Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Unilaterale pensiero...
Crete...
FANTASIE D' AUTUNN...
LA VILLA...
Lullaby...
Vago silenzio...
A mezza vita (2/2)...
La Dalia...
A mio Padre...
Fiore del deserto...
Un volo di rondini è...
Gocce....
La Tela del Ragno...
Di noi...
Un'amarezza...
POESIE D' AMORE...
IL RAGU' DELLA DOMEN...
Sola...
Se potessimo...
ottoeventisette...
HO VISTO LEI...
E sembra stupido...
A mezza vita (1/2)...
Sei bellissima...
Turista nella nebbia...
L' ANANAS IN OFFERTA...
Tra i righi...
fai piano...
Geova, il tuo nome...
E NIENTE......
un sorriso...
dicono...
Il mio primo autunno...
Good luck...
Siamo luci disperse ...
Gerarchie d'autunno...
Con la voce dell'ani...
Groviglio...
Senza confini...
Cristo Signore, dand...
Il tuo Volere...
Scrivere per esister...
Approdo letterario...
MORTE DELL\' ANIM...
Amore ovattato...
Sei strana...
VOLTO...
IL GRIDO DELLA VALLE...
Appunti appuntiti...
L’uomo che coltiva l...
E piove così...
Se l'amore crea e l'...
Casto sonetto...
Nuda...
Libertà...
Stella morta...
Spiragli di visioni...
Per rifornirci di fi...
TUTTE LE MIE NOTTI.....
Redimere il silenzio...
La nostra vera ident...
Giovinezza...
TU IL MIO SOGNO...
Si sveste il castagn...
Un giglio fresco è ...
Poesia all'inverso...
E così non mi ricono...
Per una amica...
Il drago spazientito...
Ravello...
Oltre quella siepe....
L'arte di amare è un...
I NOSTRI LUOGHI...
Il Ponte...
Precipizio...
Un dolce canto...
La nuova tela...
BISOGNO...
Intro versi...
Gigì il piccolo gira...
SI DESTANO I RI...
Ora che sei......
ancora occhi...
PASTA AL FORNO...
Rosso cuore...
Stolta malinconia...
Caro babbo...
Insieme fino al mare...
Luna...
La vanità è causa di...
Alfa, beta, gamma e ...
La stanza che aspett...
Nel sottobosco quand...
Una via d'uscita...
LA DEBOLEZZA DEL...
INNO ALLA SHOAH Lacr...
Siamo atomi strettam...
je ne savais pas...
FINALMENTE IO...
IN QUEL DIVINO VOLER...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Cartoline dal futuro

L’ombra del cavalletto era sempre a qualche spanna da me. Non voleva piegarsi alla notte, ma desiderava aggrapparsi alla luce furtiva dello scantinato.
A quel silenzio che sembrava proibito, impenetrabile come l’essenza di un sogno. Potevo non essere bravo, ma mi sentivo libero di sfidare le convenzioni, riproducendo un mondo in cui la logica non doveva necessariamente trionfare.
«Perché quell’uomo è disteso sulla cima di un vulcano?» era una delle tipiche domande di Gaia, mia figlia, quando sceglieva di trascorrere parte del suo tempo insieme ai miei bozzetti.
«Perché nessuno gli ha mai detto che corre un pericolo.»
«Lui non lo capisce?»
«Lui vede solo un appoggio per potere arrivare ancora più in alto.»

***

Quando il vulcano eruttò, Gaia era sempre a fianco a me. Faceva i suoi compiti e disegnava quelle che chiamava “cartoline dal futuro”.
«Diventerò una fotografa. Scalerò le montagne più alte del mondo.»
Avrei dovuto lasciare l’appartamento l’indomani, il divorzio era ormai cosa fatta, e la pazienza di Rossana si era ampiamente esaurita.
«Dormirai qui sotto anche stanotte?» mi domandò Gaia, mostrandomi il suo cartoncino in cui io e lei costruivamo una torre nello spazio.
«Sì. Alla mamma danno fastidio gli odori dei pennelli.»

***


Ancora una volta, l’ombra del cavalletto è immersa nella stanza. C’è soltanto una finestra, in questo locale all’ultimo piano. L’ho affittato per un paio di mesi, poi dovrò cercare qualcosa di più economico. La luce del lampione investe le mie tele rimaste senza appoggio. Gaia mi ha inviato un’altra cartolina: sta scalando una parete della Sierra Nevada, e spera di arrivare quanto prima al Pico del Veleta, per proseguire il suo reportage.
Non so ancora se mi abbia perdonato: però, fin tanto che guarderemo il mondo dall’alto, ci sarà sempre una torre nello spazio, da dipingere insieme.




Share |


Racconto scritto il 27/09/2021 - 12:59
Da Francesco Paolo Hutin
Letta n.153 volte.
Voto:
su 3 votanti


Commenti


Sono fotogrammi di un rapporto padre/figlia ostacolato dalle necessità della vita e da un fulmineo imprevisto (il divorzio). L'ultimo 'frammento' è evidentemente una 'cartolina dal futuro', in cui - nonostante le distanze - l'unione padre/figlia si fortifica nella dimensione della passione artistica che li ha sempre legati nel fondo. Saluti.

Francesco Paolo Hutin 27/09/2021 - 15:29

--------------------------------------

Il racconto è scorrevole e scritto bene ma io non sono riuscita a coglierne il senso. Una nota al fondo sarebbe stata gradita.

Maria Luisa Bandiera 27/09/2021 - 14:47

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?