RACCONTI

     
 

In questa sezione potete consultare tutti i racconti pubblicati nell'ultimo mese in ordine cronologico dall'ultimo in poi. In ogni caso se preferite è possibile visualizzare la lista dei racconti anche secondo scelte diverse, come per ordine di mese, per argomento , per autore o per gradimento.

Buona lettura

 
     



Lista Generale

     
 

L'ispettore Proches e lo scompartimento della morte (parte 1)

1850. Il percorso del treno è il seguente: Parigi–Versailles–Dreux–Argentan–Flers–Granville.


«In carrozza!» gridò il capostazione. «In carrozza!».
Erano le dieci e mezzo e la ferrovia era gremita di persone che salutavano i passeggeri già saliti sul treno, mentre quest’ultimo si stava lentamente mettendo in moto.
«Régis, ma se avrò bisogno d’aiuto, come farò?» piagnucolò il sergente Didier.
«Vedrai che non avrai problemi: anche i criminali ad agosto si riposano in qualche bella località!».
Il giovane sergente fece una smorfia di disapprovazione.
«Non fare così Jerome, due settimane passano alla svelta! Addio!» rispose felice l’ispettore Proches.
Il treno fischiò e dalla locomotiva uscì un fumo denso e bianco, che invase i binari e le banchine. Il mezzo di trasporto cominciò a muoversi, sferragliando sulle rotaie.
“Da questo momento sono ufficialmente in vacanza, e sono certo che mi riposerò a Granville!”, pensò l’ispettore, mettendosi comodo sul sedile, pronto a godersi il ... (continua)


Chiara B. 18/08/2015 - 21:34
commenti 4 - Numero letture:436

Voto:
su 19 votanti


AMETISTA

In un bosco sulle rive di un lago alpino, in ogni tempo e in ogni dove, viveva Ametista fatina monella. Gli abitanti del villaggio vicino erano ormai allo stremo. Ai boscaioli sparivano le asce, i funghi si mimetizzavano con le foglie e dal torrente che scendeva dal ghiacciaio non si traevano più pesci. L’autore di questi incidenti? Ametista.
Un giorno di fine giugno i paesani, stanchi di veder boicottate le loro escursioni boschive decisero, a malincuore, di abbandonare le loro case e trasferirsi altrove. In un sussurro di albero in albero la voce giunse all’orecchio di Re Cristallo. Furioso di fronte alle malefatte della piccola Ametista la affrontò.
- Hai superato ogni limite e ora gli umani se ne vanno.
- E allora? – chiese Ametista con occhi ridenti – che vadano pure, chi li vuole?
- Noi. Il bosco. Gli animali.
- Perché?
- Anche se di alcuni faremmo volentieri a meno, fanno parte di questo ambiente e mantengono un certo equilibrio.
- Pprrrr – pernacchiò Ametista, - un eq... (continua)

Magia 66 18/08/2015 - 19:54
commenti 0 - Numero letture:322

Voto:
su 12 votanti


Voci

Loro parlano, urlano, sussurrano.. Posso sentirle solo io, nessun altro sa quello che dicono, io non voglio più ascoltare, ma le ho create io e sanno fare la voce più grossa della mia, sanno dove colpirmi per farmi male, sanno come farmi piange, sanno cosa negarmi.. Io non voglio che qualcuno prenda il sopravento, ma a volte è inevitabile, non posso controllarle… Lo fanno e basta, e io poi non so riprende il controllo, non so proprio come fare, non so a chi dare ascolto, ho cosi paura in certi momenti… Ho tanta paura che tutto possa sparire, e che possano rimanere solo loro a farmi compagnia nella mia testa…. Nella mia testa riempita da parole prive di significato, da frasi che sanno come feriti… “Perché non fai l’università?” dove eri quando non mi mandavi a scuola, dove eri quando io ti dicevo non fa nulla… Non mi importa della scuola… Dove eri quando piangevo da solo sul divano in camera mia…. Che non conosci neanche a momenti, dove eri? Dove eri quando io avevo bisogno di te? Sono ... (continua)

Giuseppe Frontino 18/08/2015 - 05:37
commenti 1 - Numero letture:341

Voto:
su 19 votanti


Vale la pena vivere.

