Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Sabato sera di quara...
DISTANZA DA......
*Parabolina* Vidi...
Pazienza e rinascita...
Albero,quadro eterno...
Invece...
Suggerimento...
Quietudine...
La Rosa profumata...
Preghiera 2...
LETTERA D' AMORE...
Sul filo dei sensi...
È SEMPRE MEJO ‘NA BO...
È come trovarsi un g...
SBAGLIARE ANCORA...
Sento lontano un rum...
Versi ribelli...
ALLA FINESTRA...
L'odore della pelle...
Città e paesi...
Quattro poesie picco...
Conforto...
La Droce...
Tutto è bello...
Quattro passi in cro...
Un silenzioso tramon...
Assentarsi....
Il Poeta...
Brescia Mia!...
HAIKU M1...
Dal salotto al soggi...
Verso l'alba...
Sedoka 10...
La Stanza Rossa (per...
1968... l'amore libe...
SUPPLICA A MARIA...
Oppressione...
Un cielo così non è ...
Abbracciami...
PER ASPERA AD ...
Ho fatto un sogno st...
Silenzioso...tempo...
LA NOTTE SVANISCE...
La coccarda tricolor...
ALBA CHIARA...
se tu non ci fossi...
Il figlio della luna...
Grunding...
La veste dell'anima...
…in cerca di titolo...
La nuova strada...
Vorrei ma non posso...
LE MASCHERE...
L'amore non era per ...
Lo steccato...
Il bagatto...
Marzo...
La maestra innamorat...
TERRA - VITA...
Solitudine...
In sospeso...
Ella è bella...
HAIKU L1...
.L'aeroplanino di ca...
La morte dell’Etica...
Sylvia Plath, non so...
Un piccolo spiraglio...
BASTÒ NIENTE...
La quarantena...
Non guardarla...
Pensieri contorti...
PASSIONE IRREALE...
Pazuzu...
SE CHIUDO GLI OCCHI....
alllodole...
TankaVirus 33...
haiku 44...
PANDEMIA...
Non suona primavera...
Vita der vicolo...
I fiori della primav...
Lasciatemi il tempo ...
Desideri...
Haiku n°13...
Trasparenze...
Il muro...
Noi...
Correva l'anno 1956,...
Non so quando torner...
Al vento, non c'è al...
Uomo...
Ho voglia di...
Fiori di carta...
Alberi come pensieri...
Come sei triste...
SERALE PARADOSSO...
Straordinario...
Logica follia...
Realtà...
La pace che stupisce...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it

Dedica

Quali parole potrò dirti?
Penso un po’.
Mi arrovello alquanto, con la penna in mano,
cercando frasi inusitate,
che sfuggano
all’ordinaria e martoriata consuetudine
di un «Ti amo».
E allora:
una rima alternata
per evitare di banalizzare
un bacio;
una metafora singolare
per dirti che
sei unica;
il verso immisurato
per evitare di costringerti
in una bolla di accenti e ritmo.
All’esito di tutto…
Forse…
È nella parola non ricercata
che risiede
l’unicità di quello
che provo.
È nell’averti di fianco
ogni mattina,
mentre mi respiri addosso,
il miracolo della rigenerazione.
È nell’intreccio delle nostre dita
la purezza di ciò che sento.
E dopo tutto questo sproloquio,
poiché non serve aggiungere nulla
alla completezza,
l’unica frase che racchiude tutto,
togliendo
gli aggettivi,
gli accrescitivi,
i miei adorati avverbi:
«TI AMO».


Share |


Poesia scritta il 17/02/2020 - 15:33
Da Giuseppe Centamore
Letta n.84 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Mi sono emozionata tantissimo, che dire? Poesia immensa! Chapeau!

Maria Luisa Bandiera 17/02/2020 - 18:04

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?