Scrittura Creativa

     
 

La scrittura creativa è una palestra di allenamento per chi ama scrivere e vuole sviluppare il "muscolo" della fantasia.
Per dare uno stimolo abbiamo ideato una simpatica competizione. Mensilmente proporremo un tema diverso fornendo le opportune istruzioni.
Questo mese l''argomento è:

Riscrivi la storia con una storia

Le istruzioni sono:

Scegli un personaggio storico famoso, fai una ricerca su internet ed annota su un foglio alcune parole chiave che lo contraddistinguono. Ad esempio, se hai scelto San Francesco potresti annotare “lupo di Gubbio”, “vesti donate ai poveri”, “Assisi”, “povertà” “fede”. Riscrivi quindi la vita del personaggio che hai scelto stravolgendo il tuo personaggio. Ad esempio, potresti rappresentare Francesco come un terribile malfattore chiamato “il Santo” dai suoi sgherri, originario di “Assisi”. Francesco, dopo una vita vissuta in “povertà” si ritrova per caso a rubare una “fede” nuziale della cugina. Da lì un’escalation di furti che lo porta a capo di una banda di ladri e gli vale il nomignolo di “lupo di Gubbio (*tratto da internet)


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Per partecipare basta registrarsi gratuitamente ed accedere alla propria area privata dove si trova la pagina per la pubblicazione della scrittura creativa.
Il miglior racconto sarà premiato con la pubblicazione nella prima pagina del sito per un mese con l'indicazione del vincitore.


 
     



Lista Generale

     
 

UNA PROMESSA, FRATELLI.

Federico e Fabrizio erano seduti in salotto, una bottiglia di whisky e due bicchieri, sul tavolo: era il solito rituale della sera, malumori, cattivi pensieri e piccoli attimi di allegria, condivisi come capitava, senza freni e senza limiti. Tra loro non c'erano segreti, non era possibile per due come loro, che conducevano una vita come la loro. Erano uomini risoluti ed avvezzi a qualsiasi esperienza. Erano cresciuti insieme, essendo fratelli di latte, ma il loro legame andava ben oltre l'amicizia.
Si scambiarono ancora un occhiata ed un mezzo sorriso, si erano sempre capiti al volo e ciò, unito alla loro abilità e perfetta sincronia, aveva accresciuto la loro fama.
Fabrizio parlava seguendo il solito copione, ciniche osservazioni, alternate a lunghe pause di silenzio. Nei suoi racconti non seguiva mai un filo logico, ma egli era sempre riuscito a capirlo, a leggere tra le righe, anche se quella sera gli pesava. Doveva essere stanco, si disse mentre con la mente tornava alla promes... (continua)

Marirosa Tomaselli 14/01/2016 - 12:36
commenti 0 - Numero letture:245

Argomento: LA RESA DEI CONTI

Voto:
su 3 votanti



Le due verità.

-Claudio vieni a letto, o ne hai ancora per molto?-
-Si cara, appena finisce la trasmissione in TV.-
Dopo un'ora..." Claudio sussurro' ".
-Stai dormendo Loredana? -
-No caro, ti stavo aspettando.-
-E perché mai? -
-Ho come l'impressione, che tu sia da un po di tempo a questa parte; come dire, in apprensione.-
-Ma cosa dici mai Claudia!
Magari è solo una tua vaga impressione.-
-No, no, no caro! Ti conosco troppo bene...È come se avessi un peso nello stomaco, e non sei più quell'uomo che ho conosciuto tanto tempo fa, e con cui ho passato venti anni di vita coniugale.
Per cui, adesso parla e basta!-
-Non ti si può nascondere nulla a quanto vedo Loredana.
Ma credimi, per me è assai penoso... e non potresti capire.
Insomma no!-
-Allora ti aiuto io.-
-Hai un amante? -
-Ti prego Claudia smettila! -
-No, no! Tu adesso mi dici tutto.-
-Loredana è troppo grave e intenso quel che ho da dirti, e poi diciamolo...potresti star molto male.-
-Claudio parla!
Cosa cred... (continua)

Giovanni Santino Gurrieri 11/01/2016 - 17:31
commenti 3 - Numero letture:264

Argomento: LA RESA DEI CONTI

Voto:
su 4 votanti



VITTIMA E CARNEFICE

Quella maledetta tana era buia, senza quasi spiragli. Così doveva essere. L'uomo alto e robusto indossava un passamontagna nero che non tradisse i suoi lineamenti, sbucavano fuori solo due occhi nerissimi che fissavano con spietatezza l'obiettivo. Puntava sempre un'arma al volto della ragazza inerme. Lei esile contro quella montagna che la teneva lì inchiodata ed ammanettata,accovacciata tremante in un angolo di quella topaia che sapeva d'umidità e di terra.La sua colpa? Essere figlia di un ricchissimo imprenditore locale che aveva fatto una fortuna con il commercio di diamanti ma, a giudicare di chi si fosse inimicato, forse non aveva agito sempre così candidamente...Ora lei era lì sia per vendetta sia per fruttare un bel bottino, il colpo di una vita...La voce roca e camuffata dell'uomo le intimava di stare calma, cosa non facile in quel frangente ma Lara ci stava provando, Chiudeva gli occhi per non vederlo mentre si avvicinava minaccioso a lei. "Tuo padre pagherà tesoro...cert... (continua)

Sabry L. 11/01/2016 - 11:37
commenti 4 - Numero letture:218

Argomento: LA RESA DEI CONTI

Voto:
su 4 votanti



Sguardi frettolosi sul tram.

