Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Labbra...
Dedica ai non presen...
Impressioni...
PASCIUTI TARLI...
Non v'č esistenza pi...
Io, papā e il lago...
La luce nella nebbia...
La lapide di ghiacci...
Appartengo...
SOGNI...
Disegnerō l'amore...
QUANDO...
INNAMORATA...
Haiku 67...
Male oscuro...
Pensiero...
Stelle filanti (O te...
Ipnosi...
PRIVO DI LIBERTA'...
Nel deserto dell'ani...
Lui ti chiama...
A lavč la cāp o ciųc...
Morti Inutili...
I RIFLESSI DEL TRAMO...
Mare d'inverno...
ALL'OMBRA DEL GIGANT...
Spirito Ribelle...
Assiomi...
Archivio...
Pensieri e parole d'...
Le poesie...
Ciao MAMMA....
IL PITTORE DI PAROLE...
CARI ESTINTI...
Guardando il cielo...
Pratoline di marzo...
GIOCHI PROIBITI...
Risuona sul campanil...
In cerca d'ispirazio...
Stelle filanti (Benv...
Adagio...
Una notte irlandese...
si, so che lo sei...
Chi sa...
Viviamo di calore um...
Mareggiata Del Cuore...
Fermati...
VITTORIA...
Poesia č......
Composizione n.380...
Sorride...
Piccole grandi felic...
Testimoni preziosi...
Occhi belli...
Immagina...
Io Filosofo Tu Ladra...
il Sole a Mezzanotte...
Il tuo sorriso...
IL CREATIVO...
Diapason...
Ultimo sogno...
Don Gesualdo 2...
LA NATURA SI R...
il guerriero...
LA MARGHERITA...
Il cannocchiale...
Venite...
Stelle filanti (Benč...
Nel profondo dell'an...
L' attimo...
PER LA MIA STRADA...
No...
Il dipinto...
E poi mi dicevi...
I colori del tempo...
VIRTUALITA’ in campa...
Ridammi il sorriso...
parlami ......della ...
Il silenzio č parola...
Abbandonati, ti rico...
Agli innamorati...
Giorni fragranti...
Il canto della notte...
Mamma e Madre...
Stelle filanti (Mand...
Dolce luna...
Mare d'inverno...
UNICITA' UN DON...
Il pizzaro Pasquino...
Irreversibile...
Covid 19 e varianti...
Il pregiudizio stā a...
Ognuno di noi č imme...
Oplā!...
Chissā...
Ed č poesia...
Simbiosi...
Un giovane sogno...
Siamo molecole insta...
GOCCE D'ACQUA...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Il canto della notte

Ascolto in silenzio
il canto melodioso
della notte
vedo le prime luci
dell’alba
colorare
gli alberi solitari
appoggiati pensosi
sulle case addormentate…
Immagino la voce del
risveglio,
mi trasporta lontano
nel tempo
quando i sogni
parlavano di giorno
e la mente alzava
lo sguardo
su un mondo
da scoprire…
Ascolto in silenzio
il canto melodioso
della notte
e i sogni svaniscono
lentamente
le luci della cittā
si accendono
anche oggi
ma forse
da qualche parte
nascoste
a mia insaputa
germogliano
coraggiose
le immagini
del passato
cariche
di antiche
promesse.


Share |


Poesia scritta il 21/02/2021 - 16:11
Da barbara tascone
Letta n.136 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


Notevole impegno poetico per un risultato godibilissimo.

Ernesto D’Onise 22/02/2021 - 19:16

--------------------------------------

Un grazie di cuore a tutti quanti

barbara tascone 22/02/2021 - 18:53

--------------------------------------

La notte e l'alba ispirano cosi come questa tua stupeda poesia. Complimenti Barbara...

Salvatore Rastelli 22/02/2021 - 08:26

--------------------------------------

Bellissima questa tua capacitā di dare voce e suoni alle cose inanimate come la notte, i pensieri o il risveglio. Molto condivisa la chiusa. Complimenti.

santa scardino 21/02/2021 - 23:41

--------------------------------------

Bella poesia, belle immagini" quando i sogni parlavano di giorno"

mare blu 21/02/2021 - 21:21

--------------------------------------

Immaginare la voce del risveglio che trasporta lontano nel tempo a ricordare i sogni mai persi. Brava!

Maria Luisa Bandiera 21/02/2021 - 19:05

--------------------------------------

Poesia molto ricca di suggestioni, ottima stilisticamente e autentica con versi bellissimi e struggenti. Lodi sentite e ogni bene.

Paolo Ciraolo 21/02/2021 - 18:58

--------------------------------------

Belle immagini innervano la nostalgia che pervade tutta la poesia, la nostalgia di quei sogni antichi...Bella!

Anna Maria Foglia 21/02/2021 - 18:42

--------------------------------------

WHOA!!! (esclamazione tipica americana)
Scrittura poetica in sognante armonia, tra immagini reali e metaforiche, tra ricordi, dissolvenze e malinconie. A livello introspettivo, chiaramente l'io lirico ha familiaritā con la notte, tant'č vero che stabilisce una connessione fortemente "uditiva"
La chiusa č come una una freccia luminosa, scoccata di notte, pardon nella notte, conficcandosi lontana, molto lontana. Lontana nel tempo.
Complimenti, un gran bel pezzo!


Giuseppe Scilipoti 21/02/2021 - 18:22

--------------------------------------

Promesse non mantenute. Stile bellissimo, molto coinvolgente, come sempre. Bravissima Barbara

MARIA ANGELA CAROSIA 21/02/2021 - 18:21

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?