Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Sabato sera di quara...
DISTANZA DA......
*Parabolina* Vidi...
Pazienza e rinascita...
Albero,quadro eterno...
Invece...
Suggerimento...
Quietudine...
La Rosa profumata...
Preghiera 2...
LETTERA D' AMORE...
Sul filo dei sensi...
È SEMPRE MEJO ‘NA BO...
È come trovarsi un g...
SBAGLIARE ANCORA...
Sento lontano un rum...
Versi ribelli...
ALLA FINESTRA...
L'odore della pelle...
Città e paesi...
Quattro poesie picco...
Conforto...
La Droce...
Tutto è bello...
Quattro passi in cro...
Un silenzioso tramon...
Assentarsi....
Il Poeta...
Brescia Mia!...
HAIKU M1...
Dal salotto al soggi...
Verso l'alba...
Sedoka 10...
La Stanza Rossa (per...
1968... l'amore libe...
SUPPLICA A MARIA...
Oppressione...
Un cielo così non è ...
Abbracciami...
PER ASPERA AD ...
Ho fatto un sogno st...
Silenzioso...tempo...
LA NOTTE SVANISCE...
La coccarda tricolor...
ALBA CHIARA...
se tu non ci fossi...
Il figlio della luna...
Grunding...
La veste dell'anima...
…in cerca di titolo...
La nuova strada...
Vorrei ma non posso...
LE MASCHERE...
L'amore non era per ...
Lo steccato...
Il bagatto...
Marzo...
La maestra innamorat...
TERRA - VITA...
Solitudine...
In sospeso...
Ella è bella...
HAIKU L1...
.L'aeroplanino di ca...
La morte dell’Etica...
Sylvia Plath, non so...
Un piccolo spiraglio...
BASTÒ NIENTE...
La quarantena...
Non guardarla...
Pensieri contorti...
PASSIONE IRREALE...
Pazuzu...
SE CHIUDO GLI OCCHI....
alllodole...
TankaVirus 33...
haiku 44...
PANDEMIA...
Non suona primavera...
Vita der vicolo...
I fiori della primav...
Lasciatemi il tempo ...
Desideri...
Haiku n°13...
Trasparenze...
Il muro...
Noi...
Correva l'anno 1956,...
Non so quando torner...
Al vento, non c'è al...
Uomo...
Ho voglia di...
Fiori di carta...
Alberi come pensieri...
Come sei triste...
SERALE PARADOSSO...
Straordinario...
Logica follia...
Realtà...
La pace che stupisce...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



La pazza

Agata fissò con attenzione la stramba figura che le si pose davanti. Magrissima da far paura, lo sguardo spento, la pelle pallida, capelli biondi e orribilmente crespi. Le faceva impressione. Realizzò che si trattava indubbiamente di una pazza.
Agata, indietreggiò nervosamente a debita distanza, sentì i piedi che scricchiolavano sul parquet.
«I pazzi sono pericolosi e dovrebbero restare perennemente rinchiusi in un manicomio. Non in un posto come questo.» le disse ridendo istericamente.
La squilibrata si limitò ad un riso sardonico.
«Psicopatica che non sei altro, chi ti ha lasciato entrare?», continuò infuriata. «Chiunque sia stato deve essere un altro pazzo. Cose da pazzi. Che pazzo mondo.»
La mentecatta diventò improvvisamente e dannatamente inquietante tant'è che gli occhi sembravano iniettati di sangue.
«Qual è il tuo problema?» le sbraitò ancora e per di più gesticolando fino a stringere forte i pugni.
L'alienata la derise imitando con fare insolente i gesti di Agata, e, quest’ultima perdendo il controllo si mise a urlare rabbiosamente.
«Puttana schifosa, non ti permetto di prenderti gioco di me. Ti spacco la faccia!»
La matta decise di reagire, e corse per avventarsi verso la ragazza per colpirla con un cazzotto. Agata fece lo stesso alzando il pugno per aria e se lo scagliarono a vicenda. Lo specchio di fronte al lavandino si spezzò.
Della pazza non rimase altro che un milione di pezzi frantumati.



Share |


Racconto scritto il 23/02/2020 - 08:38
Da Giuseppe Scilipoti
Letta n.75 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Santa, ti ringrazio di cuore per il tuo bel e sincero commento.
La vita è già un "manicomio" e il fatto che esistono o sono esistiti i manicomi... è tutta una follia.
Soddisfatto poi che hai sottolineato la chicca finale, ci tenevo ad un effetto a sorpresa che in base al tuo intervento so di esserci riuscito.
Ad ogni modo, ho cercato di scrivere un componimento breve dal taglio veloce e quindi senza particolare elaborazione, per di più immettendo qualcosa di tipo surreale. Alla prossima!

Giuseppe Scilipoti 23/02/2020 - 22:16

--------------------------------------

Dopo tanto tempo che ti leggo dovrei essere abituata ai tuoi coolpi di scena, e invece no, ci casco sempre e questo è già un punto a tuo merito.la scorrevolezza e la sceneggiatura rendono la lettura molto attraente. Penso che ognuno di noi a volte ci guardiamo allo specchio e non ci riconosciamo perché ciò che vediamo non ci piace o viceversa. Reputo il tuo pregevole per le motivazioni che ho appena esposte. Ciao

santa scardino 23/02/2020 - 21:16

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?