Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Il coraggio...
VACCINO...
Bambino...
FRONTIERA...
LA NATURA E\' ...
AURORE...
Nuovi mondi nei prob...
Giovedi...
Il vero benessere in...
Ieri, oggi...
IL BUIO NELLA STANZA...
Ventitré Giugno 1964...
Dietro la tenda...
Evaporato in una nuv...
Tormenti tragicomici...
Copèrta di foglie (u...
In palla...
Resta con me......
ULTIMO SALUTO...
Amore, in pratica...
Costiera...
QUANDO NON E' ...
Coccole primaverili...
I viaggi del sole...
Non c’è luce se l'...
Un fragile tappeto...
Le Chiavi del Destin...
Nizzarda...
La fata Nina...
Raccontami di quando...
Icaro...
Orizzonte...
Il mio primo e grand...
Modella di uno splen...
Non smetteranno mai...
Mio cuore...
Dita di bambina...
LA SECONDA OPPORTUNI...
SCRIVO PER VOI...
SEI NEL MIO SO...
Maestro...
A ritroso e in avant...
La farfalla...
Sulfinia...
Universo blu...
A MAMO MIO AMICO DI ...
Haiku 27...
Non sappiamo nuotare...
La vera conoscenza s...
Con una pennellata v...
Verso...
Il cassetto dei rico...
Lettera di un alunno...
Orizzonti...
Imitando Guccini...
il bacio della luna...
Notte infernale...
LA MARIONETTA...
IL PESCIOLINO ROSSO...
Che botta!...
Dall'homo sapiens (p...
Una nuova conoscenza...
La Vita...
Discernere...
Addio...
Vorrei...
A FAVORE DI VENTO...
Giugno 2021...
Cuoreremita...
Odore di foglie bruc...
Non scomodate DIO...
La felicità non va c...
Artigli...
ELEMENTI...
UN FOGLIO UNA ...
IL SETTE LUGLIO DEL ...
La solitudine dell'a...
Tanka 20...
Centosessantasette s...
Ricordi d’estate...
La suora di Vigevano...
Prima che arrivassi ...
Solitari addii...
Da riproporre...
Caffè e impressioni...
Una sola gioia...
Le parole son l'onda...
Richiamo dell\'Eden...
DIDATTICA RAVVICINAT...
Per mano...
Giglio di mare...
POLPETTE...
le stagioni della vi...
Poesia...
Guccini Presidente...
EMOZIONI E SOGN...
Il profumo dell'atte...
L'ultimo libro...
Un avvocato , un sov...
Chiederò mare in bur...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



HO CONOSCIUTO LEI

La perdita
ambigua è un mostro, una
sofferenza senza mai sbocco;
questa è una vera emergenza,
e il pensiero si volge nella
scienza.


Ho conosciuto
lei donna di classe, il suo
essere è smarrito non era più
forte; come spesso accade, la
malattia è sempre difficile
da gestire.

Nell'alzare lo
sguardo, era gioiosa ma
non tanto, vedeva che tutto
si oscurava con tanto freddo,
come se quella casa fosse
di metallo.


Diceva: non
chiedetemi più di ricordare,
non cercate di farmi capire;
la speranza per quel domani,
è solo nelle mani di nostro
Signore.


La demenza
non si augura a nessuno,
il cervello muore man mano;
cambia fisicamente, alla fine
si dimentica chi sono i suoi
parenti.


Non sorrideva
più tanto con la bocca, era
oramai distrutta; lo sguardo
era sempre sorridente, bianco
e puro come l’acqua di una
sorgente.


Tutto ciò che
abbiamo sono questi istanti,
con l'Alzheimer solo chi ti ama
ti comprende; strappare questo
dolore, con occhi sereni non lo
puoi fare.


Con quelle sue
pennellate morbide e con
l'occhio fisso a quel soggetto,
si chiudono i rami della vita e le
visioni della genialità del suo
prodotto.


L’Alzheimer
ha cambiato l'amica, diventò
come una larva solcata; tra una
frase sconnessa e l’altra, trovò gli
occhi del marito e gli disse sono
già arrivata.



Share |


Poesia scritta il 05/05/2021 - 12:04
Da Gaetano Lentini
Letta n.133 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Buonasera Gaetano.
Poesia molto triste e commovente, chiunque sia la persona ti sono vicino. Un caro saluto.

Paolo Ciraolo 05/05/2021 - 19:16

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?