Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Se la miseria del mo...
L' ALBA DELLA VITA...
Fragilità...
LETTURA ELEGANZA ...
HAIKU D1...
Nebbia e setaccio...
Decisioni difficili ...
Dove le parole finis...
Amare...
Di getto...
Mai la vita appare c...
I giudizi sono sempr...
Paperino non ricorda...
Derealizzazione...
Continua ricerca...
Sanguina il cuore...
Il Filo...
Senza un altro doman...
Me muae (mia madre)...
Dio sole...
Tanka 11...
All'amica ritrovata...
SEI BELLISSIMA...
Carnevale di fantasi...
A che serve tornare?...
LA PIUMA...
Tempo (misura terza)...
Tu, sempre con me...
Tanka 2...
TEATRO DI STELLE...
Sospiri...
AMORE...
Il re del ballo...
L’insegnamento del p...
Dedicata a Giuranna ...
tu esisti...
Ode Nonsense...
AMORE LEOPARDIANO...
Utopica speranza...
Doppio sogno...
Haiku XIV...
Coronavirus ... quel...
Virus...
Dica trentatré......
La pazza...
Tanka 29...
Ci baciavamo...
tempo d'aurora...
Poi pensi di conosce...
Rondini in viaggio...
Virus......
Nel chiuder quella p...
La merlettaia...
HAIKU C...
Un danzare di voci...
Suggestione di Febbr...
L'ETA' DEL CINISMO...
Notte d'inverno...
Due amori all'età de...
IL DUBBIO...
Un giorno finito...
Spiriti protettori...
DANZA DELLA PIOGGIA...
La Casertana...
Notti infauste...
Se vuoi sapere a cos...
LE TUE MANI...
La luce dell'univers...
Non fermarti...
Sei tu il mio redent...
Il fiore di Ranchipu...
Decisioni difficili ...
Credevo......
Homo Italica...
Contrappasso...
Inverno...
Attorno alla cera...
Passiamo tempo a pe...
Tanka 28...
Ritornando dall'agil...
IL MISTERO DELLA VIT...
Orme...
Come battiti d'ali...
La vera storia di Ce...
IO TI VEDO...
Carnevale...
Persona Amata che no...
persecuzione...
Attacchi di panico...
Un domani...
Quegl’occhi...
Basterà una rondine...
Quando ti vestivi co...
TRAMONTO...
Così...
Il bambino Dawn...
Non posso restare....
UN OTTOBRE NORMALE...
L'impervio sentiero...
Un'altra battaglia...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Sei il bocciolo emerso dal fango

Sei il bocciolo emerso dal fango
e vivi avversità che ci compongono
Sei eco di terra sussurrata
e remota e agognata
Voglio coglierti dove ti ergi
sradicarti pulsante
col rispetto silente della radice
piantarti nel suolo mio
umido del sangue di cui ci impasto
echeggi di quel tempo che vorrei
fare mio, di nuovo
ma nel mentre, di nuovo
mi ritrovo a galoppare in sella al tempo
all'indietro, mai in linea all'orizzonte
con in viso strade che si snodano
e una notte di talco che mi si annida nel respiro
ancora mi intarsio di quelle sue nubi
e mi cucio ai tuoi lembi lontani
ti dedico una carezza
ti sfioro il gambo, e ti innaffio dove non cresci
Ma non ti strappo, non ti tolgo al prato
Bacio un petalo, forse due
non tre - quello timido vuole il suo tempo ancora -
io sono spezzato, però, da prima
che tu verdeggiassi, che fossi dono di terra
e mi spegnerò prima ancora
di vedere che il mio scrosciare candido
ti avrà rivestito dei colori che meriti


Share |


Poesia scritta il 05/10/2019 - 12:58
Da Matih Bobek
Letta n.134 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Molto bella, piaciuta tanto!

Carla Vercelli 08/10/2019 - 19:08

--------------------------------------

bellissima

laisa azzurra 05/10/2019 - 19:41

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?