Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

3 righe. È una st...
ANGELO E DEMONE...
Come droga...
Quattro miliardi di ...
Sono aerei...
Tanka 2...
Cambierò nome alla f...
Genitore professione...
NON POSSO...
Emozioni...
INCONTROVERTIBILE...
Oh mare...
Italia credici...
Nel segreto incanto...
haiku 45...
Ho con me il silenzi...
sole primiverio...
A te amore mio...
Alberi...
Il Robin Hood delle ...
Le fatine, erbe dei ...
Quarantena...
Non vedo...
APRILE(acrostico)...
Il Tu poetico...
Ostaggi di un virus...
Ella vien ver me...
Primo aprile...
Pinocchi....
ESSERE ALLA RICERCA...
TRASCURATA PRIMAVERA...
haiku...
Street Art...
Irraggiungibile mare...
L' AMORE IN UNA B...
Caduche fiammelle ac...
La via della speranz...
Haiku 70...
PANTA REI...
Verranno gli anni po...
La Pavane...
Creatura mia...
Tornerà la Vita......
Giocano i bambini su...
Mi accontento...
Sono un Albero...
Le stagioni umane...
SOSTENZA E APPARENZA...
UN'ETÀ PER TUTTO...
Italia nera...
.Gabbiani....
UOMINI RICCHI...
Similerso...
Stracchino e cetriol...
Solo un sogno...
Ognuno...
Scrittura di gennaio...
il mio spazio...
Di miei Alberi,framm...
L'albicocco e la not...
Il governatore della...
LO SFOGO DI UN ARTIG...
Vento di marzo...
Vite strette....
Eravamo sei amiche a...
Dove sei?...
Li chiamano coraggio...
Nuovi eroi...
CADUTA LIBERA...
Domenica II...
La valigia...
Risveglio...
Tempi instabili...
AMORE ILLUSIONE...
Ci Manca...
Preghiera per un bam...
Sentire....
Un vero mistero...
Felicità...
L'uomo ed il cane da...
Se Cristo tornasse...
Note tra il vento...
Il pastore bianco...
L'ASCETA...
Per i sogni un posto...
Camici bianchi...
Dove andiamo...
Amanuense...
Lettera senza fine...
Isolamento...
Sconosciuti eroi...
Tu aspetti, io non c...
Sabato sera di quara...
DISTANZA DA......
*Parabolina* Vidi...
Pazienza e rinascita...
Albero,quadro eterno...
Invece...
Suggerimento...
La Rosa profumata...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it



Il pilota dei sogni

Ho fatto un sogno e, per dirla con Freud che di sogni ne capiva, dovrebbe essere nato “sua sponte”, e non pilotato da me che ho una certa abitudine a far volare i sogni nella direzione che preferisco, forzandoli, o se preferite pilotandoli, così come fa un bravo skipper con la sua barca a vela, andando anche contro vento.
Infatti, se un sogno non è almeno un po' pilotato, allora che sogno è? Forse un incubo, oppure immagini confuse a seguito di cattiva digestione e libagione eccessiva, o magari un sogno premonitore, ma non un sogno come lo intendo io.
In quel sogno ero un aviatore provetto, proprio io che temo di volare troppo in alto e soffro di vertigini. Pilotavo un aereo speciale, senza elica né motori, una specie di vecchio caicco con l'albero prodiero più alto di quello verso poppa; insomma una barca con due vele, adatta sia per portare carichi, che per diporto. L'imbarcazione galleggiava su nuvole vaporose, ed il vento faceva la sua parte, gonfiando le vele.
Io, ed è questa la stranezza, non potevo pilotarlo quel sogno, perché il Caicco era privo di timone e quindi vagava nel cielo infinito, qual rondine che cerca la sua terra calda per svernare.
Il carico che portavo erano sogni, di tutti i tipi, ma con una matrice comune: erano sogni d'amore. Qualcuno li aveva stipati in capienti otri sotto forma di pioggia, ed ogni vaso conteneva sogni uno diverso dall'altro. Giungevo su un villaggio, ed una sorta di vento scoperchiava un otre, quasi fosse comandato da una mano divina o comunque soprannaturale, facendo cadere pioggia sulle case, e quindi dispensando quel sogno. Poi si chiudeva quell'otre e se ne apriva un altro, quattro nuvole più avanti, in vista di un nuovo paese.
Curioso, ebbi l'idea di prelevare un po' di pioggia da ogni otre e mi accorsi di un fatto alquanto strano, che fino ad allora non avevo mai sospettato potesse essere la matrice comune dei sogni d'amore, quelli degli uomini come me, più o meno giovani, di qualunque paese venissero e quale fosse la loro lingua: in tutti quei sogni c'era una “donna del sud”, sia che il mio aereo speciale sorvolasse la Svezia o la Nigeria, mari o laghi, oppure montagne innevate. Lei, questa immaginaria e sensuale donna del sud, compariva sempre nei diversi sogni d'amore.
A quel punto, nel sogno, divenni marinaio, e quel piccolo espediente mi permise di capire: il sud del mondo è emozione, incertezza, paura del nuovo, avventura in terre sconosciute, mari caldi ed accoglienti, isole lussureggianti, mentre il nord è sinonimo di freddo, di già vissuto, di sogno ibernato. E la donna è proprio così che la vogliamo, o la sogniamo noi uomini: calda, sensuale, disponibile, enigmatica, una donna che ti faccia sentire importante, amato, cercato...la sua bellezza sta tutta racchiusa nelle sue qualità di donna, non nelle fattezze o negli abiti che indossa, e nemmeno dove è nata e quale lingua parla.
Improvvisamente è apparsa a bordo, come uscita dalle onde di una nuvola, anche la “mia” donna del sud; mi sorrideva, mentre mi diceva il suo nome, Giulia, e mi invitava a possederla. Io dubitavo di aver capito male e allora lei, per darmi la certezza che era mia, fece una cosa che mi lasciò senza fiato: si levò con grazia le mutandine e me le mise in una mano, con un gesto che pareva volesse dire: ecco le chiavi del Paradiso, sono tue. Puoi aprirlo quando vuoi. Un gesto che rappresentava un insieme di sottomissione, disponibilità, ma anche incoraggiamento, incitamento.


