Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Da riproporre...
Caffè e impressioni...
Una sola gioia...
Le parole son l'onda...
Richiamo dell\'Eden...
DIDATTICA RAVVICINAT...
Gli uomini sanno di ...
Per mano...
Giglio di mare...
Creare legami autent...
POLPETTE...
le stagioni della vi...
Poesia...
Guccini Presidente...
HAIKU T...
EMOZIONI E SOGN...
Il profumo dell'atte...
L'ultimo libro...
Un avvocato , un sov...
Chiederò mare in bur...
HAIKU 2 + 2...
Deponete le armi...
LA MAFIA...
Presa e vinta...
PROSEGUI IL VIAGGIO ...
L\'immenso...
Biancori...
Rime intorno a un ci...
In un mondo d’amore...
Sogni di bimbi...
Chiamala arte...
La fine del sogno di...
La giostra...
Divenire...
Contatto...
Il mondo all'impro...
Maria Bergamas...
Coda alla vaccinara...
Dea Natura (Concorso...
Arcobaleno di pace...
EMOZIONI...
Forse il Mare...
L'Amor Fraterno...
OCHE GIULIVE...
Intercessione...
DEDICA A CYRANO ...
BASTANO POCHE RIGHE....
L'ombra di un fiore ...
Il valore di esister...
Gigli bianchi...
Poesia...
Mariposas...
E ti penso......
Se mi portassi con t...
ICEBERG...
Fine di un amore......
Gabbiani...
Virgole del passato...
L'ultima storia d'am...
Fra le note...
CAMPANE FESTANTI...
Gesù...
LA MUSA E IL ...
Il Soffio...
La vita presenta il ...
Uomo di mare, e di r...
La pioggia...
La rinuncia...
Di quella pira l'orr...
PICCOLI GIOVANI ALBE...
Stefano D'Orazio...
Da quando sei entrat...
E' ora...
TUTTO CIÒ CHE IN UNA...
l'ammiratore...
Denominazione non co...
Superfluo...
I piccoli cervelli h...
Portami da lui...
Grovigli d\'inchiost...
Dolente passo...
SEI LA TERRA E LA MO...
Non si trapassa … si...
Passeggiata tra la n...
MARE CON BIMBO...
Streghe malvagie...
MISTICO ASCETA...
I vuoti dell’anima c...
Composizione n.347...
L'imbonitore...
Sei le parole che su...
Stupore...
L'INDEFINITO...
Rimpianto...
MARGHERITA...
La felicità di alcun...
L’oasi d’amore...
Invano...
Le fredde parole non...
Vorrei scrivere anco...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



La porta rosa

L’intrigante porta di un rosa antico seppur abbastanza logora attira la mia attenzione ogniqualvolta che passo da questa abitazione. E immancabilmente resto un po' a fissarla, a toccarla ed annusarla, specie nelle giornate d'inverno in quanto associo l'intimo grigiore atmosferico a chissà quale film surreale in bianco e nero nella quale viene dato colore ad un oggetto chiave. La porta mi ispira cose belle, dallo zucchero filato all'amore. La vernice, nonostante appaia visibilmente invecchiata, secondo la mia sensibilità si aggrappa a storie di giorni passati e di ricordi preziosi incisi in quella tonalità in verità non così sbiadita.
Dietro la porta immagino che ci abiti una fatina buona che con la sua bacchetta dona gioia ad anime tristi. Credo di non sbagliarmi.
In questo preciso istante sento una dolcissima musica provenire dall'interno della casa, note che fluttuano magicamente nell'aria lasciando all'esterno una nebbia profumata di gocce di menta piperita e baci di fragole.
Tutto ciò mi emoziona e mi rende felice.



Share |


Racconto scritto il 30/06/2020 - 13:36
Da Giuseppe Scilipoti
Letta n.332 volte.
Voto:
su 7 votanti


Commenti


Ciao Paola, ben ritrovata, è passato un pezzo dall'ultimo pezzo commentato. Mi ha fatto piacere leggere questo tuo intervento.
Quella porta rientra perfettamente su quanto affermi, essa mi appariva sospesa tra sogno e fantasia. L'immaginazione nonchè la sensibilità hanno un potere straordinario, illuminano i sensi e creano immagini che sembrano reali.
Quella porta... non la dimenticherò mai.
Paola, grazie per il tuo bel commento, roseo e squisito.

