Scrittura Creativa

     
 

La scrittura creativa è una palestra di allenamento per chi ama scrivere e vuole sviluppare il "muscolo" della fantasia.
Per dare uno stimolo abbiamo ideato una simpatica competizione. Mensilmente proporremo un tema diverso fornendo le opportune istruzioni.
Questo mese l''argomento è:

IL TEMPO DI UNA STORIA

Le istruzioni sono:

scrivi un racconto che si svolga in un arco di tempo limitato..UN MINUTO, UN'ORA, UN GIORNO indicando tra parentesi (storia in un minuto, ecc...).


~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

Per partecipare basta registrarsi gratuitamente ed accedere alla propria area privata dove si trova la pagina per la pubblicazione della scrittura creativa.
Il miglior racconto sarà premiato con la pubblicazione nella prima pagina del sito per un mese con l'indicazione del vincitore.


 
     



Lista Generale

     
 



Un’ultima poesia (storia in 272 minuti)

Ero col naso dentro pagina 27 di “Castelli di sabbia”, assorto ai margini dell’attraversamento
pedonale… mi ritrovo in un letto esangue con una cannula nel naso e un fortissimo dolore
all’addome.
Discutono intorno a me di funzioni fisiologiche e battito cardiaco non percepibile, di temperatura
sotto i 24 gradi. C’è chi parla di riflessi e movimenti respiratori assenti, un pianto e qualcuno
congettura un’alta dose di adrenalina. Una voce roca dichiara la morte clinica. E quel pianto
diviene afflizione.
Sento un gran freddo e sento un timbro maschile che cerca di azzittire un mormorio con pressione
arteriosa asserendone la mancanza, e una donna bisbigliare qualcosa su di un uomo costumato
in vita. Un qualche Don Abbondio barbuglia qualcosa sull’Estrema unzione. E nuovamente
quel pianto, con quello di un bambino. Vorrei dirvi che sto bene, ma apro gli occhi e mi trovo
in una bara senza via d’uscita.
Volevo solo dirvi che sono al sicuro, perché la mia mente ora necessita ... (continua)

Mirko (MastroPoeta) 04/06/2019 - 22:47
commenti 6 - Numero letture:141

Argomento: IL TEMPO DI UNA STORIA

Voto:
su 3 votanti



LETTERA PER MIO FIGLIO

Mio piccolo amore tempo fà ho fatto una domanda a Dio, questa: Dio perché hai lasciato accadere tante cose spiacevoli nella mia vita?
E lui sorridendo rispose, mi dovresti ringraziare ogni giorno, ed io gli risposi perché ringraziarti? Perché in tutte le cose che faccio nel bene e nel male io metto amore e poi ti ho fatto dono di una cosa bellissima, tuo figlio, io chinai il capo e mi misi a piangere, era vero.
Mio piccolo amore oggi vorrei io farti dono di una cosa, fermare il tempo, per non farti invecchiare, per divertirti per sorridere, fermarlo anche per darlo agli altri, e poi vorrei averne anche io per proteggerti dalla fredda pioggia dell’inverno, dal caldo sole dell’estate, proteggerti dall’invidia degli uomini, dall’insidie della vita, dal dolore, dall’ipocrisia della gente, dalle tue ossessioni.
Amore mio ti sono stato sempre accanto attimo dopo attimo, perché sei e sarai sempre, linfa per la mia vita.
Sappi amore mio che ogni tuo respiro mi appartiene, ogni tuo pensi... (continua)

franco dima 01/06/2019 - 20:30
commenti 1 - Numero letture:69

Argomento: UNA LETTERA

Voto:
su 2 votanti



Lettera a Emma

Dieci anni da allora con scarponi infangati, la schiena che grondava sudore e, io, tua madre e ceste di pesche alcune ancora vuote.
C’era il sole, un sole caldo.
Ti vedemmo arrivare con l’allegria e il sorriso dei tuoi quattordici anni. Non c’è alcuna ombra nel sorriso della fresca gioventù.
Tu non sapevi, noi non immaginavamo.
Non eri venuta per aiutarci, né per lamentarti di quel piccolo dolore.
Così, solo una passeggiata fino al pescheto.
Mangiasti una pesca e il succo scendeva a sporcarti il viso col sapore dolce del velluto, una perfetta simbiosi, un bacio reciproco di bellezza.
Ridevamo dei ponfi lasciati dalle ortiche sulle tue tenere mani.
Un giorno mai divenuto passato, sotto i peschi c’è sempre il tuo sorriso e la tua anima.
E’ un affresco nella memoria dipinto di eternità.
Sai, mi disse tua madre dopo che, saltellando, ti allontanasti, “ è da un po’ di giorni che lamenta un dolore al fianco all’altezza del femore” .
Forse saranno disturbi ormonali legati al... (continua)

speranza iovine 01/06/2019 - 00:05
commenti 3 - Numero letture:100

Argomento: UNA LETTERA

Voto:
su 1 votanti



Cara famiglia ti scrivo

Cara famiglia vi scrivo queste significative righe per dirvi che mi mancate tantissimo.Ricordate quanta allegria regnava in quella casa situata in un posto meraviglioso,silenzioso dove si respirava tanta aria buona?Viricordate di lei,la regina della casa,il nostro punto di riferimento di ieri,di oggi e di domani ? ogni volta dal suo balcone ci regalava un sorriso mentre accennava un dolce saluto E che dire di quel balcone così fiorito,profumato che per la sua bellezza era simile a un quadro di Giotto.Lei il nostro punto di riferimento,il suo amore e calore era talmente grande che perfino i muri l'avevano assorbito.E voi stupende donne dove ora state regalando la vostra allegria ,di certo vi state abbracciando e da cornice il vostro azzurro cielo, senza più sofferenze.Mi mancate tantissimo.Vi ricordate quanti abbracci,quanti giochi come bimbi?con la nostra ingenuità contribuivamo a far si che
le nostre giornate fossero sempre riscaldate dal sole. Come sarei felice se ricevessi v... (continua)

