Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Rosicchi mi sevizi e...
La formichina elisir...
Incoscienza di un am...
A un passo da domani...
Vedo te...
HAIKU N. 9...
Ho bisogno d un uomo...
Vedimi...
Haku...
NEL BLU...
QUANDO ALLE DONNE...
Amati...
Il vecchio pescatore...
Come il ferro di una...
Il galeone sommerso...
Haiku n 2...
Venni al mondo...
Cosmo senza confini...
Fantasia...
Alice...
Notti d\'estate...
È estate...
Ogni volta, nuove on...
6 (Sei)...
Mare che......
Vita di fiaba...
Renata...
L\\\'armatura lucent...
Mi guardo allo specc...
Cosa dice il mare...
Poesia delle acque c...
Costruire castelli i...
Poesia: Una sardina...
Incontrarti......
ULTIMO CANTO DEL CIG...
UN CUORE STESO AL SO...
Choc...
Per dirvi grazie...
È difficile...
Se sarai con me...
18 Giugno 1947...
LIBERO ARBITRIO.....
i biondi grappoli...
Giugno....
vernice...
Haiku g...
Primo amore...
IL VIAGGIO...
beatlesmania the wor...
Quando la morte verr...
Il motore del mondo...
Giura...
Cogli...
Ovunque ci sei tu...
Sensazione dell'acqu...
Un grande uomo...
Eterea...
Torpiloquio d'ali bi...
Qualche volta...
e la barca......
VORREI TORNARE IN RI...
MENO MALE...
Solo fino alla pross...
COME UN GIRASOLE...
La donna del dipinto...
Silenzio...
Tessitura...
TRISTI PRESAGI...
Siamo sassi lanciati...
Pietre...
LETTERA APERTA A GR...
Temporale estivo...
Mi vesto di te......
Rame invecchiato...
Al mio mare...
Chi vive nella pace ...
INQUIETUDINE...
Essere superficiali ...
La solidarietà femmi...
Cosa ci rende forti?...
SCRUTATORE...
Ascolta la voce dell...
Il sogno e la voce...
Essere gentili col p...
Rovescio...
Istantanee...
Abbracciami...
ARCHI DI PASQUA DI S...
A mia figlia...
L'apparenza inganna...
Goccia di mare...
Zombie...
Per cercare di capir...
HOMO LUDENS...
Nel DNA della pioggi...
La giostra...
Emozioni...
Le donne non sono ba...
Il dono del tempo....
Ancora tra te e me...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

La pulizia

La pulizia


Mi hanno ordinato di alzarmi.
Ed io mi sono alzato anche se non riconoscevo l’autorità del giudice che me lo ha chiesto.
La corte è un’accozzaglia di fantocci, un teatrino, messi li per fare pulizia.
Anche io so fare pulizia e l’ho fatta ed anche bene.
Ho combattuto per la patria, ho estirpato gli invasori che hanno avuto l’ardire di mettere radici.
Li ho cacciati. Volevano impossessarsi della mia terra, di fabbriche, case, distruggendo i nostri palazzi, le nostre chiese.
Sono un capo. Si ho ucciso, ho dato ordine di uccidere. E lo rifarei di nuovo.
“L’imputato è riconosciuto colpevole dei crimini……”
Condannato !
Condannare me ?
Ma non finirò in gabbia io !


Estrasse da una tasca una boccetta e trangugiò un liquido, poi si sedette, rimase ancora vagamente lucido per poco, a sufficienza perché gli apparissero i volti di una moltitudine di bambini straziati dalle bombe esplose, la schiena di uomini crivellati dalle mitragliatrici, esplosioni e crolli di ponti, case distrutte e incendiate, tante, tante macerie da cui spuntavano esili mani di donna ancora vive, insanguinate che lo braccavano. Si sentì avvolgere dalla vampa del lanciafiamme e iniziò a roteare gli occhi, battersi per spegnere le fiamme che lo divoravano. Si senti prendere, il freddo delle catene ed il buio.




Share |


Opera scritta il 07/12/2017 - 17:57
Da Roberto Colombo
Letta n.316 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Bello, mi piacciono i racconti brevi che inquadrano un momento. Emozionante!

Seby Flavio Gulisano 26/04/2019 - 17:22

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?