Potevi essere chiunque ma tutt'a un tratto ho sentito la necessità di esternare il più tortuoso e silenzioso dei miei stati d'animo..
nascosto tra i meandri più ingarbugliati di un mondo fatto di sogni.. è idilliaco dirti Mi manchi!.. è importante e significativo!!!

Nessuno vorrebbe Mai farlo!.. nessun uomo nasce consapevole che ci possa un giorno essere la fatalità di dover pronunciare la frase che rende nitide quelle emozioni che probabilmente resteranno imprigionate nell'aleatorio divenire..
e pochi ci riescono con inequivocabile certezza e sincerità!

E' assoluto se capendone il senso si riesce a farlo anche con lo sguardo... senza riflessi!.. senza che niente possa inquinarne il vero e puro significato.

Tutti i pensieri e le azioni confluiscono nella stessa fonte dove attingiamo piacere e sensazioni liberatorie.. si pensa sia un dono!.. difficile saperlo.. qualcuno cerca e tenta di raccontarne i viaggi, le visioni, i suoni, i sapori, i profumi, l'intensa forza!.. fant... (continua)


Marcangelo Di Ceglie 08/01/2016 - 01:35
commenti 1 - Numero letture:269

Argomento: LA RESA DEI CONTI

Voto:
su 0 votanti




[ Pag.1 ][ Pag.2 ][ Pag.3 ][ Pag.4 ][ Pag.5 ][ Pag.6 ][ Pag.7 ][ Pag.8 ][ Pag.9 ][ Pag.10 ][ Pag.11 ][ Pag.12 ][ Pag.13 ][ Pag.14 ][ Pag.15 ][ Pag.16 ][ Pag.17 ][ Pag.18 ][ Pag.19 ][ Pag.20 ][ Pag.21 ][ Pag.22 ][ Pag.23 ][ Pag.24 ][ Pag.25 ][ Pag.26 ][ Pag.27 ][ Pag.28 ][ Pag.29 ][ Pag.30 ][ Pag.31 ][ Pag.32 ][ Pag.33 ][ Pag.34 ][ Pag.35 ][ Pag.36 ][ Pag.37 ][ Pag.38 ][ Pag.39 ][ Pag.40 ][ Pag.41 ][ Pag.42 ][ Pag.43 ][ Pag.44 ][ Pag.45 ][ Pag.46 ][ Pag.47 ][ Pag.48 ][ Pag.49 ][ Pag.50 ][ Pag.51 ][ Pag.52 ][ Pag.53 ][ Pag.54 ][ Pag.55 ][ Pag.56 ][ Pag.57 ][ Pag.58 ][ Pag.59 ][ Pag.60 ][ Pag.61 ][ Pag.62 ][ Pag.63 ][ Pag.64 ][ Pag.65 ][ Pag.66 ][ Pag.67 ][ Pag.68 ][ Pag.69 ][ Pag.70 ][ Pag.71 ][ Pag.72 ][ Pag.73 ][ Pag.74 ][ Pag.75 ][ Pag.76 ][ Pag.77 ][ Pag.78 ][ Pag.79 ][ Pag.80 ][ Pag.81 ][ Pag.82 ][ Pag.83 ][ Pag.84][ Pag.85 ][ Pag.86 ][ Pag.87 ][ Pag.88 ][ Pag.89 ][ Pag.90 ][ Pag.91 ][ Pag.92 ][ Pag.93 ][ Pag.94 ][ Pag.95 ][ Pag.96 ][ Pag.97 ][ Pag.98 ][ Pag.99 ][ Pag.100 ][ Pag.101 ][ Pag.102 ][ Pag.103 ][ Pag.104 ][ Pag.105 ][ Pag.106 ][ Pag.107 ][ Pag.108 ][ Pag.109 ][ Pag.110 ][ Pag.111 ][ Pag.112 ][ Pag.113 ][ Pag.114 ][ Pag.115 ][ Pag.116 ][ Pag.117 ][ Pag.118 ][ Pag.119 ][ Pag.120 ][ Pag.121 ][ Pag.122 ][ Pag.123 ][ Pag.124 ][ Pag.125 ][ Pag.126 ][ Pag.127 ][ Pag.128 ][ Pag.129 ][ Pag.130 ][ Pag.131 ][ Pag.132 ][ Pag.133 ][ Pag.134 ][ Pag.135 ][ Pag.136 ][ Pag.137 ][ Pag.138 ][ Pag.139 ][ Pag.140 ][ Pag.141 ][ Pag.142 ][ Pag.143 ][ Pag.144 ][ Pag.145 ][ Pag.146 ][ Pag.147 ][ Pag.148 ][ Pag.149 ][ Pag.150 ][ Pag.151 ][ Pag.152 ][ Pag.153 ][ Pag.154 ][ Pag.155 ][ Pag.156 ][ Pag.157 ][ Pag.158 ][ Pag.159 ][ Pag.160 ][ Pag.161 ][ Pag.162 ][ Pag.163 ][ Pag.164 ][ Pag.165 ][ Pag.166 ][ Pag.167 ][ Pag.168 ][ Pag.169 ][ Pag.170 ]

 
     


- oggiscrivo.it - Copyright 2009 - 2016 - Tutti i diritti sono riservati - Webmaster Mauro -