Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Campi desolati...
Labbra...
Dedica ai non presen...
Impressioni...
PASCIUTI TARLI...
Non v'č esistenza pi...
Io, papā e il lago...
La luce nella nebbia...
La lapide di ghiacci...
Appartengo...
SOGNI...
Disegnerō l'amore...
QUANDO...
INNAMORATA...
Haiku 67...
Male oscuro...
Pensiero...
Stelle filanti (O te...
Ipnosi...
PRIVO DI LIBERTA'...
Nel deserto dell'ani...
Lui ti chiama...
A lavč la cāp o ciųc...
Morti Inutili...
I RIFLESSI DEL TRAMO...
Mare d'inverno...
ALL'OMBRA DEL GIGANT...
Spirito Ribelle...
Assiomi...
Archivio...
Pensieri e parole d'...
Le poesie...
Ciao MAMMA....
IL PITTORE DI PAROLE...
CARI ESTINTI...
Guardando il cielo...
Pratoline di marzo...
GIOCHI PROIBITI...
Risuona sul campanil...
In cerca d'ispirazio...
Stelle filanti (Benv...
Adagio...
Una notte irlandese...
si, so che lo sei...
Chi sa...
Viviamo di calore um...
Mareggiata Del Cuore...
Fermati...
VITTORIA...
Poesia č......
Composizione n.380...
Sorride...
Piccole grandi felic...
Testimoni preziosi...
Occhi belli...
Immagina...
Io Filosofo Tu Ladra...
il Sole a Mezzanotte...
Il tuo sorriso...
IL CREATIVO...
Diapason...
Ultimo sogno...
Don Gesualdo 2...
LA NATURA SI R...
il guerriero...
LA MARGHERITA...
Il cannocchiale...
Venite...
Stelle filanti (Benč...
Nel profondo dell'an...
L' attimo...
PER LA MIA STRADA...
No...
Il dipinto...
E poi mi dicevi...
I colori del tempo...
VIRTUALITA’ in campa...
Ridammi il sorriso...
parlami ......della ...
Il silenzio č parola...
Abbandonati, ti rico...
Agli innamorati...
Giorni fragranti...
Il canto della notte...
Mamma e Madre...
Stelle filanti (Mand...
Dolce luna...
Mare d'inverno...
UNICITA' UN DON...
Il pizzaro Pasquino...
Irreversibile...
Covid 19 e varianti...
Il pregiudizio stā a...
Ognuno di noi č imme...
Oplā!...
Chissā...
Ed č poesia...
Simbiosi...
Un giovane sogno...
Siamo molecole insta...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

MARE D'INVERNO (Concorso febbraio)

Nuvole sparse
come panna montata
affollano qua e lā
il mormorio
di sirene vagabonde
che si rincorrono
e increspano le onde,
sferzando la battigia
e l'umida spiaggia
dai dolci pendii
di dune scoscese
e sabbia africana.
Socchiudere gli occhi
davanti al piglio
melanconico
del mare d'inverno
e perdersi nel silenzio
delle sue note
che annientano affanni
e fanno respirare amore,
per scolpire nell'occhio
del ciclone
quell'attimo sfuggente
di felicitā
da tempo in esilio.


Share |


Poesia scritta il 16/02/2021 - 11:46
Da Afrodite T
Letta n.168 volte.
Voto:
su 7 votanti


Commenti


Grazie infinite a Maria Luisa, Anna Maria, Giuseppe, Ernesto, Salvatore, Barbara, Santa e Tonino per aver commentato ed apprezzato la mia poesia.

Afrodite T 24/02/2021 - 20:42

--------------------------------------

Fantastico e bellissimo weekend, perfetta poesia dolcissima che ho abbracciato con naturalezza riuscendo a rilassarmi dalla lunga settimana di duro lavoro, dal cuore semplicemente GRAZIE INFINITE

FADDA TONINO 20/02/2021 - 10:03

--------------------------------------

Fantastico e bellissimo weekend, perfetta poesia dolcissima che ho abbracciato con naturalezza riuscendo a rilassarmi dalla lunga settimana di duro lavoro, dal cuore semplicemente GRAZIE INFINITE

FADDA TONINO 20/02/2021 - 10:03

--------------------------------------

Nuvole sparse...come panna montata! Ogni verso di questa stupenda e sensibile poesia lascia una traccia nel cuore. Complimenti sinceri. Ciao.

santa scardino 17/02/2021 - 14:26

--------------------------------------

Ci sono dei versi nella tua splendida poesia che colpiscono tantissimo"...note che annientano affanni e fanno respirare amore" e il finale"...felicitā da tempo in esilio"Comunicano forti emozioni!
Bravissima Afrodite

barbara tascone 16/02/2021 - 17:59

--------------------------------------

Testo stupendo il tuo. Non perdere l'attimo di felicita' lascia che sia
l'esilio fuggente.

Salvatore Rastelli 16/02/2021 - 16:13

--------------------------------------

In questo tempo in cui la felicitā sembra essere in esilio, leggere a tua poesia mi č sembrato di poter pensare a giusta ragione che sarebbe un peccato se l'esilio si protraesse a lungo. Del resto dal mare d'inverno si passerā tra poco a quello estivo come dall'affanno al riso. Complimenti per la sonoritā dell'opera.

Ernesto D’Onise 16/02/2021 - 15:19

--------------------------------------

Molto bella!!! I versi, sparsi proprio come le nuvole, dispongono di suggestive immagini dotate di "sonoritā" tant'č vero che risultano magnifiche, un insieme armonico ove una dolce malinconia fa da sfondo. La sensazione fresca e autentica della poesia č ampliata da un luogo, un voler sospendere il tempo, per non parlare della sensibile introspezione unita alla contemplazione.
Cercando di sintetizzare direi che tale mare d'inverno sa mettere in risalto il linguaggio, fondamentalmente parole e poesia stanno nella stessa relazione di nuvole e mare.
Brava!

Giuseppe Scilipoti 16/02/2021 - 14:15

--------------------------------------

“il piglio melanconico del mare d’inverno “ č proprio ciō che ne caratterizza il fascino in contrasto con lo splendore vitale del mare in estate. Poesia molto apprezzata!

Anna Maria Foglia 16/02/2021 - 14:10

--------------------------------------

Perdersi nel silenzio delle note del mare d'inverno ... e scoprire l'attimo sfuggente di felicitā ...
Profonda poesia dai toni malinconici.

Maria Luisa Bandiera 16/02/2021 - 14:05

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?