Scrittura Creativa

     
 

La scrittura creativa è una palestra di allenamento per chi ama scrivere e vuole sviluppare il "muscolo" della fantasia.
Per dare uno stimolo abbiamo ideato una simpatica competizione. Mensilmente proporremo un tema diverso fornendo le opportune istruzioni.
Questo mese l''argomento è:

PUNTO DI VISTA

Le istruzioni sono:

Ti risvegli e scopri di aver cambiato sesso. Racconta la tua prima giornata nel tuo nuovo corpo.


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Per partecipare basta registrarsi gratuitamente ed accedere alla propria area privata dove si trova la pagina per la pubblicazione della scrittura creativa.
Il miglior racconto sarà premiato con la pubblicazione nella prima pagina del sito per un mese con l'indicazione del vincitore.


 
     



Lista Generale

     
 



LA PRESUNZIONE DI AVER AVUTO UNA VITA

Se davvero avete voglia di sentire questa storia, magari vorrete sapere prima di tutto dove sono nato e com'è stata la mia infanzia schifa e che cosa facevano i miei genitori e compagnia bella prima che arrivassi io, e tutte quelle baggianate alla David Copperfield, che a me non mi va proprio di parlarne. Ma oggi è un pomeriggio uggioso, non ho voglia di fare nulla vorrei solo rimanere a poltrire nel letto. Adele, lei si ha da raccontarvi una sua giornata che potrebbe essere mia o di tante altre donne. Protagonista assoluta di una vita che dolcemente la prende per mano e l'accompagna verso il tramonto. E' arrivato il momento di scoprire la sua identità: Raffinata, apatica, stanca del suo lasciarsi andare, pronta sempre a cavalcare la tigre a contestare. Da un po' aveva smesso di ribellarsi, forse perché l'età inibiva i suoi pensieri.Da ragazza scriveva ininterrottamente, andava fiera delle sue percezioni e della sua anima che metteva sempre al primo posto nei suoi scritti. Gli uomini ... (continua)

mirella narducci 10/11/2017 - 19:41
commenti 6 - Numero letture:208

Argomento: INCIPIT

Voto:
su 5 votanti



LE MIE MAGIE

Se davvero avete voglia di sentire questa storia, magari vorrete sapere prima di tutto dove sono nata e com'è stata la mia infanzia schifa e che cosa facevano i miei genitori e compagnia bella prima che arrivassi io, e tutte quelle baggianate alla David Copperfield, che a me non mi va proprio di parlarne.
Vi assicuro però che vi narrerò le mie magie.
Chiamatemi pure Mary, o peperina, anche se ho diversi soprannomi.
Nacqui a San Daniele del Friuli, in una giornata calda di luglio.
Il sole spaccava anche le pietre.
I miei avevano da poco sistemato casa e deciso di allargare la famiglia.
Avvolta in un bodyno, ero tutta cappellona!
Sicuramente ero quella che aveva più capelli di tutti i neonati.
Mi ricordo che mia mamma disse che il dottore le aveva detto appena mi aveva vista, che ero una testa calda!
Sarà stato un' indovina, ma ci ha preso.
Ero una bambina dolce, allegra e timida, almeno fino alle superiori.
Parlando con ragazze più grandi di me, mi aprii come per magia ... (continua)

Mary L 09/11/2017 - 00:18
commenti 6 - Numero letture:150

Argomento: INCIPIT

Voto:
su 2 votanti





UN FRAGILE VELO DIETRO LO SPECCHIO

"Se davvero avete voglia di sentire questa storia, magari vorrete sapere prima di tutto dove sono nato e com'è stata la mia infanzia schifa e che cosa facevano i miei genitori e compagnia bella prima che arrivassi io, e tutte quelle baggianate alla David Copperfield, che a me non mi va proprio di parlarne".
Ed ecco quanto il mio inchiostro lascia segno su questo foglio ancora intonso...
Lars in quella tiepida sera di maggio, mentre sfatto si guardava allo specchio, non poteva fare altro che odiarsi profondamente.
Nella sua alquanto sgangherata bacheca d’amorosi sensi perduti; l’ennesima débacle all’orizzonte: incauto trofeo di una caccia assurda primeggiava affannosamente nello squallore di un monotono déjà vu!
La sua mente da assuefatto piccolo borghese di vedute assai ristrette appariva sempre più boriosa e confusa...vomitando a tradimento le mute parole di un’antica poesia di uno spirito in delirio:
“ Mi sono venduto ai pensieri più neri//di un giorno senza fine...di ... (continua)

