Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

e lì, dormire...
Simmetrie di pura me...
UN REGALO DAL CIELO....
Tana!...
QUALE REALTA’...
Old...
Il tempio...
IL TEMPO LADRO DE...
NOI NON CI CHIAMIAMO...
Luce...
Haiku n 9...
Nel calle brullo...
Addio...
Verso il mio infinit...
Aspetando Anna...
Sogno...
Vorrei...
AFORISMA La statu...
Ricordi sul muro...
SOLO UNA ROSA...
Nasce tutto per caso...
Gravita'...
E' BELLO...
Mia opinione su Poes...
Haiku 17...
la coscienza in vers...
Delfi...
Fogli di neve...
Timida è la sera...
Addio....
Quando salivo i grad...
Eri....
Foulard...
DENTRO ME...
Essenza di un tempo ...
Un arcobaleno a nove...
Haiku 2...
Le nuvole della piog...
Reclame...
Telefonofobia...
Di neve e di sole...
Dubbio...
steli di rugiada...
Non c'ero quel giorn...
AMICI (terza e ultim...
Legare...
Eco di un addio...
DIRSI ADDIO...
Confusione in testa ...
Scrivi ancora...
Nell'attimo sublime ...
METAFORE (2)...
L'autunno2...
ANIME DI PIETRA...
Thipheret...
Argento...
Haiku 15...
LE DIECI STANZE...
riflessioni n. 6...
UNA BELLEZZA DA SALV...
La nave va...
La poesia è il siste...
Questa bomba di vita...
Pelle d'Ocra...
Goccia...
Le Carte...
MADRE TI TROVERO...
Tanka 11...
Lassù nel cielo...
IN BILICO COME UN EQ...
MISURA DEL TEMPO, MI...
Qui...
Oltre la vita...
EFFIMERA SEMBIANZA...
Disordine e anarchia...
Vento di profumi...
Forza Cagliari...
Io amo....
Turista nella nebbia...
fuga dalla solitudin...
Distorsione Notturna...
Lasciami andare...
Un fiore...
SAMAEL, il concepime...
Noi...
Dimmi...
Autunno....
Pensieri ,(per la fi...
Bevendo birra in tab...
ANCORATI RINGRAZIAME...
AUTUNNO...
Quante lune attraver...
20:48...
Foglie...
Oggi e ieri...
La marcia...
ADDIO...
Abbandono...
FIDATI OGNI TANTO...
Donna ti amo....

