Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Sul far nemboso...
Mora...
Non chiudiamo O.S....
LA NOTTE...
Al webmaster Mauro...
La goccia si posa...
Villamar...
Il nuovo giorno...
Quasi a gocciare...
Il dolore non si est...
Il Treno...
AU.F.O...
Vicoli ombrosi...
API...
ETEREO...
La sindrome del nido...
Addio al nuovo giorn...
Ritornare sui propri...
AMORE DOLCE OPPR...
HAIKU 41...
Elfchen...
CANTO...
Ai tempi della pesta...
Quando ti scrivo...
Sa spendula...
Donna senza volto...
In bici per le colli...
Voleva essere un dra...
Còlubri...
Lunedì mattina...
CHE AFFANNO QUEST...
Necessità...
SBAGLIANDO...
Tutto è relativo...
Il rumore dell\'addi...
Commiato...
Si chiude un capitol...
Vittorio...
Versi sul Passaporto...
Nel foyer dell’alba...
Ascolta Cielo...
Incombe il sonno...
Noi l'immenso...
L’ultima goccia...
VOGLIA DI VOLARE...
L\\\'uomo ballerino...
Sedoka - 3...
L'odissea di un poet...
Addio Oggiscrivo...
SUPEREROE...
La dimora dell'anima...
Intonaco battuto a m...
Passo sospeso ( Reda...
Rifiniture...
Resilienza...
PIZZICAGNOLO...
Oasi di scrittura (...
Echi di un Tempo Pas...
Mario...
PAROLE...
IMPENETRABILE OCE...
Ciglia che sorridono...
Il sogno di Anna...
Ipocrisia...
Un Angelo d'erba...
Dott. Scholl’s, trop...
Sorpresa…e pizza con...
Battigia...
E se piove ti penso...
Transumanza...
Amara vita...
La misericordia del ...
0429...
La lasagna di Pasque...
Lo sguardo di una ma...
Terre desolate...
PROVARE A VIVERE...
Pazienza!...
Fiore d'inverno...
Primo aprile...
E ti berrei ancora...
Il sole brucia...
Alla rugiada d’ulivo...
Acquerello...
haiku.......
Lacrima di salice...
STATO DI GUERRA...
Il profumo della Pas...
Oggetti...
Ancora silenti...
Dove vanno le parole...
Dopo il mio funerale...
Binari...
Io Sono...
Pasqua di neve...
GRIDERO'...
Frammenti di emozion...
Rugiada...
RONDINE...
SORELLA MORTE...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com

Luce e penombra

Volendo
potrei facilmente uscire
da questa siffatta condizione
basterebbe
che mi affrancassi dalla spinta
che suadente
agisce dentro me.


Basterebbe
che avessi a cure il panfilo
e non il mare
sognassi l’astronave
e non la luna
che non amassi il sole
ma la caldura
onde scurir la pelle per vanità.


E se questo
bastevole non fosse
potrei sommare la mondanità
i viaggi affollati
le cene organizzate
per sussidiare chi blatererà.


Ed invece … io resto qui
dentro l’incanto
dal vento avvinto
con lei accanto
che in sogni stracolmi m’induce
e con voce fioca mi dice:
si è fatto tardi … ti prego
smorza quella luce.



Share |


Poesia scritta il 21/02/2024 - 16:15
Da Francesco Scolaro
Letta n.181 volte.
Voto:
su 7 votanti


Commenti


Molto bella la tua poesia Molto piaciuta, specialmente la chiusa. Cari saluti

mare blu 25/02/2024 - 21:20

--------------------------------------

Le prime strofe inneggiano alla speranza, l'ultima è:una spada nel cuore. Stupendamente commovente.

santa scardino 22/02/2024 - 17:08

--------------------------------------

Molto originale, e con una chiusa da libro giallo.

Anna Cenni 22/02/2024 - 16:05

--------------------------------------

Bello vivere nei sogni

Mary L 22/02/2024 - 15:21

--------------------------------------

Vivendo tra i sogni, nella penombra e nella luce, si evita di peccare di vanità, che si disprezza. Bellissima

MARIA ANGELA CAROSIA 22/02/2024 - 15:06

--------------------------------------

Bellissima poesia.

Francesco Rossi 22/02/2024 - 10:00

--------------------------------------

Non c’è abbastanza buio in tutto l’universo da spegnere la luce di una sola candela. (Fannie Flagg)

Francesco Cau 21/02/2024 - 18:06

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento


Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?