Giuseppe Scilipoti 08/07/2020 - 13:00

--------------------------------------

Capita non di rado di essere attratti da un oggetto, un suono, un profumo, che catturano la nostra attenzione magari perché richiamano alla mente qualcosa che ci appartiene.
Mi ha colpito questo tuo breve racconto, delicato, scritto come se descrivessi un sogno...
Bravo Giuseppe

PAOLA SALZANO 07/07/2020 - 12:00

--------------------------------------

* per queste "rosee" considerazioni. volevo scrivere nella prima parte della mia risposta.

Giuseppe Scilipoti 02/07/2020 - 08:10

--------------------------------------

La storia è troppo lunga da raccontare, vi basti sapere che passavo spesso dinanzi quella porta di colore rosa che mi ha ispirato questo racconto in rosa poetica, emh, in prosa poetica.
Ad ogni modo il ricordo della porta in questione è un qualcosa di indelebile soprattutto quel giorno che udii quella musica dolcissima e magica.
Peccato che non ho scattato una foto. La porta raffigurata qui su Oggi Scrivo che funge da copertina al mio brevissimo racconto però è abbastanza simile.

Giuseppe Scilipoti 02/07/2020 - 08:09

--------------------------------------

Barbara, Santa, Afrodite, Maria Luisa,Giacomo, Angela e Giulia Rebecca.
Ogni vostro intervento "porta" al sottoscritto tantissima gratificazione.
Grazie mille per questa "rosea" considerazione. Quanto avete letto tratta un periodo passato. In buona sostanza abitavo in una tediosa città chiamata Catania, una città non dico non bella ma pesante e difficile, tra l'altro a peggiorare le cose, ii quel periodo convivevo con la mia ex fidanzata assieme alla sua famiglia.
(segue risposta)

Giuseppe Scilipoti 02/07/2020 - 08:06

--------------------------------------

Apro quella piccola porta quando sono di fronte a esperienze dolorose e ho bisogno di esperire il senso della rinascita; il suo alone rosa trasforma in sentiero diverso le risposte liberatorie. Ti sfioro e mi si allarga il cuore. Ciao Giuseppe

GiuliaRebecca Parma 01/07/2020 - 18:19

--------------------------------------

Racconto molto raffinato e scorrevole... Complimenti

Angela Randisi 01/07/2020 - 08:52

--------------------------------------

Sì, concordo con i commenti precedenti...l'atmosfera magica l'hai trasmessa pure a noi ed hai acceso la curiosità di conoscere quella fatina. bravo Giuseppe...ciaociao.

Giacomo C. Collins 30/06/2020 - 17:11

--------------------------------------

Ed hai emozionato anche me con questa porta rosa antico dove il nostro immaginario interiore si diletta ad inventarsi dolci favole fantastiche cariche di misteriose magie. Mi è piaciuta particolarmente la descrizione iniziale sulla sensazione dei sensi, del tatto nel toccarla, il profumo d'antico nell'annusarla e via discorrendo ... bravo, bravo un racconto breve ma che apre spazi enormi alla fantasia!

Maria Luisa Bandiera 30/06/2020 - 15:35

--------------------------------------

Certamente è molto bello veder volare la fantasia dinanzi a quella graziosa porta rosa, dietro la quale hai saputo immaginare tantissime cose e con abile grazia le hai offerte al lettore.
Un racconto breve, ma denso di significato.
(A proposito, ho poi letto e commentato "Il cavaliere e la principessa")

Afrodite T 30/06/2020 - 15:15

--------------------------------------

Questo racconto ogni volta che lo leggi ti ispira cose nuove. Per prima cosa prevale la tecnica del fantastico al fine di esprimere sensazioni più recondite e personali. Esprime il frutto della sensibilità interiore di colui che scrive e nello stesso tempo trascina anche il lettore nel suo intimo pensiero. Una dose di dolcezza e di antiche leggende imprimono al racconto un'atmosfera di sogno e d'incanto. Un bravissimo con lode. Ciao Giuseppe.

santa scardino 30/06/2020 - 15:12

--------------------------------------

Ci fai entrare proprio in un'atmosfera magica e si intravedono anche storie antiche!Molto bello e scorrevole ...Giuseppe!

barbara tascone 30/06/2020 - 14:30

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?