Inizio


Autori ed Opere


Ultime pubblicazioni

Storia di Mario...
Umanità...
Il signore delle ani...
Maschere...
INASPETTATAMENTE...
Se ami, Dio è nel tu...
Prigionia...
Le scorte...
Haiku Am...
Gelosia...
Con lo sguardo del s...
Il viaggio (poesia v...
Non chiedere grazie ...
Sopra le nuvole...
ESSERE UMANI Ess...
Cerca quella pace in...
ESSERE CREDENTE...
Dudù Concorso poesia...
Sarai per sempre la ...
Covid a dicembre...
Il senso della vita:...
FORTIFICA...
Il tempo in cui non ...
Mi imprigiona questa...
Lacrime di...
GIRANDOLANTI FLUSSI...
Orto speziato...
CELESTINO (dalla Ser...
MI SONO SVEGLIATA...
Occhi dolenti...
Geniale !...
Mettimi da parte...
Diatriba...
MONITO...
Sogno...
DAVANTI SAN ROCCO...
NON PER I NOSTRI MER...
In morte della giove...
Il viaggio (Haiku G)...
Mi hai accarezzato p...
Mattina...
Passerà...
6 poesie realizzate ...
HAIKU L...
ALI DI FARFALLA...
Il mio tempo...
Se potessi...
PER DANI...
Coronavirus...
Diego...
Pensami Ancora...
Amicizia...
Buon Viaggio...
La superbia fa dir...
Elucubrazione n. 7...
Bianchi pupazzi...
E......
Amo la vita...
PALESTRA...
occhi...
Volevo dirti...
Profumo di casa...
Giocare con la vita,...
Noi raccoglitrici de...
In viaggio...
Il viaggio (Senryu I...
18:16...
Notti insonni...
Un bel giorno d'esta...
MARCIAPIEDE...
l\'ULTIMO VIAGGIO....
LIBRO QUESTO SCO...
L'amore...
SPERANZE...
L’uomo per natura vu...
Le finestre degli al...
Errore in-convenevol...
A mia madre...
Con tutto l'amore ch...
Ciao Diego...
La ragazza selvatica...
Delicata...
MUSCHIO...
Tutti i santi giorni...
Vita...
QUANDO SI CAPISCE...
La viltà di un uomo...
La precarietà dell'u...
Al suono del vento...
Giuramento d’amore...
Gocce d 'acqua...
Ineffabile destino...
Il viaggio (renga, c...
Invito a cena...
Il presente disse pa...
Sonetto - Profondo e...
E' tempo di innamora...
Si apriva e si chiud...
Innamorato...
IL VIAGGIO...

Legenda
= Poesia
= Racconto
= Aforisma
= Scrittura Creativa


Siti Amici


martiniadriano.xoom.it lecasedeipoeti.blogspot.com



Drip. Drip. Drip.

Drip. Drip. Drip.
Cesare, un ragazzino di Esquilino, uno dei quartieri più disagiati di Roma, se ne stava sdraiato, sul letto, con l’intento di dormire, ma il rumore incessante del gocciolio sul secchio di metallo rendeva il sonno difficoltoso. Tra l'altro, aveva già svuotato il contenitore poco prima di coricarsi; tuttavia, presto sarebbe stato pieno di altra acqua piovana, scomodandosi di smaltirla nuovamente.
– Li mortè! ma proprio ‘sta stanzaccia me doveva capità! – borbottò a bassa a bassa voce.
Drip. Drip. Drip.
Erano giorni di pioggia battente e scrosciante. Nessun "er tegolaio” (così chiamava chi si occupava di tali riparazioni) sarebbe venuto per rimettere in sesto tegole e soffitto, a causa del tempo instabile e soprattutto perché non c'erano soldi.
Drip. Drip. Drip.
A Cesare venne poi un'idea: sostituire il secchio con una damigiana vuota in vetro da 25 litri con bocca larga, immettendo una serie di stracci al fine di attutire il rumore da sgocciolamento. Funzionò.
– Porca mignotta! Che genio che sono! E… buonanotte al secchio! –



Share |


Racconto scritto il 18/11/2020 - 14:49
Da Giuseppe Scilipoti
Letta n.118 volte.
Voto:
su 5 votanti


Commenti


Esterno il ringraziamento di cuore anche a Barbara, ahimè per una svista non l'ho inserita prima.

Giuseppe Scilipoti 20/11/2020 - 20:31

--------------------------------------

Santa, Maria Luisa, Mirko e Afrodite non vi ringrazio... col contagocce, anzi
Devo a Walter, un caro amico scrittore/lettore conosciuto in un altro sito riguardo la realizzazione di questo scritto, difatti sentendoci spesso tramite audio WhatsApp, ecco, la sua cadenza romanesca e le numerose descrizioni di Roma, Esquilino compresa mi ha fornito degli input. Il raccontino, ancora non l'ha letto perchè molto impegnato con delle mostre visto che si occupa di pittura. Sicuramente appena avrà modo di leggere "Drip. Drip. Drip." gli farà molto piacere sia perchè adora gli scritti umoristici brevi con il finale a sorpresa e sia perchè è un romano DOC.
Un abbracciollo a tutti voi!!!

Giuseppe Scilipoti 20/11/2020 - 20:29

--------------------------------------

Un secchio di metallo, un ragazzino e una damigiana, rimestati sapientemente in una vicenda che si svolge all'ombra di un gocciolio continuo e fastidioso, diventano i protagonisti di questo piacevole racconto che, naturalmente, si conclude con un colpo di genio finale e con l'ilarità del lettore.
Accidenti, che fantasia!

Afrodite T 20/11/2020 - 19:16

--------------------------------------

Grazie...
"Il gatto rincorre le foglie
secche sul marciapiede.
(...)
Quelle che da rami alti
scendono rosse e gialle
sono certo farfalle
che sfidano i suoi salti.
(Gianni Rodari)

Mirko D. Mastro(Poeta) 19/11/2020 - 06:28

--------------------------------------

Tanta fantasia e simpatia nei tuoi racconti, piccoli affreschi di vita quotidiana ! Bravo Giuseppe

barbara tascone 18/11/2020 - 23:22

--------------------------------------

Anche il mio nonnino, Salvatore, una sera di pioggia ebbe l'idea di una damigiana...ma per ingannare il tempo. Trovammo lui e lo zio seduti in cantina addormentati, e la damigiana scesa di livello.
Simpaticissimo racconto, come sempre complimenti

Mirko D. Mastro(Poeta) 18/11/2020 - 19:50

--------------------------------------

Un simpaticissimo racconto e la risata è assicurata, bravo e cinque stelline da parte mia.

Maria Luisa Bandiera 18/11/2020 - 18:25

--------------------------------------

Buonanotte al secchio.. ma non alla risata.Un ragazzino dal tocco romanesco che rende il racconto ancora più gustoso. L'arte di inserire note di autentica simpatia in situazioni anche di disagio.Cosa dire ad uno scrittore versatile ed apprezzato? Che sei bravissimo. Drip..drip...drip..piovono stelline.

santa scardino 18/11/2020 - 17:41

--------------------------------------


Inserisci il tuo commento

Per inserire un commento e per VOTARE devi collegarti alla tua area privata.



Area Privata
Nome :

Password :


Hai perso la password?