Ero talmente felice ed emozionato che mi sono svegliato di soprassalto, eccitato, intimorito da quel vento di libertà sessuale, da quella visione onirica. Ed allora ho deciso che quel sogno andava pilotato, come so fare io da anni, e mi sono di nuovo addormentato portando a terra quell'aereo che diventava, come per magia, un bel letto, grande, spazioso, accogliente, caldo, insomma un letto che profumava di sud del mondo, di miele, limoni e terre fertili.
E se mi chiedete cosa intendo per “donna del sud”, sappiate che esiste sempre un sud per ogni nord del mondo; fosse anche l'equatore, quel nord.




Share |


Racconto scritto il 15/02/2020 - 19:38
Da Giacomo C. Collins
Letta n.197 volte.
Voto:
su 7 votanti


Commenti


Sempre straordinario. Forse il Sud dal nostro emisfero è sinonimo di sole, sicché una barca a vela che si muove tra due fluidi (aria e acqua) segue la stessa direzione... diciamo pure dei sogni. Complimenti. Ciao Giacomo

Francesco Gentile 19/02/2020 - 19:31

--------------------------------------

Giacomo!!!!...i tuoi sogni sono bellissimi, sogni che vagano tra realtà e fantasia, ma forse anche tra amore e desiderio. Mi è piaciuto leggerlo. Bravo anche nello stile di narrazione. Ciao

santa scardino 18/02/2020 - 21:09

--------------------------------------

Si legge tutto d'un fiato, la tua scrittura scorre e, sempre, incuriosisce, perché lasci qualcosa di non detto che crea un po' di mistero...
Ciao Giacomo!

Grazia Giuliani 17/02/2020 - 20:12

--------------------------------------

La tua bravura nel narrare rende tutto molto scorrevole e si legge tutto d'un fiato... il tuo sogno bellissimo, Sud o Nord poco importa se la musa è graziosa!!!
Ciaociao

Margherita Pisano 16/02/2020 - 22:11

--------------------------------------

Un bel racconto molto ben scritto, il sogno? Magari rispecchia solo il desiderio di realizzare un incontro con la donna dei tuoi sogni, chissà.... a volte i sogni sono premonitori! Comunque sia ho apprezzato parecchio questa tua scorrevolezza descrittiva.

Maria Luisa Bandiera 16/02/2020 - 12:41

--------------------------------------

GIACOMO....Non sei il solo a fare questi sogni magici ed essere trasportato in paradisi straordinari, favole dove l'amore ti viene incontro e non solo con un paio di mutande ma ti circuisce a tal punto che è assai triste il risveglio. Come dici tu ci sarà sempre un sud per ogni nord una volta desti basterà cercarlo. Hai descritto il tuo sogno in un modo sublime è un piacere leggerti. Notte poeta

mirella narducci 16/02/2020 - 00:02

--------------------------------------

Fantastico questo racconto. Inizio e fine di grande intelligenza... tutto il resto è originale, interessante. Insomma è forte. Della scrittura non dico nulla, che si può dire a un maestro del racconto?

Mirko D. Mastro(Poeta) 15/02/2020 - 21:36

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?