Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Mike (si può vivere ...
Poetica è la fatica ...
Ho sognato...
LE NOTTI CHE NON DOR...
Santiago De Composte...
Tutti scappano da me...
A dorso d'un secolo ...
Lenzuola al vento...
Il viale di sera...
Tremori...
La promessa...
HAIKU M2...
Smarrimento...
NUVOLE DI LUGLIO...
L' AEDO DEL SILENZIO...
Trottola...
Lungo le rive della ...
Haiku 01...
Il primo compleanno...
triste pietà...
Persa...
VENTI di PASSIONE (P...
Tornerò...
La menzogna anche se...
La fame è lo schizzo...
Sei ancora qui? (Seg...
Dall’Alfa all’Omega...
Insonnia...
Ardere...
Storie remote....
Il mio male il mio b...
Attori...
Maledetto Vento...
IL VIVERE DI OGGI...
DENTRO LA NEBBIA...
QUESTA NUOVA E...
ESTATE...
Verano...
Furetti e fiordalisi...
Mare e ricordi...
Entra dalla finestra...
Un ultimo compleanno...
IL CORAGGIO CHE SCAC...
L'inferno non si può...
Fantasmi dal passato...
Ovunque tu sia...
Riflusso...
Tanka 6...
Ah la calma!...
Aspettami...
Ricordi di un tempo...
LAGO D'ORTA...
ASTRO DEL CIELO...
Sirena...
Cola Pesce...
Oggi scrivo in rima ...
I giorni del sole...
A GIACOMO C....
Non si nasconde la l...
HAIKU B...
Sono invecchiata nel...
La Luce Blu...
I LARICI...
Yakamoz...
concedimi...
L'ombelico del quiet...
L’Eco di Avalon...
Nei miei sogni bambo...
DUE GEMELLI ALLO SBA...
Il cono...
Notte...
LA PIOGGIA...
Un sogno è come perd...
CRASH...
Silenzi diurni, desi...
Il Rimprovero...
A Siciliana...
L'amor proprio...
Il quadro di sughero...
Ricordo di un\'estat...
SCOMPARSI...
Non mi dici...
Antichi ricordi...
Profumo d'amore...
Covid 19...
Frammenti colorati...
PER TE, DONNA! (Poem...
Lascia che sia Estat...
Amore...
Linea rossa 1...
Vecchi ruderi...
A cena con qualche r...
Tutto tace...
PAROLE...
ULTIMO RESPIRO...
Sarà estate...?...
Solitudine...
La notte...
MITOLOGICA EUROPA...
SEDOKA 11...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



