Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Francesca Manzella...
Tra uno strappo e un...
Io ti canto...
Giaccio...
Vado sfogliando...
Dove sei andata ?...
Elisei...
Il testa di caxxo...
Un piccolo pianto...
Alla mia meraviglia...
Umanità fallita...
PETRA...
Anima solitaria...
Poteva essere...
Scale verso il nulla...
Nonostante il freddo...
RICORDANDO L' AMOR...
Come fogli di carta...
Ritrovarsi...
PLACIDO...
L'ombra (lipogramma...
Non conosce falsità ...
Stampata sugli euri...
Carcerieri di noi st...
Pippo il Polpo...
Sprazzi Vitali...
Nuvole bianche...
CON STILE...
Ideare e progettare ...
Brividi assalgono...
Dove osano le oche o...
QUANDO SCRIVO...
Orologio...
Anche se (100 parole...
Proverbio indù (100 ...
Câblé n.5...
Luce e penombra...
Il meteorite gigante...
La solitudine bisogn...
mila pezzi...
Autunno Asseminese. ...
HAIKU 37...
È ancora primavera...
Il Dolore...
E tra I flutti una s...
L' AMORE HA CONOS...
Ti scrivo (100 parol...
VIVERE IL PAESE...
Velatura...
Fascio...
Non temere l’insicur...
Moto Zen (1)...
La tomba di Renzo eL...
Guadando il fiume...
Ciò che rimane ( con...
melograno...
Anima....
Masai...
Inquietudini...
L'autocontrollo è un...
Attesa...
Attimi (concorso poe...
Essere...
La pastora...
Qualche rivolo in me...
SULL’ORLO DEL BARATR...
DANZANDO CON TE...
Alla mia cara gatta ...
I lucchetti che apro...
Il buio...
Io prendo la minima...
Primitives...
Io e te per sempre...
Se guardi nel rifles...
Ho chiesto alla brez...
Il cambiamento clima...
Nuovo giorno...
Politica e corruzion...
Villaggi scomparsi...
RAGGI D'OMBRA...
I pensieri di oggi...
IL LABIRINTO DEL...
Avvelenata...
Quando seppellirono ...
TRIAGE...
Stille dal camino...
Il giglio d',Italia...
Amore...
GLI ASINI DI BRUXELL...
Predatore del silenz...
Un bacio, ovunque se...
Fu...
ATTIMO...
CORIANDOLI E' CA...
Hanno scelto il sile...
Il raglio dell'asino...
Una donna sta anche ...
Attesa...
Raggio verde...
Dioniso...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Costruire su macerie

Le gocce di pioggia sul vetro luccicano come un cielo nero spruzzato di stelle. Continuo a setacciare la mia anima per far cadere la sabbia di ricordi pesanti che la abitano ancora; ma tu non cadi mai, e riaffiori ancora da quel caos che vorrei disperdere. Sei invece nitida e abbagliante tra le cose che vorrei dimenticare, seppur una pagina ormai scura della mia storia.
L’aver ritrovato i tuoi messaggi di anni fa non aiuta; l’immagine di te, felice per come ti guardavo quella mattina qualsiasi, mi tormenta, mi distrugge nuovamente le fondamenta di questo “star bene” che sto provando a costruire; e tutta la struttura precaria viene giù di nuovo io con lei sono di nuovo a terra.
Si sa che costruire sulle macerie non è mai una buona idea, macerie di giorni andati come queste bruciano ancora e fumano e sporcano tutto di nero; più si prova a spostarne i tizzoni ardenti e più ti fai male,
Non torneremo più.
Non so davvero come risolvere la cosa, non so se sia meglio restare fermo, non andare a toccare nulla del casino che ho dentro, far finta che sotto a questo ammasso di cose non ci sia nulla di triste; oppure continuare a smuovere tutto per trovare il bandolo di questa matassa infernale e ritrovarmi di nuovo faccia a faccia con te.
Guardare nel passato però, è per me come rovistare in modo maldestro in una ferita ancora troppo aperta; il restare immobile invece, un tardare questo affronto che ho coi miei rimpianti che portano il tuo nome.



Share |


Racconto scritto il 11/02/2024 - 15:28
Da Andrea Zampella
Letta n.58 volte.
Voto:
su 0 votanti


Commenti


Apprezzato, ricostruire è sempre buona cosa.

Maria Luisa Bandiera 12/02/2024 - 08:08

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?