jacob von bergstein 08/11/2017 - 01:29
commenti 0 - Numero letture:133

Argomento: INCIPIT

Voto:
su 0 votanti





e la luna bussò al suo cuore ferito

"Se davvero avete voglia di sentire questa storia, magari vorrete sapere prima di tutto dove sono nato e com'è stata la mia infanzia schifa e che cosa facevano i miei genitori e compagnia bella prima che arrivassi io, e tutte quelle baggianate alla David Copperfield, che a me non mi va proprio di parlarne"
Ebbene dovete sapere che la storia che sto per narrarvi è l'ultima melodia di una romantica fanciulla prigioniera inconsapevole di una malinconia senza fine...
Alessandra,questo era il suo nome, era una mezza divinità dalla chioma di grano e dagli occhi di smeraldo.
Fino a ieri lei era stata davvero felice perchè la sorte l'aveva baciata in fronte ed Afrodite l'aveva benedetta!
Ma quella stessa mattina...il suo sorriso e il suo sguardo sognante s'erano d'improvviso incupiti, mentre, sprofondata in quella poltrona di pelle consumata,si torturava leggendo quel telegramma...quante meravigliose lacrime d'avorio bagnavano furtivamente quel volto di fata!
Maledetta guerra se... (continua)

jacob von bergstein 07/11/2017 - 02:00
commenti 0 - Numero letture:115

Argomento: INCIPIT

Voto:
su 1 votanti




[ Pag.1 ][ Pag.2 ][ Pag.3 ][ Pag.4 ][ Pag.5 ][ Pag.6 ][ Pag.7 ][ Pag.8][ Pag.9 ][ Pag.10 ][ Pag.11 ][ Pag.12 ][ Pag.13 ][ Pag.14 ][ Pag.15 ][ Pag.16 ][ Pag.17 ][ Pag.18 ][ Pag.19 ][ Pag.20 ][ Pag.21 ][ Pag.22 ][ Pag.23 ][ Pag.24 ][ Pag.25 ][ Pag.26 ][ Pag.27 ][ Pag.28 ][ Pag.29 ][ Pag.30 ][ Pag.31 ][ Pag.32 ][ Pag.33 ][ Pag.34 ][ Pag.35 ][ Pag.36 ][ Pag.37 ][ Pag.38 ][ Pag.39 ][ Pag.40 ][ Pag.41 ][ Pag.42 ][ Pag.43 ][ Pag.44 ][ Pag.45 ][ Pag.46 ][ Pag.47 ][ Pag.48 ][ Pag.49 ][ Pag.50 ][ Pag.51 ][ Pag.52 ][ Pag.53 ][ Pag.54 ][ Pag.55 ][ Pag.56 ][ Pag.57 ][ Pag.58 ][ Pag.59 ][ Pag.60 ][ Pag.61 ][ Pag.62 ][ Pag.63 ][ Pag.64 ][ Pag.65 ][ Pag.66 ][ Pag.67 ][ Pag.68 ][ Pag.69 ][ Pag.70 ][ Pag.71 ][ Pag.72 ][ Pag.73 ][ Pag.74 ][ Pag.75 ][ Pag.76 ][ Pag.77 ][ Pag.78 ][ Pag.79 ][ Pag.80 ][ Pag.81 ][ Pag.82 ][ Pag.83 ][ Pag.84 ][ Pag.85 ][ Pag.86 ][ Pag.87 ][ Pag.88 ][ Pag.89 ][ Pag.90 ][ Pag.91 ][ Pag.92 ][ Pag.93 ][ Pag.94 ][ Pag.95 ][ Pag.96 ][ Pag.97 ][ Pag.98 ][ Pag.99 ][ Pag.100 ][ Pag.101 ][ Pag.102 ][ Pag.103 ][ Pag.104 ][ Pag.105 ][ Pag.106 ][ Pag.107 ][ Pag.108 ][ Pag.109 ][ Pag.110 ][ Pag.111 ][ Pag.112 ][ Pag.113 ][ Pag.114 ][ Pag.115 ][ Pag.116 ][ Pag.117 ][ Pag.118 ][ Pag.119 ][ Pag.120 ][ Pag.121 ][ Pag.122 ][ Pag.123 ][ Pag.124 ][ Pag.125 ][ Pag.126 ][ Pag.127 ][ Pag.128 ][ Pag.129 ][ Pag.130 ][ Pag.131 ][ Pag.132 ][ Pag.133 ][ Pag.134 ][ Pag.135 ][ Pag.136 ][ Pag.137 ][ Pag.138 ][ Pag.139 ][ Pag.140 ][ Pag.141 ][ Pag.142 ][ Pag.143 ][ Pag.144 ][ Pag.145 ][ Pag.146 ][ Pag.147 ][ Pag.148 ][ Pag.149 ][ Pag.150 ][ Pag.151 ][ Pag.152 ][ Pag.153 ][ Pag.154 ][ Pag.155 ][ Pag.156 ][ Pag.157 ][ Pag.158 ][ Pag.159 ][ Pag.160 ][ Pag.161 ][ Pag.162 ][ Pag.163 ][ Pag.164 ][ Pag.165 ][ Pag.166 ][ Pag.167 ][ Pag.168 ]

 
     


- oggiscrivo.it - Copyright 2009 - 2018 - Tutti i diritti sono riservati - Webmaster Mauro -