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Snake

Chi non conosce il famoso Snake?
Si tratta di un giochino che negli anni ottanta ha praticamente spopolato sugli Home Computer di ogni genere, convertito successivamente pure su Game Boy e addirittura su cellulare. In quest’ultimo caso venne rilasciato precisamente a partire dagli inizi del duemila tanto da diventare un gettonatissimo passatempo al pari del mitico Tetris o del leggendario Pac-Man.
Per i non avvezzi è doveroso spiegare per l'esattezza la modalità di gioco di Snake.
In pratica si personifica un serpente che striscia su uno o più schemi subdolamente progettati e con eventuali ostacoli da schivare.
Il rettile, in continuo movimento non è possibile fermarlo se non mettendo in “pausa.” Durante il percorso è necessario divorare ad esempio dei topini oppure delle mele al fine di far diventare Snake sempre più lungo e al contempo evitare non solo di andare a farlo sbattere nella cornice del livello o da qualche altra parte ma anche di non fargli mordere la sua stessa coda o il corpo.
L'obiettivo è semplicemente quello di sopravvivere il più a lungo possibile per innalzare lo “score” (punteggio) mentre in certe versioni bisogna addirittura superare livelli via via sempre più difficili, pertanto la partita non si limita esclusivamente ad un singolo quadro.
A tal proposito esiste una versione in cui ad un certo punto è possibile usufruire di oggetti che possiamo definire speciali. Tra di essi è disponibile il "chomp" che consente al giocatore per un breve lasso di tempo di rendere il rettile invisibile nonché invincibile senza incorrere al Game Over ma con lo scotto di causare un aumento di velocità una volta ritornato "normale."
Essendo un gioco di tipo Arcade l'abilità del giocatore fa la differenza ed è per questo che risulta uno di quei giochini più difficili mai concepiti.
Con Snake II ho dei bei ricordi, infatti, col Nokia ci smanettavo un sacco, specie alle superiori tanto da generare un aneddoto divertente, precisamente quasi al temine del quarto anno.
Una mattina, il professore Aquilino di Elettronica mentre stava spiegando uno dei suoi machiavellici teoremi, dopo il centesimo sbadiglio tirai fuori dalla tasca il cellulare e una volta disattivati i suoni, mi misi a giocare a Snake. Essendo seduto proprio in fondo, precisamente da solo nell'ultimo banco ero straconvinto che non sarei stato sgamato dall’insegnante, peraltro assai severo e rompicoglioni.
Imboscai il cellulare tra le gambe ed abbassai la testa lasciandomi "guidare" dal serpente.
Giocai in maniera frenetica, quasi convulsamente, mi venne naturale tirare la lingua fuori come se stessi facendo qualche atto impuro e non mi accorsi che il professore mi stava fissando.
«Ma che cavolo sta facendo quello lì?» osservò Aquilino con tono quasi impercettibile.
Francamente non ci badai, ero estremamente concentrato col giochino in questione e superficialmente realizzai che quelle parole non risultavano rivolte al sottoscritto.
«Mi vorresti spiegare cosa stai combinando?» Mi chiese piazzandosi a debita distanza con tono “inviperito.” (dato il contesto la parola calza a pennello!)
«Professore qua... mi si è allungato il coso!» risposi con un sorrisetto nervoso ed alzando a malapena lo sguardo. Noncurante ritornai a Snake in quanto ero alle battute finali di un livello.
«Il coso?»
«Sì, il serpente, vah!»
«COME IL SERPENTEEEE??? » gridò il docente, «Zozzone, non ce la fai a tenere a bada gli ormoni?»
Abbandonai immediatamente la partita, non potevo fare diversamente.
«Stavo spiegando Teorema di Thevenin mica il Teorema della Sgnacchera!» soggiunse.
«Prof, intendevo dire il serpente di qui che cerca le tope!» gli dissi spiaccicando parole un po’ confuse ed alzai il cellulare per farglielo vedere.
La classe scoppiò in una fragorosa risata per via dell'equivoco mentre io rosso in viso mi limitai a fare spallucce con un leggero imbarazzo. E fu così che il cellulare mi venne sequestro fino alla fine delle lezioni per non parlare della cattiva nota sul registro.
Ci restai male, molto male. Oh, stavo quasi per battere il record.



Share |


Racconto scritto il 21/10/2019 - 18:45
Da Giuseppe Scilipoti
Letta n.58 volte.
Voto:
su 1 votanti


Commenti


Ciao Santa, grazie per il commento.
"Snake" è umoristicamente autobiografico. Comunque penso che il professore aveva capito fin dall'inizio che stavo "smanettando" col "coso" cioè col cellulare. Il professore Aquilino (cognome ovviamente di fantasia) diciamo che era un "battutaro" di quelli DOC.
Se ricordi un mio precedente racconto intitolato "Esame di maturità" penso che hai una idea del tizio in questione.
L'elettronica mi faceva schifo ma lui senz'altro suscitava ilarità.

Giuseppe Scilipoti 21/10/2019 - 21:16

--------------------------------------

Ahahahah.... è talmente divertente che mi riesce difficile pensare che sia vero! Ho le lacrime agli occhi dal ridere. Ma è davvero un racconto autobiografico? Certo che il prof.re è stato abbastanza magnanimo, diciamo che con la nota te la sei cavata abbastanza bene. Il racconto è scritto bene, dettagliato e scorrevole. Hai dato di nuovo fondo ai tuoi simpatici racconti di vita vissuta all'impronta delle tue monellerie di gioventù. Certo che hai sempre avuto un bel caratterino...ma noto anche tanta ingenuità semplice e schietta. Bravo, ed ancora bravo!

santa scardino 21/10/2019 - 21:12

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?