Se il cuore o la mente ... mi correggo... se il luogo nel quale abitano e si sparpagliano i sentimenti, le condizioni cognitive-affettive , le passioni, avesse delle scaglie protettive -esattamente come la cute dei pesci- tutto sarebbe più facile. Certamente la vita sarebbe più algente e priva di scosse emotive, ma -forse- potrebbe essere più semplice convivere con le difficoltà e le preoccupazioni, le quali ti amareggiano anche se non sei il loro bersaglio. Non fa molta differenza, invero, se esse crucciano un tuo caro.
Parimenti ti fanno patire i ricordi , che si annidano nella mente e si posano, appollaiati come un corvo sulla tua fronte, per rammentarti ciò che era e prospettarti ciò che potrebbe essere da oggi in poi. Però, i ricordi, curano e corroborano, nutrono e infondono letizia. Allora è irrefutabile che se le emozioni e gli affetti non esistessero, non ci sarebbe una sola ragione per vivere. Affetto significa "fare qualcosa per" ; è proprio questo sentimento che... (continua)

Andrea Paolo Lunardi 18/08/2015 - 00:17
commenti 1 - Numero letture:349

Voto:
su 18 votanti


Senza saperlo

Sento il fluire dei tuoi globuli nelle mie arterie, e scorgo nel sangue quasi bellezza, come se fosse cosparso di liquido vitale non visibile ad altri occhi.
E osservo il tuo visino cosi tenero, morbido e soffice come un cuscino in piuma d'oca, d'oca come è la pelle quando ti avvicini a me e mi guardi,con quelle pupille che sono diamanti,preziose e mai distanti,luccicanti ma non abbaglianti.
E poi quando le nostre mani si intrecciano, il creato sembra trovare la sua pace,la vita appare più limpida,osservo il mondo da una diversa lente. Il contatto con le tue membra ha cambiato la percezione sensoriale,ha pervaso corpo e anima.
E poi sento uno strano tremolio salire su per la schiena,un brivido che fa una tappa nel cuore e poi sale su fino alle labbra,spingendo quest'ultime ad appropinquarsi alle tue.
E allora mi muovo senza saperlo, e poggio il palmo della mia mano sulla tua chioma come un'ancora si poggia al fondale, e mi perdo tra il tuo sapore d'immenso.
Il sale dell'esistenza... (continua)

