Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il coraggio...
VACCINO...
Bambino...
FRONTIERA...
LA NATURA E\' ...
AURORE...
Nuovi mondi nei prob...
Giovedi...
Il vero benessere in...
Ieri, oggi...
IL BUIO NELLA STANZA...
Ventitré Giugno 1964...
Dietro la tenda...
Evaporato in una nuv...
Tormenti tragicomici...
Copèrta di foglie (u...
In palla...
Resta con me......
ULTIMO SALUTO...
Amore, in pratica...
Costiera...
QUANDO NON E' ...
Coccole primaverili...
I viaggi del sole...
Non c’è luce se l'...
Un fragile tappeto...
Le Chiavi del Destin...
Nizzarda...
La fata Nina...
Raccontami di quando...
Icaro...
Orizzonte...
Il mio primo e grand...
Modella di uno splen...
Non smetteranno mai...
Mio cuore...
Dita di bambina...
LA SECONDA OPPORTUNI...
SCRIVO PER VOI...
SEI NEL MIO SO...
Maestro...
A ritroso e in avant...
La farfalla...
Sulfinia...
Universo blu...
A MAMO MIO AMICO DI ...
Haiku 27...
Non sappiamo nuotare...
La vera conoscenza s...
Con una pennellata v...
Verso...
Il cassetto dei rico...
Lettera di un alunno...
Orizzonti...
Imitando Guccini...
il bacio della luna...
Notte infernale...
LA MARIONETTA...
IL PESCIOLINO ROSSO...
Che botta!...
Dall'homo sapiens (p...
Una nuova conoscenza...
La Vita...
Discernere...
Addio...
Vorrei...
A FAVORE DI VENTO...
Giugno 2021...
Cuoreremita...
Odore di foglie bruc...
Non scomodate DIO...
La felicità non va c...
Artigli...
ELEMENTI...
UN FOGLIO UNA ...
IL SETTE LUGLIO DEL ...
La solitudine dell'a...
Tanka 20...
Centosessantasette s...
Ricordi d’estate...
La suora di Vigevano...
Prima che arrivassi ...
Solitari addii...
Da riproporre...
Caffè e impressioni...
Una sola gioia...
Le parole son l'onda...
Richiamo dell\'Eden...
DIDATTICA RAVVICINAT...
Per mano...
Giglio di mare...
POLPETTE...
le stagioni della vi...
Poesia...
Guccini Presidente...
EMOZIONI E SOGN...
Il profumo dell'atte...
L'ultimo libro...
Un avvocato , un sov...
Chiederò mare in bur...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

STANZA N.5

Se queste pareti potessero parlare,
sicuramente non avrebbero voglia di raccontare,
un quadro appeso ad un muro,
di dubbio gusto è sicuro.


Letti appeni messi in posa,
sgualcirli sembra proprio brutta cosa,
armadietti segnati dagli anni,
il malato vi ripone i suoi panni.


Sul muro campeggia una planimetria,
che del posto svela la geometria,
un camice attende sul letto il manichino del giorno,
qualcuno a casa potrebbe non far ritorno.


Lo specchio del bagno riflette,
i pazienti con in mano le proprie cartellette,
nella stanza si chiedono i documenti,
a qualcuno si senton tremare i denti.


Un paziente cammina senza fretta,
sulle novelle ciabatte penzola ancora l'etichetta,
arriva un'infermiera, sembra Caronte,
d'istinto metto la mano sulla fronte.


La tensione è alle stelle,
brividi scorrono sulla pelle,
non cerca me fortunatamente,
di fianco a me c'è un altro paziente,


Costui ha sul petto una lunga ferita,
per coprirla tutta servirebbe la lunghezza di quattro dita,
passa un'altra infermiera, odo il rumore della sua chiavetta,
neanche lei vien da me, ma va verso la macchinetta.


Il mio turno non è ancora arrivato,
verso la sala operatoria mi attende un percorso guidato.



Share |


Poesia scritta il 04/05/2021 - 11:37
Da Meneghino Stornello
Letta n.131 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


Carina la poesia. Mi è piaciuto il termine Caronte che hai dato all'infermiera come se la definiresti come un demonio. Simpatica questa definizione.

Alberto Berrone 05/05/2021 - 22:20

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?