Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Vivere cosi...
Mio dolce ardire...
Alcuni buoni passagg...
Dò un cenno...
Ode alla Madre Terra...
L\'ulivo...
Scusa se cammino...
RITROVARE SE STESSI...
Ode al polacchino...
Ti conosco da appena...
Cos'è la vita ......
NON E' SEMPLICE...
Dolce settembre...
Chi sei?...
Fossili...
Follia...
- Racconti dal mare...
Padiglione 1...
Ormai la pioggia...
Fra una carezza e l'...
La voce...
STRANE FORME...
SCUSATE IL RITARDO (...
Castell'Arquato...
E ogni volta che cad...
E poi...
Troppo piccola per.....
La vecchia che fila(...
siamo come fiori,alc...
PROFEZIA DI UN ESSER...
Ti ascolto...
A settembre...
Haiku t...
Dipinto di uomo con ...
Una carezza sul viso...
La cura...
Un suono non odo...
Nuvoletta rosa...
Il nipote del vecchi...
1 sett 1939 2 sett ...
Il lento gocciolio d...
Leitmotiv del mio l'...
INVITO ALLA VITA...
licantropi,lupi mann...
La Coccinella Rossa....
A VOLTE E' IL...
SENTORE D'AUTUNNO...
haiku 6...
Bucolico romano...
Tenera Frida...
Lo sguardo di un bim...
Sensazioni 6...
Incorrisposto...
La MIA ESTATE...
FONDALI OCEANICI...
È tutto un click...
La credenza guida il...
Un Libro...
E se pur per errore...
Il seguito...
Per qualche malintes...
Haiku 13...
Particolarmente...
Versi decrescenti...
Oltre il tramonto...
Contorni sbiaditi...
LIBELLULA...
L'ultimo ballo...
Haiku s...
Amicizia...
Tutto Finto...
I RICORDI...
La Verità...
Cinema IRIS...
Tanka1...
La paura è un meccan...
SETTEMBRE...
A qualcuno piace ton...
La Notte scende sul ...
HAIKU N. 13...
Il rumore della piog...
Soffio...
Sensazioni 5...
Manca coraggio...
Musa 2...
Non avrei potuto...
l\'errore...
Il primo bacio...
Tradire...
SONO STATA...
Il recapito...
l'embrione dell'amor...
Se fossi vento...
ITALIA BELLA...
un gatto randagio...
HAIKU F...
Ascolta il vento...
Dialogato...
Haiku n°8...
Pianura...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

La pulizia

La pulizia


Mi hanno ordinato di alzarmi.
Ed io mi sono alzato anche se non riconoscevo l’autorità del giudice che me lo ha chiesto.
La corte è un’accozzaglia di fantocci, un teatrino, messi li per fare pulizia.
Anche io so fare pulizia e l’ho fatta ed anche bene.
Ho combattuto per la patria, ho estirpato gli invasori che hanno avuto l’ardire di mettere radici.
Li ho cacciati. Volevano impossessarsi della mia terra, di fabbriche, case, distruggendo i nostri palazzi, le nostre chiese.
Sono un capo. Si ho ucciso, ho dato ordine di uccidere. E lo rifarei di nuovo.
“L’imputato è riconosciuto colpevole dei crimini……”
Condannato !
Condannare me ?
Ma non finirò in gabbia io !


Estrasse da una tasca una boccetta e trangugiò un liquido, poi si sedette, rimase ancora vagamente lucido per poco, a sufficienza perché gli apparissero i volti di una moltitudine di bambini straziati dalle bombe esplose, la schiena di uomini crivellati dalle mitragliatrici, esplosioni e crolli di ponti, case distrutte e incendiate, tante, tante macerie da cui spuntavano esili mani di donna ancora vive, insanguinate che lo braccavano. Si sentì avvolgere dalla vampa del lanciafiamme e iniziò a roteare gli occhi, battersi per spegnere le fiamme che lo divoravano. Si senti prendere, il freddo delle catene ed il buio.




Share |


Opera scritta il 07/12/2017 - 17:57
Da Roberto Colombo
Letta n.358 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Bello, mi piacciono i racconti brevi che inquadrano un momento. Emozionante!

Seby Flavio Gulisano 26/04/2019 - 17:22

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?