Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Anima solitaria...
Poteva essere...
Scale verso il nulla...
Nonostante il freddo...
RICORDANDO L' AMOR...
Come fogli di carta...
Ritrovarsi...
PLACIDO...
L'amore è un destino...
L'ombra (lipogramma...
Non conosce falsità ...
Stampata sugli euri...
Carcerieri di noi st...
Pippo il Polpo...
Sprazzi Vitali...
Nuvole bianche...
CON STILE...
Ideare e progettare ...
Brividi assalgono...
Dove osano le oche o...
QUANDO SCRIVO...
Orologio...
Anche se (100 parole...
Proverbio indù (100 ...
Câblé n.5...
Luce e penombra...
Il meteorite gigante...
La solitudine bisogn...
mila pezzi...
Autunno Asseminese. ...
HAIKU 37...
È ancora primavera...
Il Dolore...
E tra I flutti una s...
L' AMORE HA CONOS...
Ti scrivo (100 parol...
VIVERE IL PAESE...
Velatura...
Fascio...
Non temere l’insicur...
Moto Zen (1)...
La tomba di Renzo eL...
Guadando il fiume...
Ciò che rimane ( con...
melograno...
Anima....
Masai...
Inquietudini...
L'autocontrollo è un...
Attesa...
Attimi (concorso poe...
Essere...
La pastora...
Qualche rivolo in me...
SULL’ORLO DEL BARATR...
DANZANDO CON TE...
Alla mia cara gatta ...
I lucchetti che apro...
Il buio...
Io prendo la minima...
Primitives...
Io e te per sempre...
Se guardi nel rifles...
Ho chiesto alla brez...
Il cambiamento clima...
Nuovo giorno...
Politica e corruzion...
Villaggi scomparsi...
RAGGI D'OMBRA...
I pensieri di oggi...
IL LABIRINTO DEL...
Avvelenata...
Quando seppellirono ...
TRIAGE...
Stille dal camino...
Il giglio d',Italia...
Amore...
GLI ASINI DI BRUXELL...
Predatore del silenz...
Un bacio, ovunque se...
Fu...
ATTIMO...
CORIANDOLI E' CA...
Hanno scelto il sile...
Il raglio dell'asino...
Una donna sta anche ...
Attesa...
Raggio verde...
Dioniso...
: Haiku :...
Un sogno sognato non...
Ricordi 5/2/2023...
Voglio sognare...
Scrivo di te ( 100 ...
Costruire su macerie...
AMA I TUOI SO...
Il tuo ricorso...
Innamorarsi é una ma...
Giallo paglierino...
In piedi dentro a un...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

4:50

Qualcuno di recente mi ha fatto notare che nelle mie poesie, più che nei racconti, parlo spesso dei miei affetti, dei miei ricordi.
Ché dovrei essere meno diretto e più universale, più distaccato.
Un automa, un bamboccio da post, un idiota da trofeo.
Bene sentite qui: la prima volta che ho avuto un incubo dormivo tra mia mamma e il mio fratellone e per proteggermi giocherellavo con l'elastico della camicia da notte di mia mamma. Ora mio nipote fa lo stesso con il cordoncino del ciucciotto ed è un bimbo d'oro e io lo adoro come non avrei mai immaginato possibile.
Sono le 4:50 del mattino e mentre scrivo mi accorgo di avere la mente tra i capelli di Chiara come la prima volta al mare, come gli smeraldi di sapone a Marsiglia, come il verde degli alberi sotto casa, come il vento tra le dita vissute di mia nonna che mi saluta a un passo dalla fine del vicolo.
Eccomi a tre o quattro anni seduto in cucina su un tavolo di legno scuro, mia zia appena arrivata da Madrid spalma sul mio viso una crema balsamica e nutriente come l'abbraccio di una certezza senza abbandono, il sospiro prima del salto nel vuoto degli affetti più profondi.
Da un cassetto impolverato della memoria tiro fuori una foto che corre come un levriero tra i capelli ricci di quei due che sorridono in motorino: mio zio Easy Rider, io docile bimbo felice.
Improvvisamente un flashback che sa di salsedine e acqua ossigenata affiora da un'estate di t-shirt e super santos. Su, oltre gli scogli e gli sbuffi crespi ci sono una dozzina di ragazzetti che sorridono in una camera amatoriale mentre le ore passano e gli anni ristagnano.
Parlatemi del mondo e delle sue regole vacue, io sono qui e voi vi affannate a fare becera scrittura mentre ciò che voglio non è altro che liberarmi del peso dei miei ego trascorsi a cercare una realizzazione che di fatto ho sempre avuto a portata di penna.
"Perché con questa spada vi uccido quando voglio".
Ultimamente, vivo gran parte della mia esistenza come un regista che collega le bobine alla cieca sperando in un finale hollywoodiano che non sia solo effetti speciali e dialoghi appesi a un filo spinato.



Share |


Racconto scritto il 21/11/2022 - 19:14
Da Marco Mitidieri
Letta n.531 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Mille grazie Mirella!

Marco Mitidieri 23/11/2022 - 17:00

--------------------------------------

MARCO...Il tuo è uno scrivere originale non badare a chi mette freni alla fantasia. Uno scrittore ha bisogno dei ricordi, degli affetti, delle emozioni continua cosi che vai alla grande. ciao

mirella narducci 23/11/2022 - 16:38

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?