Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

IL SOGNO SPEZZATO...
Albe dorate...
Il fischio del merlo...
Rispettare la natura...
10...
La forma di una paus...
Il cuore pulsa di vi...
Povero gatto...
Il motivo delle dimi...
Il sellino lilla...
Piazzetta Gattamelat...
Questo è troppo!...
L'arrogante miseria ...
Veduta prospettica...
Cagliari, Via Napoli...
Mani...
IL PARADISO INFERNAL...
Oltre l'Infinito...
Aria di Luna...
Figlio...
Affiorano ricordi...
Il dominio del fuoco...
Smeraldi...
Notte tostata...
NOTTE DI AGOSTO...
SOTTO ASSEDIO...
Dove tramonta il sol...
Gogyohka...
Monotonia...
Appuntamento rionale...
Fantasia...
PISA...
Una foglia come cigl...
Gli incattiviti...
Giallo pervinca...
I CINQUE FRATELLI...
Odori antichi...
Internet è come una ...
Dietro le case la se...
GENERAZIONI DI S...
Ortensie e falesie...
Effimero Trionfo...
Come farfalla che su...
Pippo (no uno de i m...
Il mondo è taglia XS...
Cagliari castello Vi...
Profumo di mare...
nel gioco assorto di...
LA DOTE DELL' I...
Una stella...
Per caso....
Udite...
E ti penso...
Il maestrale...
Nostalgia e......
Azioni rionali...
Sto invecchiando...
Soggettiva...
Respirandoti...
GLI OCCHI DELL'...
Di primo taglio...
Choka...
Un reato commetti...
NOTTURNO...
Birre and bacon...
Il clown...
Santo Graal...
PER COSTRUIRE IL FUT...
Innamorarsi...
Cento euro...
Almeno fosse stata l...
Finire...
In un vicolo stretto...
Mondo a colori...
POESIA è AMORE...
Gomma a terra...
Bacca...
HAIKU N. 22...
STELLINA...
Un motivo per vivere...
Amarsi un po'...
Sotto il cielo dei m...
L' AMORE...
Comodato d'uso (offe...
Scrittura dedica Cam...
Firenze SMN...
Fiat voluntas tua...
Spazio Vuoto...
Pippo...
TI SENTO...
La mia libertà...
Idromele...
ESPLODE L' AMORE...
Perla...
Più....
In intimità lo chiam...
Diversamente intelli...
IL NOSTRO PRIMO INCO...
E fu subito sera...
Acciughe e accalappi...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Digressioni d'estate

In questo scampolo d’estate
zuppo d’olezzo di abbronzanti
seduto sulla riva guardo il mare
immerso in un vocio che mi disturba:


parole propalate alla rinfusa
riverberate assieme alla caldura
col sole afoso appeso allo zenit
che opprime mutandomi l’afflato.


Vorrei tuffarmi sotto l’onda
in apnea nuotare mille miglia
emergere lontano dalla sponda
là…dove il vento mi scarmiglia.


Ma l’acqua è un brodo di sentina
la lena or più non mi sorregge
l’insolenza maneggia di bolina
lungo la rotta ove il senso sfugge.



Share |


Poesia scritta il 17/09/2023 - 17:33
Da Francesco Scolaro
Letta n.292 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


Sai descrivere bene il senso del fastidio che colpisce chi il mare lo ama, senza il frastuono della gente. Bellissima

Margherita Pisano 19/09/2023 - 15:08

--------------------------------------

Complimenti.

Zio Frank Storie del gufo 18/09/2023 - 19:32

--------------------------------------

Sempre belle le tue poesie!

Maria Luisa Bandiera 18/09/2023 - 07:42

--------------------------------------

Bello il mare, magari senza voci è più bello! Un saluto

Mary L 17/09/2023 - 21:35

--------------------------------------

Come ti capisco!! Bella bella!! Complimenti!!

Anna Cenni 17/09/2023 - 20:55

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?