Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

firenze santa maria ...
uomo...
Chi voglia sfamare l...
L'AVVOCATO DEL GOVER...
Un uomo...
EBBREZZA...
Forme...
L’autore del tomo- S...
Camouflage...
LA BOMBA DELL'IGNORA...
COZZA...
Andi grori...
Farfallina colorata...
HAIKU C2...
Konnichiwa...
Emozioni...
Granuli...
INCONFONDIBILI...
Parlami ancora...
AMORE PRIGIONIERO...
Il Plagio...
Senza la pace univer...
Il ladro di felicità...
L' INCONTRO...
Solamente attese...
Il tappeto volante...
La Porta Secondaria...
Senza ali...
Haiku n°14...
La poesia ha radici ...
Risvegli...
La fattucchiera...
Abbiamo imposto uno ...
I CANI E GLI ESSERI ...
OGGI SPOSI (juniores...
A26 da Novi Ligure...
Dalle cime alla foce...
Sterpaglie...
I due Dobermann...
LORO...
La mia terra...
ASCOLTA...
Guardo...
21:47...
SOLITUDINE LIBERTA...
Una canzone...
In tema di razzismo:...
Fiore...
Bologna, 2 Agosto 19...
ALLA STAZIONE...
Cammina con le scarp...
I dubbi del poeta...
Piccola lezione di s...
Straniero...
L\'uomo con la valig...
SI TRASFORMA...
Come navi sospese...
Viviana forse...
Amata mia Signora...
Per Lei...che è mort...
NONNA PIA IN CARROZZ...
L’autore del tomo- S...
Verde azzurro mare...
I colori di quel 2 A...
Milonga...
Bologna...
Vorrei esser vento...
Cercando cercando...
LA SUOCERA...
LA RAGAZZA NELLA PIO...
In dissolvenza...
Prendi esempio dalla...
Agosto...
FRAMMENTI DI UN...
Tristezze...
Leggiadra melanconia...
SAI......
Lucciola...
Nina...
Alla roggia...
E25 verso Novi Ligur...
Le barche gialle...
Il ritorno...
Luci sul mare...
Il gioco - parte sec...
fine giugno...
Una vita senza amare...
IL DONO...
Ricambio generaziona...
Ogni Mente a Suo Mod...
Vibranti emozioni...
Rinchiusa...
I giardini di Majore...
Una folata d'oblio...
Foglia unica...
UNCINETTO...
28 luglio...
Non temo la morte pe...
Chimera...
Preserva... emh, pre...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



Foglia unica

È un sabato d'autunno e con scarso entusiasmo inizio a raccogliere le foglie cadute dal mio tiglio, un albero che sembrava avesse il demonio, per quanto fosse esuberante.
Ho aspettato che cadessero tutte, o almeno era quello che stessi pensando, guardando tutti quei rami nudi. Invece non era così, ce n'era ancora una e verde. Beh, cadrà a breve, pensai, continuando a raccogliere quella montagna secca.
Così, ogni volta che passavo davanti al tiglio alzavo lo sguardo al cielo, tra i rami, sempre nello stesso punto, ed era sempre lì.
Oramai era diventato un appuntamento fisso. Passavo, mi fermavo, guardavo, mi sorprendevo. 
Iniziai pure a parlarle, sottovoce perché mi sentivo ridicolo, ma allo stesso tempo per non fare una cosa ancora più scema, salire fino lassù e strapparla con le mie mani.
“Sei contro natura!", fui perentorio e detto a una foglia speravo avesse un valore più vitale...più significante, invece mi parve di vederla, prima ondeggiare timidamente e poi inarcarsi esibendo un sorriso beffardo. Insistetti:" Ma è autunno e in autunno cadono le foglie,  tutte le altre foglie di quest'albero sono cadute...è così,  da sempre!", rendendomi conto, immediatamente, quanto non credessi a quello che stessi dicendo. In realtà ne ero affascinato. Stava affrontando una sfida impensabile. La sua unica vita era unica.
Iniziò a piovere, ma quelle gocce erano sorprese di trovarla ancora lì e a quel contatto inaspettato si rifiutavano di rimanerci a lungo, scorrendone via, rispettose. Insomma, era già Natale e non demordeva.
Soffiava la bora e sembrava crogiolarsi a quelle folate gelide, sbattendo sui rami, girandosi su se stessa, vibrando di curiosità.
Cominciavo a provare invidia.
A mezzanotte del 31 uscii in giardino per brindare tra botti e fuochi d'artificio e sono sicuro di averla vista curvarsi per ammirare quelle piogge colorate e improvvise. Cosa dire della neve? Anche quei fiocchi si depositarono delicatamente, ad accarezzare quell'audacia e quando l'inverno stava sfinendo, notai che Adele,  beh, eravamo diventati complici, anche se non riuscivo a staccarmi dal palo, era vibrante e soddisfatta, credo per la linfa più rigogliosa che la stava nutrendo, adesso che si appisolava in quei pomeriggi più lunghi e tiepidi.
Così, appena ne avessi occasione, mi sedevo sotto l'albero a parlarle, anche adesso che non era più sola. La primavera era, come si suo dire, sbocciata e adesso sul tiglio brulicavano nuove e tante altre foglie.
Oramai faticavo a distinguerla tra quel verde, ma Adele riuscì a sorprendermi ancora. Si lasciò staccare dal ramo e con una lenta caduta ondulatoria, cullandosi,  lentamente scese fino a posarsi sul libro che stavo leggendo, serenamente.
Anche per lei era giunto il momento.
Non lo so se Adele fosse quello che vedevo, ma sembrava felice, senza rimorsi.



Share |


Racconto scritto il 30/07/2020 - 17:57
Da Moreno Maurutto
Letta n.86 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Scusatemi Anna Maria e Maria Luisa...ho fatto confusione con i nomi...

Moreno Maurutto 31/07/2020 - 10:27

--------------------------------------

Già. Un non lasciarsi e un lasciarsi andare liberamente, senza convenzioni, con serenità, godendo del presente.
Grazie tante Maria Luisa!

Moreno Maurutto 31/07/2020 - 10:23

--------------------------------------

Io l’ho interpretato come metafora dell’esistenza di una persona particolarmente fuori del comune e eccezionalmente resiliente alle avversità della vita e anche, quella foglia, come una essenza compagna dell’anima, qui intesa non in senso non religioso. Testo scritto molto bene che si legge fluidamente.

Anna Maria Foglia 31/07/2020 - 10:07

--------------------------------------

Wow,grazie tante Mirko!

Moreno Maurutto 31/07/2020 - 09:42

--------------------------------------

Questo tuo testo, che ho letto tutto d'un fiato, è magico...c'è dentro un pizzico di mistero che accompagna il lettore fino alla chiusa, nella dolcezza di quel sereno posarsi sul libro. Complimenti

Mirko D. Mastro(Poeta) 31/07/2020 - 05:42

--------------------------------------

Grazie tante Maria Luisa!

Moreno Maurutto 30/07/2020 - 22:05

--------------------------------------

Simpaticissimo racconto, che incuriosisce durante la lettura, semplice e particolare tra dolci emozioni. Complimenti!

Maria Luisa Bandiera 30/07/2020 - 20:55

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?