Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Le tre Madri!...
Nuvole e luce nella ...
Io manigoldo...
Però quant\'è vago i...
Oblio di ottobre...
CALA LA SERA...
Elucubrazione n. 1...
LUCI DELLA SERA...
Ci restammo dentro...
Ultima danza...
Concatenazione delle...
Terra muta...
Notte ad Est...
Terren senza via...
RIECCOCI...
Alcune persone prove...
Questione di forza...
Il silenzio...
Le persone buone...
Il principe e i suoi...
Sant’Ilario...
Il rumore della pio...
DONNE SALVEZZA ...
Bello stile...
Fa' che la tua vita ...
PERDITA...
Madre mia!...
Un ombrello chiuso...
solo...
Resta con me...
Deserto il tuo guanc...
Ammennicoli...
11:51...
Senza l'entusiasmo n...
Nessuno cercherà mai...
Che solfa...!...
Già mi manchi...
Camminando sulla bat...
Oggi come allora...
Schiudi...
A colloquio con Sten...
Perdono...
AL CHIARO DI LUNA...
Segmento...
IL MONDO CHE CROLLA...
è tornato alla terra...
Vissi d' amore...
IL TEMPO NON SEMPRE ...
Credo...
Un amore ingenuo...
MAGIA DELL' AMORE...
Tempo...
CULLA MARINA...
Due forme...
Simbiosi...
Ritratti o delle cos...
Un poco prima...
Il falco e l'usignol...
Luci e bagliori...
Le granite della zia...
Haiku n 10 a...
Petali...
Tempesta...
AUTUNNO...
La ballata della Buc...
Per te dalle mani bu...
Haiku 6...
In compagnia di due ...
Potessi io......
HAIKU H...
Langhe e Roero...
L'arca di Noè...
Giorno di giudizio...
LO ZERO E IL COVID-1...
Introspezione...
Nella mia solitudine...
Chicco Balleri...
Lampo....
Sire (cugino August ...
La memoria...
Archor...
Lalla...
Il mese dello Squarc...
IL VAMPIRO DICE ...
Lo spettatore...
Guidare la propria v...
Il cane...
Mormora (Concorso po...
Cuore felice...
Grotta del fico...
Dove sei?...
INTRECCIO...
Errare...
Oltre il tempo...
volevo descrivere fi...
Noi...
Cuccioli del mio cuo...
Cambio stagione...
MEDICI E INFERMIERI...
Si sa, l'unica cosa ...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



Il concetto di infinito

Durante la lezione, Walter alzò la mano e chiese al nostro eccentrico professore di matematica se poteva fornire una definizione più semplificata possibile del concetto di Infinito.
Questa fu la risposta che ricevette: Il concetto di infinito è inteso come ciò che non è compiuto, o come ciò che non ha limite.
Il mio compagno di scuola, non essendo un asso in materia e soprattutto duro di comprendonio, mise a dura prova l’“infinita” pazienza dell'insegnante con una sequela di domande.
Ad un certo punto il docente sorrise, affermando che avrebbe risolto il "problema" con un esempio pratico ed efficace. In men che non si dica, prese un gessetto bianco per tracciare sulla lavagna una linea continua di tipo orizzontale da sinistra a destra, partendo dall'alto in basso, per poi trascinarla verso il muro in direzione dell’uscita dell’aula, avviandosi con nonchalance attraverso il lungo corridoio sotto lo sguardo sbigottito del bidello. La linea di gesso, in modo imperterrito, arrivò persino all'esterno della scuola e proseguì sull'asfalto passando ben oltre la fermata dell'autobus. Assai stupiti, dalla finestra guardammo il professore allontanarsi.
Non l'abbiamo mai più visto.



Share |


Racconto scritto il 14/10/2020 - 14:26
Da Giuseppe Scilipoti
Letta n.135 volte.
Voto:
su 4 votanti


Commenti


Anna Maria, Maria Luisa, Barbara, Santa, Afrodite, Astra Sil e Moreno vi ringrazio infinitamente.
Esprimere concetti profondi e complessi con l'utilizzo di quelle venature ironiche si rischia di toppare.
I vostri bei commenti mi fanno capire che il testo oltre che l'avete gradito, avete saputo "assimilarlo" ovverosia cogliendo il messaggio o comunque la simpatica ed anche fin troppo pratica "lezione."
Un abbraccio infinito a tutti voi, quanto infinito è il piacere di essere qui su Oggi Scrivo.

Giuseppe Scilipoti 19/10/2020 - 11:35

--------------------------------------

Simpatico questo racconto e dal finale bizzarro. Mi verrebbe voglia di seguirlo questo professore per vedere fino a dove stia andando...

Moreno Maurutto 17/10/2020 - 15:51

--------------------------------------

Simpatico questo racconto, dall'atmosfera surreale...mi ricorda la creatività e la fantasia del grande Rodari.
Bravo da 5*****

Astra Sil 16/10/2020 - 13:31

--------------------------------------

Racconto breve, ma infinitamente carino.
Il vecchio professore, nell'intento di cercare risposte esaustive per lo studente poco ricettivo, trova un espediente alquanto bizzarro e forse "infinitamente" persuasivo, prima identificandosi in una linea infinita e poi annullandosi al suo interno, attraverso la scelta di sparire per sempre, silenziosamente ed infinitamente.
Molto bravo!

Afrodite T 15/10/2020 - 23:50

--------------------------------------

Attraverso un sano ed ironico racconto,( in questo vive la fantastica bravura dello scrittore)si affronta un tema che ha infiniti concetti. L'idea del non finito è un pensiero che da sempre ha affascinato la razionalità dell'uomp.Bravooooooo, ancora una volta.

santa scardino 14/10/2020 - 22:05

--------------------------------------

Finale a sorpresa da uno scrittore dotato di tanta fantasia e da una grande capacità di ironia e autoironia!Hai reso il concetto di infinito in maniera perfetta...e umana! bravissimo

barbara tascone 14/10/2020 - 19:45

--------------------------------------

Ma è bellissima .... mi ha fatto sbellicare dalle risa con la chiusa ... "Non l'abbiamo più visto." Grande e con un grande applauso 5 stelline ti sono dovute!!!

Maria Luisa Bandiera 14/10/2020 - 15:03

--------------------------------------

L’infinito è sempre un concetto che affascina:l’esempio esplicativo che viene proposto, con un pizzico di sana ironia, dà un serio contributo alla riflessione.

Anna Maria Foglia 14/10/2020 - 15:03

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?