Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

L'EREMITA...
HO VISTO COSE...
CRESCE...
Nudità...
Silhouette...
ESTATE...
Tempo...
666-Trittico (Sei la...
Resto a guardarti...
L'autunno suona l'ar...
SOGNANDO L' AMORE...
MUSICANTE...
Atipico Settembre...
Vento...
Il sempre che giuram...
Haiku 3a...
Libeccio...
IL MIO MONDO (al mio...
Di Altro Colore...
L'anima...
MA CHE UOMO SEI!...
Migrazione...
Verso l’inverno...
Racconterò di te...
La luce del pensiero...
Fermo Immagine...
Il tubo. Capitolo 4...
ORME...
Nuova genesi...
La buona notte...
Le piogge settembrin...
La bambola...
L’Alba del Serafino ...
PARLANDO ALLA LU...
Percepire e fare nos...
Insetti zizziosi...
Sale...
Strani incontri...
Segui i miei pass...
Haiku B...
Il Vecchio Poeta...
La mosca...
La lacrima ritrovata...
Il voto più bello...
È autunno...
La pastorella...
Quante volte...
A Chy...
feroce......
L' IMPORTANZA DE...
Strani incontri...
La sottile carezza c...
Al tramonto della vi...
Ho dei sogni...
Pioggerellina...
Un nuovo orizzonte...
MORBIDI SENTIERI...
URGENZE...
Oro del mio paese...
Il tempo della crisa...
Il segreto della luc...
RESPIRA...
In fieri...
L’Alba del Serafino ...
Una giornata nera...
L'Aquila e i 6 Avvol...
IL CANTO DELLA CASCA...
Un fascio di luce...
Tenera è la notte...
In punta di piedi (A...
Orologio biologico...
Perché io. Capitolo ...
2020 da dimenticare...
UN SERENO TRIONFO DI...
ATTIMO...
EL POETA ES UN...
Io noi e gli altri...
Canto di fiori...
Affetti...
Figlio...
Sciame di foglie sec...
Nyx...
POTER SOGNARE...
HAIKU F...
La casa di Arianna...
L'Eleganza si manife...
Tramonta l\'Estate...
Lettera al cuore dal...
tepore d' Autunno...
Cuoricino...
A Ritroso...
Notte...
Prologhi d\'autunno...
willy...
Autunno che viene es...
Credi che mi sono pe...
Saper accettare i ca...
LUCIA...
Conto alla rovescia...
Il tuo sorriso è ent...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



L’Alba del Serafino (Il Signore di…)

