Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

L’occhio Destro....
RICORDO DEL PRIM...
Fiume...
Messaggio in bottigl...
PER TE...
COSA C'È...
EUROPA...
La notte alle porte...
Un bambino mai nato...
Scrivere dislessico...
PORTAMI NEL TUO MON...
Le parole che.mancan...
Quand\'è che riuscia...
A mia madre...
Di ogni cosa...
PRIMAVERA...
Svanisci...
Ics...
Lacrime di nostalgia...
Come stai...
Come volevi tu...
PREGHIERA DI UN BAMB...
Duetto verde bottigl...
DIMMI...
L’importante è esser...
Non dimenticarmi...
BAGNO A MEZZANOTTE...
ARMIAMOCI DI AU...
Haiku 3...
Impara a respirare...
LA TRAGEDIA DELLA VI...
tramonto di maggio...
Cap 4. I Delitti Del...
TU LA CHIAMAVI MAMMA...
Sei tu soltanto...
IL suonatore di seni...
Scomparsi...
Giorni amari...
Realtà Surreale...
Chi sono?...
Lontano è qui?...
Stella Regina (filas...
Bali...
SE POI ANCHE IL CIEL...
Libertà e finzione...
Addio...
Tu che vivi nell'ing...
Sto bene...
Nel segno del cancro...
Universo...
Haiku L...
C'era una volta......
Il volo del Gabbiano...
Tra cento anni…...
Febbre...
Primavera montana...
Haiku c...
ASPETTARE...UN ABI...
Ritratto...
I commensali...
La voce del silenzio...
La burba...
Portami dove sei fel...
Senza timore...
VITA DA NONNO...
Haiku 6...
Il mugnaio...
ANIMA NUDA...
...di lei con me...
Nonostante tutto...
IL CUORE DEL RE...
Manca...
Nessun verbo...
Se la passione è il ...
In immensità di sogn...
a giovanni falcone...
VORREI PARLARTI...
Due vecchie amiche...
Il volto di mia madr...
COME SPIGA...
Cresce bene il bambi...
Di te...
Solo un sorriso...
LA REGINA MORGANA...
Temo la morte come l...
Chiesetta di San Gio...
…...
MAMMA...
Cent'anni di solitud...
Sicurezze...
Il cacciatore...
fibromialgia...
Nella mia poesia, ma...
Grazie, mamma...
Ninna nanna per te M...
L' amore ha pazienza...
U mere nuste - Il ma...
Il sabato pomeriggio...
Fallimenti...
Relitto...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Alterata coscienza

L'abbraccio più non sento
del ramo della vita
che mi stringeva a sé
come la madre
il proprio figlio al seno



il ticchettio della pioggia
o il soffio della brezza
lieve come un respiro
o una tenera carezza.


Più non m'è dato udir
dell'usignolo il canto
d'ascoltarlo amavo tanto,
il rinsecchito nido
ora osservo affranto.


L'abietto tempo passa
ed io qui all'addiaccio
estraneo all'erba aulente
col corpo inerte giaccio


al cielo senza più il sole
lo sguardo mio volgo
mentre lento affondo
nel limaccioso fango.


Vedo prati verdi
immensi, senza confini,
odori di alberi in fiore
né freddo né dolore.


Nel mio stato
d'alterata coscienza
dello spazio infinito
della luce, del silenzio
ora avverto l'essenza.



Share |


Poesia scritta il 17/04/2019 - 16:15
Da Vincenzo Cassano
Letta n.54 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Particolare e originale!!!

Maria Isabel Mendez 18/04/2019 - 00:54

--------------------------------------

Bella!

Grazia Giuliani 17/04/2019 - 18:42

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?