Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Bergamo...
HAIKU GENDAI...
La vita sussurra...
GRIDA IL TUO DOLO...
Giovenale Rionale...
Luca e Alba...
Cambiare...
Amici...
Fantasma...
ANIMA...
CLIC...
Attratti e distratti...
Non sono mai sola...
Vecchio scarpone...
Le notti di D. sfuma...
APPRODO...
Uno sguardo sul Mare...
Il distacco...
Soppalco...
Cnosso...
La nostalgia dell'im...
La dimora dell'anima...
Gioacchino spigionat...
Adesso Tube (parodia...
Frammento di un'esis...
Tra la vita e l'asfa...
Leggiadra terra mia ...
SOLITUDINE UNA ...
Causa, effetto che s...
Niente grigio...
Persino oggi...
Al mio caro amico Fr...
il corpo ignorato...
Felice d’esserci pur...
Chi si assomiglia si...
I cervelloni...
La pace del bosco...
RICORDI...
Gli Idoli imparano ...
I semi della cattive...
Chi chi chi co co co...
Su carta di bottigli...
L'Istante...
Festa rionale...
Una voce nel deserto...
La mia compagna...
AMORE LETALE...
La bella storia di P...
A mia moglie Gabriel...
Sangue nero...
Batacchio fuor di ca...
GENDAI...
La mia fortuna che a...
Echi...
Per O...
Amilcare il pagliacc...
Senza peli sulla......
BIANCO E NERO...
Il Rimpianto...
ore 12...
Senza fretta...
Cammino sulle nuvole...
VECCHIAIA ADOLESC...
Il pensatore...
Riflessioni di un me...
Gabbie...
Indifferenti...
Spazi infiniti...
Scarpe di vernice (…...
Nel mio silenzio...
Il Cavallo Romano*...
Sussurri d'amore...
PIOGGIA PIANTO D...
RABBIA...
Perle nella rete...
Katauta...
Le bettole...
Mercato rionale...
Dolce presente...
Canale (sottile velo...
La casa abbandonata...
A' MAMMA (festa del...
L'Alpino...
Infinito Silenzio...
E ti ho amata...
Ogni bambino trova i...
FACCE...
Corre il Vento...
CONSAPEVOLEZZA DI...
Fragile...
Andarsene...
Un bocciolo di rosa ...
Il tunnel e il mare...
Cura...
Il movimento dell’ac...
Quando l’ironia fa p...
Di un pensiero antic...
...che adulto non lo...
Riscrivi la storia c...
Cento occhiali...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

..fanne la descrizione fisica, e non solo

Le istruzioni sono:

Immagina di incontrare, all’improvviso, una persona o ritrovarti in un luogo che non ti aspettavi...


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~



Intonaco battuto a macchina

Stavo rivedendo, analizzando la struttura sintattica di una delle mie più recenti poesie, manoscritta per poi batterla a macchina, allo scrittorio di sghimbescio appena accanto alla falce sull’uscio.
Gambetta destra, al muro, sostenuta dall'involto contenente le pagine di bozza de "Le Notti di Elisa" e quelle, d'ombre da dietro, di D.
Matita spuntata dalla ribaltina


Posa
una zampetta
(rima imperfetta con Resta)
una sola
(assonanza a Posa)
un tordo, resta
(rimalmezzo: tordo-sguardo)
la compassione nel suo
(emistichio, come nel IV verso)
sguardo per i miei occhi
(consonanza dissonante tra sguardo e tordo)


Si posa al bordo del davanzale l'uccelletto dall' innocente canto, ma il Bottaccio dal sottoala giallo fulvo. Come la spiaggia dal vetro, o solo tra gli anfratti delle parole sul foglio di bassa grammatura nel carrello, bruno nel dorso.
Alza il ventre bianco appena poco più crema dei primi fiocchi. I bulbi cesi a rimestare il cielo, prima d'andare, per un istante sembran fissarmi.
Nell'ombra il cardigan con le toppe sui gomiti, lungo sui calzoni a misura coi risvolti, pare voler dare peso alla realtà... dalla finestra, più mestica che scialbatura di facciata, giallo scalcinato tra un gommagutta e il citrino.


Succede che il tordo Bottaccio non se ne sia andato, sotto d’esso i tasti di una Lettera22. Vicino, un ferro da calza per la molla al rocchetto mal funzionante e un sorriso accennato.
Succede che questo luogo esista nella folle visione di chi vi ha voluti qui fin ora. Chi la pazzia l'ha solo sfiorata alla fune dal pancone nel cantiere imbiancato, per le scale d'un frenocomio a carponi l'insania, alessitimia in casa di ringhiera.
Se non vi fosse chiaro, adesso potete andarvene...

Può accadere che qualcuno provi ancora misericordia, quando ormai non ti aspetti nulla.
E succede persino che nevichi …




(Quando un dì questi righi usciranno dai silenzi che non ce l'hanno fatta, troverò loro posto in una raccolta dal titolo Il tordo e sotto, i tasti di una Lettera 22)




Share |


Scrittura creativa scritta il 05/04/2024 - 06:54
Da Mirko D. Mastro
Letta n.143 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Rimestare il cielo e la spiaggia dal vetro, son già poesia, che ad avere intorno visioni oniriche un pò inquietanti, può servire a far sì che i silenzi possano farcela, se li si conosce.
Certe insanie, ci fan comprendere meglio l'anima..umana. Complimenti per l'analisi.

Anna Cenni 05/04/2024 - 11:52

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?