RACCONTI

     
 

In questa sezione potete consultare tutti i racconti pubblicati nell'ultimo mese in ordine cronologico dall'ultimo in poi. In ogni caso se preferite è possibile visualizzare la lista dei racconti anche secondo scelte diverse, come per ordine di mese, per argomento , per autore o per gradimento.

Buona lettura

 
     



Lista Generale

     
 

Rambo

Rambo si ruzzolava nell'erba fresca dei prati sfregando la sua levigata ma pungente schiena di cane di piccola taglia nero. Avvolte lo faceva come un piccolo cinghiale anche nel fango delle pozzanghere, si rinfrescava dopo che spioveva anche se di rado, in quella collina della Puglia dove da lontano si scrutava l’orizzonte dell’azzurro Ionio, salmastro e pieno di maestrale che portava la salsedine fin dentro casa della sua vecchia padrona baffuta. Odiava vederlo e sentirlo scrollarsi di dosso tutto quel fango dopo che spioveva e si ruzzolava nelle pozzanghere, cosa molto insolita pensava lei, che un cane arrivasse a tanto. E soprattutto sulla mensola del davanzale dell’entrata della sua funambola casa che teneva in perfetto ordine, da ogni oggetto che poggiava, ai piedi del tavolino dove Rambo amava sfregarsi rincorrendosi la coda e lei che imperterrita diritta su di un fianco, gli occhi neri tondi e vispi che lo fulminavano alzando l’indice del braccio rivolto verso la porta e urlando... (continua)

Luca Di Paolo 23/07/2015 - 18:28
commenti 0 - Numero letture:443

Voto:
su 17 votanti


Un universo parallelo al loro.

Non c'è pace nel mondo in cui vivo, in cui vorrei scrivere. E' una vita che ripercorre il suo riassunto tralasciando le parti più piccole. Se mai ci fosse qualcosa di utile in me stessa, in questo mio trascorrere di ore incessante, qualcuno me lo dica. Siamo rimasti tutti ciechi dalle delusioni e dalle promesse stroncate a metà. Vedere il lato buono in una situazione cattiva è difficile. Ci convinciamo di essere forti e, guardandoci allo specchio, speriamo di vedere qualcuno che vale.
E' una corsa e chi si ferma è spacciato, non riconoscendo più se stesso e arrendendosi ad un mondo che non gli appartiene. Ci sentiamo soli pur avendo così tante persone attorno e invidiamo gli altri per ciò che hanno. L'incompletezza fa parte del nostro essere costantemente esclusi. La vediamo quella vita parallela alla nostra, scorre armoniosamente e senza mai interrompersi. Ma noi siamo qui, fermi, immobili e disillusi. A volte capita di sentirle le loro risate, rimbombano e il loro eco ci dà fastidi... (continua)

FraAaron 759 23/07/2015 - 18:26
commenti 1 - Numero letture:829

Voto:
su 18 votanti


Storia di un Fiore

Pensavo che alla fine non si debba pensare sempre alla fine. Cioè per esempio ora vi racconto la storia di Fiore, un ragazzo molto intelligente, di quelle intelligenze che non sono sempre facili da capire, un ragazzo fuori da ogni canone seppur indifferente a molti.
Fiore viveva in un paesello di periferia dimenticato da buona parte del mondo, a lui non piacevano le villanie di paese né la pochezza di quelle menti.
Qualche buon amico l’aveva, certo, ma se ti senti stretto devi andartene prima di soffocare.
Fiore è partito una mattina di marzo senza troppe parole, il sole cominciava a scaldare i primi fiori e suo padre pensava alla terra, come ha fatto per tutta la vita del resto.
Un ragazzo un po’ stralunato ha preso un treno per Bologna alle 7.56 di un martedì mattina ancora freddo, sceso dal treno è salito su un autobus senza biglietto e su quell’autobus ha fatto inconsapevolmente tremare il cuore di una ragazza con gli occhiali.
Fiore è volato in America pochi giorni dopo... (continua)