§ quattuor
Il Signore di Desolazione


Sospeso ai versi del barbagianni, un codibugnoli trasferisce a isolotti e scogli tutt’intorno che le bugie non sono sempre a disposizione di chiunque.
Una schiera di angeli caduti e di uomini all’alba procederà tra luoghi isolati nelle terre australi e antartiche delle Isole Kerguelen sotto la guida di quel Signore la cui penna trafigge più della lancia che domina il suo nome.
Quale luogo migliore di una terra quasi impossibile da raggiungere e con un clima inclemente per ammaestrare particolari soldati nell’attesa del giorno dell’ascesa al trono di Poèsia?
Qui tutto l’anno è plumbeo, spesso nevoso. Il vento gelido è di quelli che tagliano la faccia, e anche in estate le temperature che si attestano attorno ai dieci gradi rendono quest'isola remota e desolata. Ai confini del mondo.
Il suono raschiante delle lame si mescola a quello dell’Oceano Indiano che spazza l’arenile.
Agli ordini dell’Alto Spirito Sachiel si addestra con la spada il dominatore dei venti Arael, l’angelo capace di interferire con la mente umana. Con lui l’angelo Armisael che provoca la morte degli infermi per liberarli dalle loro sofferenze. E governa l’acqua trasmettendo in essa la morte, e usandola come contaminazione della malattia finale.
La lancia di luce e fuoco di Sachiel incrocia quella di Tabris, figlio di Lilith.
Sachiel, uno dei due angeli cherubini posti alla difesa del Giardino dell'Eden, decaduto e ora agli ordini del Signore del Rigo di Kerguelen, è pressochè invincibile: non può volare ma spiccare balzi lunghi, ed è in grado di rigenerarsi e al contempo di migliorarsi dai danni subiti.
Quest’isola inospitale su cui non cresce nemmeno un albero, dove vivono solo leoni marini, è lo specchio dell’animo del suo Signore. Nella battaglia alle Porte del Paradiso, nel tentativo di recuperare le Pietre dell’Angelo qualcosa si ruppe dentro il suo cuore permettendo alle tenebre di consumarlo. “Scavano senza licenza (…) gli anfratti dell’anima palesando fibre di emozioni macellate nel vortice dei sentimenti. Come farfalle sopra le rose mai colte e su peccati confessati dentro armadi di orgogli futili”, oltre la penombra “…rammenta mio leale Spirito”.
Alle porte di Poèsia avverrà ciò che da tempo è scritto, se il prescelto non restituirà musica alla pioggia: il Signore di Desolazione stringerà un’alleanza col Signore di Raja Ampat, sulla stretta di mano tra la Signora degli Inferi Lilith e l’angelo caduto Sachiel per la dominazione sulle terre degli uomini sino alle colline delle Quattro Lettere.
Confusione e tormento strizzeranno le anime delle genti, ingarbuglieranno le menti in inutili disquisizioni irriguardose tanto per dire qualcosa se benediranno questo accordo gli altri Signori del Rigo. Se l’intelletto degli altri Alti Spiriti arriverà a ritenere quest’alleanza degna di poesie da scrivere.
Rilucono con il temporale sulla tavola le due pietre oscure, offuscate del loro potere angelico dalle grida degli angeli rimasti sul campo di battaglia.


Dai restanti sette Luoghi del mondo drappelli di uomini e creature celesti muovono verso il regno di Hadrianus il Pacifico.
Il vecchio sovrano sta seduto sotto il grande Albero della Scrittura con le mani nelle tasche, tra i capelli argentati pesano pensieri. Si sente il pennino di una Musa…
…annegato nel calamaio


Arrivai in questo luogo
per sfuggire agli occhi
di una donna
che non conosco.
Sono la memoria di un viso sbiadito,
così celestiale da dover avere di diritto
un posto sulle colline delle
Quattro Lettere, non questo chiostro.
Se non fosse stato cagione dell’invidia
degli angeli, mentre su questa terra
non trova epiteti quanto basta soavi
per narrarlo la penna tra le mie dita.
Sono qui da così tanto tempo
che non so dire cosa sia
lirismo,
e quale la mia vita.


Il ricordo annebbiato dei
capelli di lei che gli accarezzano
la mente, ha il sapore di perifrasi.
Non giacque mai al suo fianco,
ma nei suoi carmi lei
seppe toccare le corde dell’estasi.
Divenne quel pensiero maleducato
che si infila dappertutto,
che porta fin sull’orlo di impazzire.
Fecero l’amore nei suoi versi.
E quando lei tacque,
per un breve attimo si sentì morire.



-“…“ alcuni versi dell’opera Amo la poesia dell’autore A. Girardi



4 di 9



- Il Signore del Rigo delle Kerguelen è depositario del bisillabo e del verso dei rapaci




Share |


Racconto scritto il 16/09/2020 - 15:49
Da Mirko D. Mastro(Poeta)
Letta n.89 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Voglio ringraziarvi, in questa situazione più che mai...per la vostra presenza su questo capitolo del quale io stesso riconosco una certa complessità alla prima lettura. Ho cercato più volte di dargli maggior immediatezza, ma poi ho smesso... insomma, nella mia testa lo vedevo così. Per questo ancora grazie

Mirko D. Mastro(Poeta) 18/09/2020 - 10:36

--------------------------------------

I tuoi racconti li leggo volentieri e mi sorprendono sempre lasciandomi dentro qualcosa.

Antonio Girardi 18/09/2020 - 09:01

--------------------------------------

Interessante anche difficile da comprendere.

Maria Luisa Bandiera 17/09/2020 - 14:16

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?