Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Con tutto l'amore ch...
Ciao Diego...
La ragazza selvatica...
Essa fu (concorso p...
Delicata...
MUSCHIO...
Tutti i santi giorni...
Vita...
QUANDO SI CAPISCE...
La viltà di un uomo...
La precarietà dell'u...
Al suono del vento...
Giuramento d’amore...
Gocce d 'acqua...
Ineffabile destino...
Il viaggio (renga, c...
Invito a cena...
Il presente disse pa...
Sonetto - Profondo e...
E' tempo di innamora...
Si apriva e si chiud...
Innamorato...
IL VIAGGIO...
Non sappiamo quanto ...
Sirene...
Milena...
I ricordi...
Ceste di fiori...
Malinconica Tristezz...
Quesito...
Io e la Risolutezza...
Il buddha...
POVERI E RICCHI...
L'ultima foglia dell...
ultima foglia...
Era bello...
Numero trentadue...
ZIBALDONE...
La paura...
La mia Italia...
L'essenziale...
Mi disse parlami...
Il viaggio (Cartolin...
A DUE PASSI DA ME...
Speranza d’autunno...
Glorioso passato...
LVX...
ADRIANO...
Elucubrazione n. 6...
Sospesi in un tempo ...
L'autunno...
SE NON CAVALCHI LA T...
Con disgusto (concor...
In riva al mare...
Se non vinciamo tutt...
I NOSTRI GIORNI...
Casa...
La mente suggerisce ...
Buonanotte...
Se ti abbraccio non ...
Luna pretesa...
INVERNO...
IL CUORE DEI PENSIER...
I miei nemici alla f...
Il vela...
The Bergen Belsen...
09:35...
Grazie...
Notte senza luna...
Fermarsi...
Friedrich Nietzsche....
La Parola del Vangel...
Pelle...
Tenebre...
L'ultimo canto di Sa...
Ombre voraci...
Bambini del dolore...
Dipinta...
È novembre...
Dove nessuno si sent...
La felicità sempre p...
Sognare...
Meraviglia...
VITA E MORTE DI UNA ...
Vuoto Folle...
Il rimpianto...
Ombre...
UN QUADRO DI PERFEZI...
DESIDERIO...
RAGAZZA DI VITA...
MORTE ROSSA...
Sottile come il tem...
È Novembre...
Va' e porta Luce!...
DOVE FINISCE IL CIEL...
Un amore...
L' Avventuriero...
Danza...
Ciao Amore...
Estatici silenzi...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Lampo.

Dinanzi ad una vetrina
lungo il Corso, sostava un uomo
e dallo sguardo perso
traspariva un senso di sgomento.
Quel tizio son dunque io
sembrava interrogarsi
e non avendo risposta alcuna di rimando
seguitava a fissarsi biecamente.
Da tempo ormai non si riconosceva più
da troppo aveva un buco nero dentro
e un senso di fastidio, quasi un lamento
continuava a trafiggergli il cervello.
Un nome fisso lo martellava sempre,
un’orda di ricordi strazianti,
degli occhi calmi a soggiogar la mente,
ad asservire cuore e sentimenti.
Girandosi mosse un primo passo avanti,
e poi un altro, fu come un lampo,
un tuffo, il grido di qualcuno,
uno stridio di gomme, un sordo tonfo.


Share |


Poesia scritta il 19/10/2020 - 17:25
Da Francesco Soda
Letta n.93 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Poesia che tratta un tema drammatico con una scrittura elegante ed efficace. Mi ha molto colpita: una situazione interiore insostenibile dove il protagonista non trova più se stesso.

Anna Maria Foglia 22/10/2020 - 11:32

--------------------------------------

Bella e ben scritta!

Maria Luisa Bandiera 22/10/2020 - 07:28

--------------------------------------

Un lampo,sì!
Bella.

Grazia Giuliani 20/10/2020 - 19:31

--------------------------------------

Agghiacciante e pacata allo stesso tempo. Complimenti.

Atrebor Atrebor 20/10/2020 - 17:58

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?