Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il coraggio...
VACCINO...
Bambino...
FRONTIERA...
LA NATURA E\' ...
AURORE...
Nuovi mondi nei prob...
Giovedi...
Il vero benessere in...
Ieri, oggi...
IL BUIO NELLA STANZA...
Ventitré Giugno 1964...
Dietro la tenda...
Evaporato in una nuv...
Tormenti tragicomici...
Copèrta di foglie (u...
In palla...
Resta con me......
ULTIMO SALUTO...
Amore, in pratica...
Costiera...
QUANDO NON E' ...
Coccole primaverili...
I viaggi del sole...
Non c’è luce se l'...
Un fragile tappeto...
Le Chiavi del Destin...
Nizzarda...
La fata Nina...
Raccontami di quando...
Icaro...
Orizzonte...
Il mio primo e grand...
Modella di uno splen...
Non smetteranno mai...
Mio cuore...
Dita di bambina...
LA SECONDA OPPORTUNI...
SCRIVO PER VOI...
SEI NEL MIO SO...
Maestro...
A ritroso e in avant...
La farfalla...
Sulfinia...
Universo blu...
A MAMO MIO AMICO DI ...
Haiku 27...
Non sappiamo nuotare...
La vera conoscenza s...
Con una pennellata v...
Verso...
Il cassetto dei rico...
Lettera di un alunno...
Orizzonti...
Imitando Guccini...
il bacio della luna...
Notte infernale...
LA MARIONETTA...
IL PESCIOLINO ROSSO...
Che botta!...
Dall'homo sapiens (p...
Una nuova conoscenza...
La Vita...
Discernere...
Addio...
Vorrei...
A FAVORE DI VENTO...
Giugno 2021...
Cuoreremita...
Odore di foglie bruc...
Non scomodate DIO...
La felicità non va c...
Artigli...
ELEMENTI...
UN FOGLIO UNA ...
IL SETTE LUGLIO DEL ...
La solitudine dell'a...
Tanka 20...
Centosessantasette s...
Ricordi d’estate...
La suora di Vigevano...
Prima che arrivassi ...
Solitari addii...
Da riproporre...
Caffè e impressioni...
Una sola gioia...
Le parole son l'onda...
Richiamo dell\'Eden...
DIDATTICA RAVVICINAT...
Per mano...
Giglio di mare...
POLPETTE...
le stagioni della vi...
Poesia...
Guccini Presidente...
EMOZIONI E SOGN...
Il profumo dell'atte...
L'ultimo libro...
Un avvocato , un sov...
Chiederò mare in bur...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

PERCORSO GUIDATO

Da lontano si ode un passo svelto,
già dal letto mi son divelto,
"Buongiorno, Lei è Tizio, Caio , Sempronio",
ebbene si siamo proprio in un nosocomio.


" Si spogli pure senza fretta"
mentre guarda sull'orologio l'inceder della lancetta,
" Segua me in questo percorso",
Penso che sia meglio ricevere un morso.


Mi preleva un'infermiera tutta sola,
mentre sento il cuore in gola,
labirinti intrecciati controvento,
e io già ho perso l'orientamento.


Porte a destra a manca,
la mia anima avanza stanca,
ecco giunti ad una porta color canarino,
per aprirla serve passare un cartellino.


Si apre d'improvviso un girone dantesco,
chissà se da qui vivo ne esco,
in questo nuovo e ovattato ambiente,
per lo più supina si presenta la gente.


Mi sa quindi che ci si deve adeguare,
e infatti le ciabatte mi invitano a levare,
" Si sdrai su questo lettino",
mi faccio ancor più piccolino.


Comincia un altro cammino,
questa volta da supino,
le plafoniere su di me scorron veloci,
intanto degli anestesisti sento già le voci.


Odo: " Ora le farò un'iniezione intravena"
ed io: " Non parli così, non ne vale la pena",
nel frattempo la stanza cambia colore,
e di coperte calde sento l'odore.


Un altro piccolo tratto e sono a destinazione,
mi aspetta il chirurgo e la sua professione,
poi ora il narrar diventa un'evitabile tortura,
tutto terminerà con dei punti di sutura.



Share |


Poesia scritta il 04/06/2021 - 13:50
Da Meneghino Stornello
Letta n.76 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti

Nessun commento è presente



Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?