GMC

Da grande appassionato di videogiochi per PC, nei miei verdi anni, con la misera paga di 10,00 euro al giorno che percepivo in qualità di commesso in un negozio di casalinghi mi prodigavo quasi sempre a spenderli nell'acquisto di svariate riviste con tanto di CD o DVD contenenti principalmente tantissime demo (versioni dimostrative dei giochi commerciali) delle ultime novità videoludiche e per di più con l’immancabile allegato: un graditissimo gioco in versione completa. In quest’ultimo caso stiamo parlando di quella categoria di games aventi alle spalle dai tre ai quattro anni, considerati in gergo “vetusti” e quindi oltre ad essere vendibili a basso prezzo ciò comportava pubblicità sia per le software house e sia per le testate.
Da segnalare che i nuovi videogiochi che vendevano nei negozi costavano in media sulle 50,00 euro e di conseguenza li ritenevo inaccessibili.
Adesso mi ritrovo con una vastissima collezione, su certi versi inutile, tant'è che conservo i cartacei in un enorme scatolone mentre i dischi ottici in vari cassetti sebbene anni fa tramite un noto sito di compravendita ebbi la possibilità di sbarazzarmi di circa il 30% della raccolta grazie ad un collezionista ed estimatore di giochi e riviste degli inizi 2000.
Nonostante ancora oggi mi ritrovo nel giro dell’ambito videoludico c’è da dire che la scrittura e la lettura di testi narrativi nonché la cinematografia risultano ormai le passioni primarie con cui preferisco applicarmi. Col senno di poi quella specie di mania di acquistare riviste su riviste dovevo cercare in qualche modo di contenerla poiché potevo soddisfare ben altre esigenze.
Ad ogni modo, le testate che destavano il mio interesse erano: Pc Action, K, Pc Gamer, The Games Machine e soprattutto GMC che sarebbe l'acronimo di Giochi per il mio Computer di cui conservo più di 150 numeri.
Mio padre non di rado mi fa la stessa battuta ogni qualvolta rassetto la mia stanza.
«Peppe, l'edicolante grazie a te a quest’ora si sta godendo la casa al mare.»
A quel tempo ovvero durante il periodo scolastico visto che a causa degli studi lavoravo molto meno, non potendomi concedere quel “vizio” mi sentivo un po’ come Trinchetto (il papà di Braccio di Ferro) senza il suo amato vino. Quindi, con un budget esiguo mi potevo permettere una sola rivista al mese o al massimo due. Se potevo risparmiavo le 3,00 euro giornaliere che mi elargiva mia madre per la merenda da portare a scuola, solitamente un panino imbottito e una lattina di coca cola.
Nel terzo anno delle superiori, Giovanni, il mio compagno di banco, anche lui un grande fruitore di giochi, in primis di GMC essendo perlopiù interessato al gioco completo mensile mi propose di dividere le spese. Un mese comprava lui il numero della rivista in questione e un mese il sottoscritto. Chi acquistava si teneva il gioco completo originale l'altro invece provvedeva a masterizzarlo.
A volte litigammo sull'allegato se riguardava quel genere di giochi che magari non interessava ad uno di noi due. Ad esempio il mio compagno di scuola disprezzava i simulatori spaziali mentre io disdegnavo i simulatori di guida, un genere di cui Giovanni andava pazzo, visto e considerato che oltre i videogames adorava i mezzi su strada, difatti, quando poteva, andava a lavorare con entusiasmo nell'officina dello zio malgrado una paga giornaliera identica alla mia.
Finché Giovanni si trovò la ragazza e decise di cimentarsi a fare il meccanico per cinque giorni alla settimana arrivando a guadagnare 200 euro mensili in quanto desideroso di guadagnare di più a discapito degli studi. Senza troppi giri di parole mi spiegò che per un po’ dovevamo sospendere quel “compro io/compro tu” dal momento che la “pensione” (così coniava il suo bassissimo salario) nei week end la doveva interamente finanziare per la benzina del motorino, la pizza, il gelato e qualsivoglia assieme a quella fidanzata.
«Quanto mi costa la sgacchera!» ammetteva ridendo.
Non la presi tanto bene, non per il fatto che si era legato sentimentalmente con qualcuna (del resto erano cavoli suoi, anzi, gli feci ironicamente le condoglianze) ma per via che stavo perdendo il “socio.”
Pensai tra me il perché non riusciva o non voleva mettere da parte 10,00 euro che in fondo in fondo si trattava di una piccola cifra. Mi insospettii che probabilmente il suo interesse per i videogames gli era scemato. E difatti non mi sbagliai.
«Amico caro, ormai è da un bel pezzo che da GMC sono passato a GMP.» mi disse una mattina durante la ricreazione col chiaro intento di porre fine al nostro sodalizio una volta per tutte. Non capii quell'acronimo e gli chiesi il significato.
Mi rispose istantaneamente: Giochi per il mio Pisello!



Share |


Racconto scritto il 07/01/2020 - 08:43
Da Giuseppe Scilipoti
Letta n.194 volte.
Voto:
su 2 votanti


Commenti


Carissimo Ernesto, ormai hai capito il mio chiaroscuro della mia anima, la mia indole dolce/introspettivo/sensibile e il mio atteggiamento umoristico/serio. Nei miei testi se devo essere ammiccante lo sono... senza troppi complimenti.
Ho appena letto il componimento di Rebecca (ieri purtroppo impegni vari mi hanno impedito di entrare su Oggi Scivo) e sono rimasto... colpito a palla. (come si usa dire dalle mie parti)
Un testo speciale che merita una disamina specialissima.

Giuseppe Scilipoti 10/01/2020 - 09:52

--------------------------------------

Carissimo Giuseppe. Sei noto per le tue sorprendenti chiuse.
E sei noto per essere il primo , a mia conoscenza, che ha avuto in OS una recensione nientemeno che da Rebecca, illustre e colta nostra collega.
A me è piaciuta l'idea di Rebecca come mi piacciono le recensioni di cui mi onori.
Dice bene Santa: sei un fenomeno.
Ciao.

Ernesto D'Onise 09/01/2020 - 16:58

--------------------------------------

Carissima Santa, non avrei mai scritto GMC se non fosse stato per GMP, per la battuta finale, ecco, del resto se avessi scritto un racconto limitandomi solo a parlare di quella mania che c'avevo non avrebbe reso il testo chissà quanto interessante. E poi lo sai che sono "famoso" per le chicche finali.
Ancora oggi gioco (talvolta) ai videogames ma preferisco... ben altro. :D
Che hai capit? Leggere, scrivere, cinema e... tante altre cose belle. O:-
Ti saluto e ti "allego" un abbraccio e un grazie!

Giuseppe Scilipoti 07/01/2020 - 15:49

--------------------------------------

ti giuro che dal ridere non riesco a trovare le parole per esprimere al meglio quello che penso. Ti dico che sei un fenomeno. Grandioso. Aspetto il prossimo.

santa scardino 07/01/2020 - 15:17

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?