Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

E di pioggia...
Proprio in quella li...
Tanka 6...
Mi baci...
Domenica...
Sabbia...
Solo se conosci la b...
Ottobre...
Gentilezza ...
nuvole e autunno...
L’organo...
La poesia dell'ultim...
Ho sempre desiderato...
CAVATAPPI...
L' EREMO SEGRETO ...
Kaleidos...
La vecchia stazione...
Lontani...
Non ti dimenticherò ...
SOLO I PASSI...
Haiku 16...
Dolci note di vita (...
Nel mondo di Afrodit...
Muro di ghiaccio...
Inverno...
Maratoneta...
Inganni...
CIO' CHE E' RIMASTO...
Foto furtiva....
No muy dulce...
Haiku XIII...
Nel teatro della vit...
'O core...
Haiku z...
A' Pandazza e la Lan...
La direzione del mat...
Sa festa de sa birra...
Siamo genitori......
Il maestro di biliar...
SAFFO, LA COSA PIU' ...
Cosa c'è di peggio...
Ti scrivo perché a p...
Haiku 11...
Elisa Valentini...
AMIAMO INCONDIZI...
AMORE...
Passato...
Palabras...
TI SENTO...
Madre...
T'aspetto sempre qua...
Le tre buste...
Si cantava un tempo...
CERCASI...
Gentilmente...
Nuvole...
Tanka 5...
Forse......
Vita...
Lenta come foglia un...
Nove Ottobre 'sessan...
INTRECCI...
Ho nostalgia delle t...
Ritaglio...
Donna sarda...
CUORE DI BAMBOLA...
La visita dell'Angel...
E' una passeggiata...
artista o matto...
Un giorno...
Prendo atto che il m...
la città...
Nonni....
DIMENTICANZA...
NONNO RACCONTAMI...
Gli amanti in ambra...
Senza stagione...
Quello che siamo...
Come quando eri bamb...
Insieme nella luce (...
Ad un passo da giù...
Approdo...
A casa nostra...
Fin dove l\'amore ar...
Sono innamorata...
La libertà é un bene...
Vogliamoci bene...
Ascoltando gli astri...
Yellow spell...
Ciò che non ti ho de...
Haiku XII...
Perdiamoci...
SE AVESSI VISTO...
Haiku j...
Conversazioni...
FOGLIA D'AUTUNNO...
Visita a mio nonno...
Intrecci/...
La storia infinita...
Cuore...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Cenni di tango

Dapprima è la "mirada", lo sguardo
complice d'intesa e sensuale intrigo.
Tra i capelli -meglio neri
ma bionda è la polvere dalle ombre-
una rossa rosa
che s'avvertano persino le spine,
l'originario dolore
dei vicoli di Buenos Aires.


Poi le mani: i palmi appoggiati, il calore
che emana il sangue dai coltelli,
la postura fiera del gaucho,
l'abbandono falsamente ritroso
-quasi l'odore dei bordelli-
della prostituta o della sciantosa,
che all'uomo s'affida.
Le braccia come rami spezzati
allo struggersi del bandòneon.
Infine le gambe. Uno, due,
uno, due, tre, quattro,
indietro, indietro, di lato, avanti, di lato...
Lì, l'intrigo delle strade si fa fitto
fino alla prima posa,
tacita, lunga come un pianto.


Si vive o si muore
Non c'è via di mezzo, nel tango
si balla e si ama,
ci s'innamora, senza scampo.
In quest'abbraccio di passione
si scopre di saper già ballare
da qualche oscuro passato
e -oltre ogni proibizione-
di non aver ancora amato.



Share |


Poesia scritta il 02/10/2019 - 14:38
Da Carla Vercelli
Letta n.60 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Mi è piaciuto molto questa tua poesia, Carla... Ballando, ballando, fino all'amplesso... Ma mi ha anche consentito di rivedere l'uso di palmo anzicché palma e sfogliare note interessanti dell'accademia della Crusca. Da tenerti in "palmo" di mano Carla.

Gianni Schettino 03/10/2019 - 16:05

--------------------------------------

Direi, affascinanti cenni di tango...
chiusa bellissima Carla.

Grazia Giuliani 02/10/2019 - 19:12

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?