella cosa che parte lenta e, gradualmente, molto prima che realizzi di possedere un’abitudine, è l’abitudine che ti possiede. In ottant’anni, d’altronde, ho scritto per le terze pagine di quasi tutte le testate giornalistiche nazionali… così a comunicare per iscritto ci sono avvezzo. E così tengo un quaderno giornaliero da sempre.
Ho compiuto 102 anni. Le donne continuano a piacermi, ma non ricordo perché!
E non sento il peso del mio prendermi sul serio, e di un secolo indosso… semplicemente perché non mi rivolge la parola. Il resto del mio corpo è qui con me a festeggiare davanti a un caffelatte, la testa invece ci raggiungerà con calma…
…chiudo gli occhi. Qualche pedalata sulla mia bicicletta Bianchi con lo stemma dei bersaglieri.
A destra dopo il bacio di mamma, e ancora avanti col ginocchio sbucciato. E le caramelle nella tasca bucata dei calzoni alla zuava ancora buoni destinati a qualcuno dei miei coetanei. Ancora dopo la solita latteria, asciugata l’unica lacrima sul volto sporco per la mota…


Nel giradischi suona un 45 giri, Ancora… la puntina crepita e inizia a saltare. Cane si accuccia sul suono distorto in un angolo ancora, ma non come nella canzone.



(testo ispirato a Luigi Maria Personè
giornalista e critico, scrittore e insegnante di lettere. Gli fu mentore la scrittrice Matilde Serao e condivise una lunga amicizia col poeta Giovanni Papini.
Nardò, 30 giugno 1902 – Firenze, 9 febbraio 2004)




Share |


Scrittura creativa scritta il 18/09/2020 - 15:50
Da Mirko D. Mastro(Poeta)
Letta n.122 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Molto piaciuto, il contenuto lo trovo simpatico.

mare blu 19/09/2020 - 21:25

--------------------------------------

Mirko hai scritto benissimo, in modo chiaro e scorrevole che ho molto apprezzato anche per la garbata ironia che viene espressa con delle frasi che sono delle vere e proprie “chicche”. Perfetta è la chiusa dove il centenario signore si salda e quasi si confonde con il bimbo che è stato.

Anna Maria Foglia 19/09/2020 - 13:08

--------------------------------------

Ho appena finito di sorridere con questo tuo bel racconto, direi un omaggio anche alla terza età, almeno di quelli che la sanno vivere bene con tutti i vantaggi che sa offrire.
Poi ci sono quelli che, appunto, non sanno sognare di giorno e si ritrovano a barcamenarsi in cose futili in attesa della fine che prima o poi verrà. Ho trovato questo tuo racconto molto bello e ironicamente particolare!


Maria Luisa Bandiera 19/09/2020 - 09:00

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?