Marco Arcidiacono 17/08/2015 - 15:12
commenti 6 - Numero letture:471

Voto:
su 24 votanti



[ Pag.1 ][ Pag.2 ][ Pag.3 ][ Pag.4 ][ Pag.5 ][ Pag.6 ][ Pag.7 ][ Pag.8 ][ Pag.9 ][ Pag.10 ][ Pag.11 ][ Pag.12 ][ Pag.13 ][ Pag.14 ][ Pag.15 ][ Pag.16 ][ Pag.17 ][ Pag.18 ][ Pag.19 ][ Pag.20 ][ Pag.21 ][ Pag.22 ][ Pag.23 ][ Pag.24 ][ Pag.25 ][ Pag.26 ][ Pag.27 ][ Pag.28 ][ Pag.29 ][ Pag.30 ][ Pag.31 ][ Pag.32 ][ Pag.33 ][ Pag.34 ][ Pag.35 ][ Pag.36 ][ Pag.37 ][ Pag.38 ][ Pag.39 ][ Pag.40 ][ Pag.41 ][ Pag.42 ][ Pag.43 ][ Pag.44 ][ Pag.45 ][ Pag.46 ][ Pag.47 ][ Pag.48 ][ Pag.49 ][ Pag.50 ][ Pag.51 ][ Pag.52 ][ Pag.53 ][ Pag.54 ][ Pag.55 ][ Pag.56 ][ Pag.57 ][ Pag.58 ][ Pag.59 ][ Pag.60 ][ Pag.61 ][ Pag.62 ][ Pag.63 ][ Pag.64 ][ Pag.65 ][ Pag.66 ][ Pag.67 ][ Pag.68 ][ Pag.69 ][ Pag.70 ][ Pag.71 ][ Pag.72 ][ Pag.73 ][ Pag.74 ][ Pag.75 ][ Pag.76 ][ Pag.77 ][ Pag.78 ][ Pag.79 ][ Pag.80 ][ Pag.81 ][ Pag.82 ][ Pag.83 ][ Pag.84 ][ Pag.85 ][ Pag.86 ][ Pag.87 ][ Pag.88 ][ Pag.89 ][ Pag.90 ][ Pag.91 ][ Pag.92 ][ Pag.93 ][ Pag.94 ][ Pag.95 ][ Pag.96 ][ Pag.97 ][ Pag.98 ][ Pag.99 ][ Pag.100 ][ Pag.101 ][ Pag.102 ][ Pag.103 ][ Pag.104 ][ Pag.105 ][ Pag.106 ][ Pag.107 ][ Pag.108 ][ Pag.109 ][ Pag.110 ][ Pag.111 ][ Pag.112 ][ Pag.113 ][ Pag.114 ][ Pag.115 ][ Pag.116 ][ Pag.117 ][ Pag.118 ][ Pag.119 ][ Pag.120 ][ Pag.121 ][ Pag.122 ][ Pag.123 ][ Pag.124 ][ Pag.125 ][ Pag.126 ][ Pag.127 ][ Pag.128 ][ Pag.129 ][ Pag.130 ][ Pag.131 ][ Pag.132 ][ Pag.133 ][ Pag.134 ][ Pag.135 ][ Pag.136 ][ Pag.137 ][ Pag.138 ][ Pag.139 ][ Pag.140 ][ Pag.141 ][ Pag.142 ][ Pag.143 ][ Pag.144 ][ Pag.145 ][ Pag.146 ][ Pag.147 ][ Pag.148 ][ Pag.149 ][ Pag.150 ][ Pag.151 ][ Pag.152 ][ Pag.153 ][ Pag.154 ][ Pag.155 ][ Pag.156 ][ Pag.157 ][ Pag.158 ][ Pag.159 ][ Pag.160 ][ Pag.161 ][ Pag.162 ][ Pag.163 ][ Pag.164 ][ Pag.165 ][ Pag.166 ][ Pag.167 ][ Pag.168 ][ Pag.169 ][ Pag.170 ][ Pag.171 ][ Pag.172 ][ Pag.173 ][ Pag.174 ][ Pag.175 ][ Pag.176 ][ Pag.177 ][ Pag.178 ][ Pag.179 ][ Pag.180 ][ Pag.181 ][ Pag.182 ][ Pag.183 ][ Pag.184 ][ Pag.185 ][ Pag.186 ][ Pag.187 ][ Pag.188 ][ Pag.189 ][ Pag.190 ][ Pag.191 ][ Pag.192 ][ Pag.193 ][ Pag.194 ][ Pag.195 ][ Pag.196 ][ Pag.197 ][ Pag.198 ][ Pag.199 ][ Pag.200 ][ Pag.201 ][ Pag.202 ][ Pag.203 ][ Pag.204 ][ Pag.205 ][ Pag.206 ][ Pag.207 ][ Pag.208 ][ Pag.209 ][ Pag.210 ][ Pag.211 ][ Pag.212 ][ Pag.213 ][ Pag.214 ][ Pag.215 ][ Pag.216 ][ Pag.217 ][ Pag.218 ][ Pag.219 ][ Pag.220 ][ Pag.221 ][ Pag.222 ][ Pag.223 ][ Pag.224 ][ Pag.225 ][ Pag.226 ][ Pag.227 ][ Pag.228 ][ Pag.229 ][ Pag.230 ][ Pag.231 ][ Pag.232 ][ Pag.233 ][ Pag.234 ][ Pag.235 ][ Pag.236 ][ Pag.237 ][ Pag.238 ][ Pag.239 ][ Pag.240 ][ Pag.241 ][ Pag.242 ][ Pag.243 ][ Pag.244 ][ Pag.245 ][ Pag.246 ][ Pag.247 ][ Pag.248 ][ Pag.249 ][ Pag.250 ][ Pag.251 ][ Pag.252 ][ Pag.253 ][ Pag.254 ][ Pag.255 ][ Pag.256 ][ Pag.257 ][ Pag.258 ][ Pag.259 ][ Pag.260 ][ Pag.261 ][ Pag.262 ][ Pag.263 ][ Pag.264 ][ Pag.265 ][ Pag.266 ][ Pag.267 ][ Pag.268 ][ Pag.269 ][ Pag.270 ][ Pag.271 ][ Pag.272 ][ Pag.273 ][ Pag.274 ][ Pag.275 ][ Pag.276 ][ Pag.277 ][ Pag.278 ][ Pag.279 ][ Pag.280 ][ Pag.281 ][ Pag.282 ][ Pag.283 ][ Pag.284 ][ Pag.285 ][ Pag.286 ][ Pag.287 ][ Pag.288 ][ Pag.289 ][ Pag.290 ][ Pag.291 ][ Pag.292 ][ Pag.293 ][ Pag.294 ][ Pag.295 ][ Pag.296 ][ Pag.297 ][ Pag.298 ][ Pag.299 ][ Pag.300 ][ Pag.301 ][ Pag.302 ][ Pag.303 ][ Pag.304 ][ Pag.305 ][ Pag.306 ][ Pag.307 ][ Pag.308 ][ Pag.309 ][ Pag.310 ][ Pag.311 ][ Pag.312 ][ Pag.313 ][ Pag.314 ][ Pag.315 ][ Pag.316 ][ Pag.317 ][ Pag.318 ][ Pag.319 ][ Pag.320 ][ Pag.321 ][ Pag.322 ][ Pag.323 ][ Pag.324 ][ Pag.325 ][ Pag.326 ][ Pag.327 ][ Pag.328 ][ Pag.329 ][ Pag.330 ][ Pag.331 ][ Pag.332 ][ Pag.333 ][ Pag.334 ][ Pag.335 ][ Pag.336 ][ Pag.337 ][ Pag.338 ][ Pag.339 ][ Pag.340 ][ Pag.341 ][ Pag.342 ][ Pag.343 ][ Pag.344 ][ Pag.345 ][ Pag.346 ][ Pag.347 ][ Pag.348 ][ Pag.349 ][ Pag.350 ][ Pag.351 ][ Pag.352 ][ Pag.353 ][ Pag.354 ][ Pag.355 ][ Pag.356 ][ Pag.357 ][ Pag.358 ][ Pag.359 ][ Pag.360 ][ Pag.361 ][ Pag.362 ][ Pag.363 ][ Pag.364 ][ Pag.365 ][ Pag.366 ][ Pag.367 ][ Pag.368 ][ Pag.369][ Pag.370 ][ Pag.371 ][ Pag.372 ][ Pag.373 ][ Pag.374 ][ Pag.375 ][ Pag.376 ][ Pag.377 ][ Pag.378 ][ Pag.379 ][ Pag.380 ][ Pag.381 ][ Pag.382 ][ Pag.383 ][ Pag.384 ][ Pag.385 ][ Pag.386 ][ Pag.387 ][ Pag.388 ][ Pag.389 ][ Pag.390 ][ Pag.391 ][ Pag.392 ][ Pag.393 ][ Pag.394 ][ Pag.395 ][ Pag.396 ][ Pag.397 ][ Pag.398 ][ Pag.399 ][ Pag.400 ][ Pag.401 ][ Pag.402 ][ Pag.403 ][ Pag.404 ][ Pag.405 ][ Pag.406 ][ Pag.407 ][ Pag.408 ][ Pag.409 ][ Pag.410 ][ Pag.411 ][ Pag.412 ][ Pag.413 ][ Pag.414 ][ Pag.415 ][ Pag.416 ][ Pag.417 ][ Pag.418 ][ Pag.419 ][ Pag.420 ][ Pag.421 ][ Pag.422 ][ Pag.423 ][ Pag.424 ][ Pag.425 ][ Pag.426 ][ Pag.427 ][ Pag.428 ][ Pag.429 ][ Pag.430 ][ Pag.431 ][ Pag.432 ][ Pag.433 ][ Pag.434 ][ Pag.435 ][ Pag.436 ][ Pag.437 ][ Pag.438 ][ Pag.439 ][ Pag.440 ][ Pag.441 ][ Pag.442 ][ Pag.443 ][ Pag.444 ][ Pag.445 ][ Pag.446 ][ Pag.447 ][ Pag.448 ][ Pag.449 ][ Pag.450 ][ Pag.451 ][ Pag.452 ][ Pag.453 ][ Pag.454 ][ Pag.455 ][ Pag.456 ][ Pag.457 ][ Pag.458 ][ Pag.459 ][ Pag.460 ][ Pag.461 ][ Pag.462 ][ Pag.463 ][ Pag.464 ][ Pag.465 ][ Pag.466 ][ Pag.467 ][ Pag.468 ][ Pag.469 ][ Pag.470 ][ Pag.471 ][ Pag.472 ][ Pag.473 ][ Pag.474 ][ Pag.475 ][ Pag.476 ][ Pag.477 ][ Pag.478 ][ Pag.479 ][ Pag.480 ][ Pag.481 ][ Pag.482 ][ Pag.483 ][ Pag.484 ][ Pag.485 ][ Pag.486 ][ Pag.487 ][ Pag.488 ][ Pag.489 ][ Pag.490 ][ Pag.491 ][ Pag.492 ][ Pag.493 ][ Pag.494 ][ Pag.495 ][ Pag.496 ][ Pag.497 ][ Pag.498 ][ Pag.499 ][ Pag.500 ][ Pag.501 ][ Pag.502 ][ Pag.503 ][ Pag.504 ][ Pag.505 ][ Pag.506 ][ Pag.507 ][ Pag.508 ][ Pag.509 ][ Pag.510 ][ Pag.511 ][ Pag.512 ][ Pag.513 ][ Pag.514 ][ Pag.515 ][ Pag.516 ][ Pag.517 ][ Pag.518 ][ Pag.519 ]

 
     


- oggiscrivo.it - Copyright 2009 - 2016 - Tutti i diritti sono riservati - Webmaster Mauro -