Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Ode Nonsense...
AMORE LEOPARDIANO...
Utopica speranza...
Doppio sogno...
Haiku XIV...
Coronavirus ... quel...
Virus...
Dica trentatré......
La pazza...
Tanka 29...
Ci baciavamo...
tempo d'aurora...
Poi pensi di conosce...
Rondini in viaggio...
Virus......
Nel chiuder quella p...
La merlettaia...
HAIKU C...
Un danzare di voci...
Suggestione di Febbr...
L'ETA' DEL CINISMO...
Notte d'inverno...
Due amori all'età de...
IL DUBBIO...
Un giorno finito...
Spiriti protettori...
DANZA DELLA PIOGGIA...
La Casertana...
Notti infauste...
Se vuoi sapere a cos...
LE TUE MANI...
La luce dell'univers...
Non fermarti...
Sei tu il mio redent...
Il fiore di Ranchipu...
Decisioni difficili ...
Credevo......
Homo Italica...
Contrappasso...
Inverno...
Attorno alla cera...
Passiamo tempo a pe...
Tanka 28...
Ritornando dall'agil...
IL MISTERO DELLA VIT...
Orme...
Come battiti d'ali...
La vera storia di Ce...
IO TI VEDO...
Carnevale...
Persona Amata che no...
persecuzione...
Attacchi di panico...
Un domani...
Quegl’occhi...
Basterà una rondine...
Quando ti vestivi co...
TRAMONTO...
Così...
Il bambino Dawn...
Non posso restare....
UN OTTOBRE NORMALE...
L'impervio sentiero...
Un'altra battaglia...
Fiabilandia...
Trasparenti sembianz...
IL FUOCO...
Filastrocca dello st...
Ipnosi...
Presenza....
Riflesso...
Dedica...
HAIKU B...
IL SORRISO DEL TRAMO...
CONTINUO A SOGNARE...
Guardando il cielo...
Il mare - Il progres...
Cuore d’ippocastano...
Cosmo sfiorito...
Passaggi...
Gianny Mirra...
Un Marinaio...
Dolce...
Mia Luce, mie tenebr...
L’interrogativo del ...
BOCCA A BOCCA...
Il mattino...
Prospettiva...
sbarre...
Cerca altrove...
Giorni senza cuore...
PASSERÀ...
Non era il tuo volto...
Scusa lo sfogo...
La risata del picchi...
Il pilota dei sogni...
le violette...
Appennino...
Terra...
Miriade di stelle...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Erasmo

Vanno errando i pensieri
nell’antico banco,
tu sempre al mio fianco.
Quell’anno c'era la neve
insieme contemplando,
pennino e calamaio
prima elementare:
io c’ero.
È tutto ciò che rimaneva
del canto nostro guerriero,
perché il silenzio
graffiava la pietra,
come un canto di cicale
ti volli accompagnare,
a quel triste funerale,
fino a restarne sepolto
in una cassa di legno d’abete .
Su un ramo spoglio
si posava un corvo nero
nel crepuscolo di quell’autunno.
La neve piegava appena
le foglie dell’asfodelo.
Tra i fiori si spegnevano
i rintocchi di campana a morte.
Le cime degli alberi
impregnate di neve
languore tristezza e paura...
Io c’ero.
Nel mondo di grigio colore
dove il suono di vento
persi l’amico in un momento.
Nel freddo marmo Erasmo
tu riposi.



Francesco Cau


Dedicata a un mio compagno di scuola di prima elementare.



Share |


Poesia scritta il 07/02/2020 - 12:42
Da Francesco Cau
Letta n.208 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Sempre molto bravo Francesco.

Antonio Girardi 08/02/2020 - 15:17

--------------------------------------

Note "DeAmicisiane" tra le righe di questo ricordo rivissuto con la presenza del cuore.

Leo Pardiss 08/02/2020 - 09:20

--------------------------------------

A parte il triste argomento che stringe il cuore, trovo questa poesia molto scorrevole e musicale nella lettura che è quello che mi piace riscontrare durante la lettura delle stesse oltre naturalmente al comprensibile significato che il poeta vuol trasmettere.

Maria Luisa Bandiera 08/02/2020 - 07:38

--------------------------------------

Grazie Eugenia

Francesco Cau 07/02/2020 - 18:41

--------------------------------------

Molto toccante (correggi refuso)

Eugenia Toschi 07/02/2020 - 15:17

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?