RITA ANGELINI 31/05/2019 - 21:56
commenti 0 - Numero letture:52

Argomento: UNA LETTERA

Voto:
su 1 votanti




[ Pag.1 ][ Pag.2][ Pag.3 ][ Pag.4 ][ Pag.5 ][ Pag.6 ][ Pag.7 ][ Pag.8 ][ Pag.9 ][ Pag.10 ][ Pag.11 ][ Pag.12 ][ Pag.13 ][ Pag.14 ][ Pag.15 ][ Pag.16 ][ Pag.17 ][ Pag.18 ][ Pag.19 ][ Pag.20 ][ Pag.21 ][ Pag.22 ][ Pag.23 ][ Pag.24 ][ Pag.25 ][ Pag.26 ][ Pag.27 ][ Pag.28 ][ Pag.29 ][ Pag.30 ][ Pag.31 ][ Pag.32 ][ Pag.33 ][ Pag.34 ][ Pag.35 ][ Pag.36 ][ Pag.37 ][ Pag.38 ][ Pag.39 ][ Pag.40 ][ Pag.41 ][ Pag.42 ][ Pag.43 ][ Pag.44 ][ Pag.45 ][ Pag.46 ][ Pag.47 ][ Pag.48 ][ Pag.49 ][ Pag.50 ][ Pag.51 ][ Pag.52 ][ Pag.53 ][ Pag.54 ][ Pag.55 ][ Pag.56 ][ Pag.57 ][ Pag.58 ][ Pag.59 ][ Pag.60 ][ Pag.61 ][ Pag.62 ][ Pag.63 ][ Pag.64 ][ Pag.65 ][ Pag.66 ][ Pag.67 ][ Pag.68 ][ Pag.69 ][ Pag.70 ][ Pag.71 ][ Pag.72 ][ Pag.73 ][ Pag.74 ][ Pag.75 ][ Pag.76 ][ Pag.77 ][ Pag.78 ][ Pag.79 ][ Pag.80 ][ Pag.81 ][ Pag.82 ][ Pag.83 ][ Pag.84 ][ Pag.85 ][ Pag.86 ][ Pag.87 ][ Pag.88 ][ Pag.89 ][ Pag.90 ][ Pag.91 ][ Pag.92 ][ Pag.93 ][ Pag.94 ][ Pag.95 ][ Pag.96 ][ Pag.97 ][ Pag.98 ][ Pag.99 ][ Pag.100 ][ Pag.101 ][ Pag.102 ][ Pag.103 ][ Pag.104 ][ Pag.105 ][ Pag.106 ][ Pag.107 ][ Pag.108 ][ Pag.109 ][ Pag.110 ][ Pag.111 ][ Pag.112 ][ Pag.113 ][ Pag.114 ][ Pag.115 ][ Pag.116 ][ Pag.117 ][ Pag.118 ][ Pag.119 ][ Pag.120 ][ Pag.121 ][ Pag.122 ][ Pag.123 ][ Pag.124 ][ Pag.125 ][ Pag.126 ][ Pag.127 ][ Pag.128 ][ Pag.129 ][ Pag.130 ][ Pag.131 ][ Pag.132 ][ Pag.133 ][ Pag.134 ][ Pag.135 ][ Pag.136 ][ Pag.137 ][ Pag.138 ][ Pag.139 ][ Pag.140 ][ Pag.141 ][ Pag.142 ][ Pag.143 ][ Pag.144 ][ Pag.145 ][ Pag.146 ][ Pag.147 ][ Pag.148 ][ Pag.149 ][ Pag.150 ][ Pag.151 ][ Pag.152 ][ Pag.153 ][ Pag.154 ][ Pag.155 ][ Pag.156 ][ Pag.157 ][ Pag.158 ][ Pag.159 ][ Pag.160 ][ Pag.161 ][ Pag.162 ][ Pag.163 ][ Pag.164 ][ Pag.165 ][ Pag.166 ][ Pag.167 ][ Pag.168 ][ Pag.169 ][ Pag.170 ][ Pag.171 ][ Pag.172 ][ Pag.173 ][ Pag.174 ][ Pag.175 ][ Pag.176 ][ Pag.177 ][ Pag.178 ][ Pag.179 ][ Pag.180 ][ Pag.181 ][ Pag.182 ][ Pag.183 ][ Pag.184 ][ Pag.185 ][ Pag.186 ][ Pag.187 ][ Pag.188 ][ Pag.189 ][ Pag.190 ][ Pag.191 ]

 
     


- oggiscrivo.it - Copyright 2009 - 2018 - Tutti i diritti sono riservati - Webmaster Mauro -