Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Canzone triste...
Amaro...
Un biglietto, come u...
L'isola che non c'è...
Orme sulla sabbia...
TESTIMONIANZA DI FED...
PENSIERI...
Respirando l'aria...
Vorrei chiederti...
Shot down...
Dentini bianchi...
Sentiero interrotto...
Voglia di scrivere...
shhhh...
L'attrazione fisica ...
Vortice...
HAIKU A2...
Spiragli di luce...
Qualcosa è stato...
Sulle rive del nostr...
RIPARTENZA...
LUNA DEI FIORI 2020...
Ho dimenticato...
Bella Viola...
Chi rimane fanciullo...
Si fa giorno...
Haiku T1...
La storia delle decl...
IL TEMPO PER OG...
Ho bisogno di te...
Violetta...
Vicini vicini...lont...
I passerotti...
Caramelle...
Eco...
Un filo d'aurora...
FIORE RECISO...
UNA PERSONA STA CORR...
nulla é cambiato...
Alberi in fuga...
Riflessi di luna...
Il risveglio…di Mila...
BATTITO DI CIGLIA...
Gelsomino...
La biga marina...
È la voce del silenz...
L'Eden il mio giardi...
Il pontile...
Canto di un nuovo in...
In fondo si respira ...
Dalla dura quercia...
C\\\'erunu tempi....
Inshan Samash...
L' AMORE NEGLI OCC...
un esame lungo una v...
Un pensiero...
Il mio amico Giulian...
IL TESORO DISPERSO C...
L’Asceta...
Maria Goretti...
Il Sole Dopo L\'Oscu...
Stringimi più forte...
Trasposizione...
L’ARMONIA DELL’ESSER...
IERI, OGGI, SEMPRE...
Incisa nell'anima...
E...state...
Cammino...
SCREPOLATURE...
Non c'è niente di pi...
NATI LIBERI...
I tuoi battiti...
FINO A SERA...
Dedicata al Maestro ...
Fonti di vita...
Musica...
Celeste...
Angelo...
IN PUNTO DI MORTE...
Milano...
Covid-19 seconda fas...
Il Rasoio...
NELLE TUE MANI...
Una brutta persona...
ESTATE 2020...
La par condicio è qu...
Di carta velina...
Dolcissima e bella (...
Finalmente si RIPART...
Tàcciono...
LA BICICLETTA DEI VI...
La mia poesia...
innesto...
La fine di un viaggi...
In disparte...
Caciotte e carapaci...
Marinaio...
Io plurale...
Fuga dalla mente...
Tanka 35...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



C\\\'erunu tempi.

C'erunu tempi chi a mia ancora carusu,
non m' impurtava di muturi né dilli macchini.
mancu li bicicletti pi mia eranu meta,
picchì comu alla luna li putia suspirari.


E camminavu, camminavu chi me cumpagni
pi stradi, viuzzi e lungu sinteri;
a voti puri scarpi mi livavu
per stari chiù a cuntattu ca matre terra.


Fin dallu brisciri lu suli la matina
allu tramontu chinu supra a sira,
poi cu li me menbri stanchi u lettu non vidia,
quannu i me occhi calannu lu sipario pi li sogni,
s'arricriaunu cuntenti cull'aria tutta allegra.


Francesco Currò
Diritti di copyright tutelati


Traduzione in italiano:


C’erano tempi.


C’erano tempi che a me ancora un ragazzo
non mi interessavano né i motori e né le macchine
neanche le biciclette per me erano meta
perché come alla luna li potevo sospirare.


E camminavo camminavo coi miei compagni
per strade, viuzze e lungo sentieri;
a volte anche le scarpe mi toglievo
per stare meglio a contatto con la Madreterra*


Fin dal sorgere del sole la mattina al tramonto chino sopra la sera
poi con le membra stanche il letto non vedevo
quando i miei occhi calando il sipario per i sogni
si riposavano contenti con l’aria tutta allegra.



Share |


Poesia scritta il 20/05/2020 - 12:13
Da Francesco Curro
Letta n.33 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?