Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Albeggiando...
FOGLIA...
Io amo la poesia...
FRUSCIO DI FOGLIE...
Pioggia...
Pensieri sciolti...
L'EREMITA...
HO VISTO COSE...
CRESCE...
Nudità...
Silhouette...
ESTATE...
Tempo...
666-Trittico (Sei la...
Resto a guardarti...
L'autunno suona l'ar...
SOGNANDO L\' AMOR...
MUSICANTE...
Atipico Settembre...
Vento...
Il sempre che giuram...
Haiku 3a...
Libeccio...
IL MIO MONDO (al mio...
Di Altro Colore...
L'anima...
MA CHE UOMO SEI!...
Migrazione...
Verso l’inverno...
Racconterò di te...
La luce del pensiero...
Fermo Immagine...
Il tubo. Capitolo 4...
ORME...
Nuova genesi...
La buona notte...
Le piogge settembrin...
La bambola...
L’Alba del Serafino ...
PARLANDO ALLA LU...
Percepire e fare nos...
Insetti zizziosi...
Sale...
Strani incontri...
Segui i miei pass...
Haiku B...
Il Vecchio Poeta...
La mosca...
La lacrima ritrovata...
Il voto più bello...
Lucciole spente...
È autunno...
La pastorella...
Quante volte...
A Chy...
feroce......
L' IMPORTANZA DE...
Strani incontri...
La sottile carezza c...
Al tramonto della vi...
Ho dei sogni...
Pioggerellina...
Un nuovo orizzonte...
MORBIDI SENTIERI...
URGENZE...
Oro del mio paese...
Il tempo della crisa...
Il segreto della luc...
RESPIRA...
In fieri...
L’Alba del Serafino ...
Una giornata nera...
L'Aquila e i 6 Avvol...
IL CANTO DELLA CASCA...
Un fascio di luce...
Tenera è la notte...
In punta di piedi (A...
Orologio biologico...
Perché io. Capitolo ...
2020 da dimenticare...
UN SERENO TRIONFO DI...
ATTIMO...
EL POETA ES UN...
Io noi e gli altri...
Canto di fiori...
Affetti...
Figlio...
Sciame di foglie sec...
Nyx...
POTER SOGNARE...
HAIKU F...
La casa di Arianna...
L'Eleganza si manife...
Tramonta l\'Estate...
Lettera al cuore dal...
tepore d' Autunno...
Cuoricino...
A Ritroso...
Notte...
Prologhi d\'autunno...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Infiorare avrei voluto i nostri giorni

Infiorare avrei voluto i nostri giorni
e il tuo capo infrondare con altri allori,
il denutrito cuore saziare
con bacche di gelso e more
ma solo arse foglie
e lazzi frutti di rinsecchito legno
oggi appena so darti in dono!
Viene il momento in cui tutto agonizza
e ogni cosa, esangue e vacua, si scompone,
da roghi morenti che più non si avvivano
crepitii più non ascolti e nell’anima
ammalata, che non sa più stare in piedi,
solo silenzio di ceneri odi e rimane.
Altro invaso fuor di me
non ha questo mio male
che fiotta con ardita foga
e che se tracima o esonda
nell’infinito vuoto sfocia.
Ma nella fedeltà che non muta,
dall’ ammutolito mio fagotto,
per uno stretto forame un filo
di speranze, fluendo a te conduce.
E’ da questa mia prigionia
che aspetto un gesto tuo,
che pane d’amore mastico adagio
e capriola qualche speranza;
è qui che qualche foglia
ancora riparo trova dal vento;
è in quest’ombra che un sasso
algido fonde fissato dal sole.
Pur se scialbo e ambiguo
appare il sorriso del domani
e specchio d’acqua
il volto sereno non rifrange,
ignora lo stesso il mugolio
che da quest’oggi in fuga tu odi;
sfollato da un tuo bacio
il lagno rauco del mio gemito,
inudibile, si allontani e si dissolva.



Share |


Poesia scritta il 10/11/2014 - 20:05
Da Angelo Michele Cozza
Letta n.564 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Veri sicuri, sentiti, efficaci.

Ugo Mastrogiovanni 11/11/2014 - 11:18

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?