Co Co 22/07/2015 - 17:53
commenti 2 - Numero letture:627

Voto:
su 22 votanti


La Nonna

La nonna

Quella sera faceva un gran caldo, nella grande stanza dalle finestre enormi coperte dalle spesse tende ocra, che le inservienti rimandavano solo di sera per oscurare la luce e dare un buon riposo ai quindici bambini orfanelli, che si trovavano nella stanza A, di uno dei ritrovi orfanotrofio di Ferrara. Avevano lasciato appena la seconda anta della finestra aperta, socchiusa, per far trapelare almeno un pò di frescura visto la calura di quel torrido agosto. Ma Mario si gironzolava tra le sue coperte a lenzuola poggiate appena sulle sue braccette, rievocando il suo giovane prematuro nascente sentimento, per la giovanissima Giada che dormiva nell'altra stanza B. Gli aveva fatto gli occhioni dolci ferma a piedi uniti con le mani nel petto, ansiosa di attesa mentre che Mario appena aldilà di lei e le sue compagne, improvvisamente che il suo palloncino si librò in aria e finì nello stagno con le oche, lo recuperò restituendoglielo nelle mani, bagnato ed entusiasta di quel salvat... (continua)


Luca Di Paolo 22/07/2015 - 17:36
commenti 0 - Numero letture:577

Voto:
su 22 votanti


Il predicatore del Missouri

IL PREDICATORE DEL MISSOURI

Il fiume sembrava un grande nastro d’argento.
Il carro era fermo nella radura. Dal retro, Susan intravedeva l’ampio e scintillante corso d’acqua, a cui facevano corona i frondosi pioppi mossi dalla brezza serale. La giornata era stata faticosa e caldissima.
Susan era sudata e desiderava un bel bagno.
La carovana dei coloni, guidata da William Palmer, aveva fatto sosta per trascorrere la notte. Il sole era basso all’orizzonte. Le donne avevano cominciato ad accendere i fuochi e a preparare qualcosa da mettere nella pentola.
- Vado a bagnare i piedi nel fiume – disse Susan alla madre.
- Non allontanarti – raccomandò la donna. Poi: - Tom – disse a un ragazzetto dai capelli rossicci, - va’ con tua sorella.
Il ragazzo sbuffò e Susan protestò:
- Voglio starmene un po’ sola. Possibile che debba sempre avere alle calcagna quel moccoloso?
L’idea di Susan era di mettersi tutta nuda nell’acqua rinfrescante del fi... (continua)


Giuseppe Novellino 22/07/2015 - 12:53
commenti 1 - Numero letture:610

Voto:
su 44 votanti



[ Pag.1 ][ Pag.2 ][ Pag.3 ][ Pag.4 ][ Pag.5 ][ Pag.6 ][ Pag.7 ][ Pag.8 ][ Pag.9 ][ Pag.10 ][ Pag.11 ][ Pag.12 ][ Pag.13 ][ Pag.14 ][ Pag.15 ][ Pag.16 ][ Pag.17 ][ Pag.18 ][ Pag.19 ][ Pag.20 ][ Pag.21 ][ Pag.22 ][ Pag.23 ][ Pag.24 ][ Pag.25 ][ Pag.26 ][ Pag.27 ][ Pag.28 ][ Pag.29 ][ Pag.30 ][ Pag.31 ][ Pag.32 ][ Pag.33 ][ Pag.34 ][ Pag.35 ][ Pag.36 ][ Pag.37 ][ Pag.38 ][ Pag.39 ][ Pag.40 ][ Pag.41 ][ Pag.42 ][ Pag.43 ][ Pag.44 ][ Pag.45 ][ Pag.46 ][ Pag.47 ][ Pag.48 ][ Pag.49 ][ Pag.50 ][ Pag.51 ][ Pag.52 ][ Pag.53 ][ Pag.54 ][ Pag.55 ][ Pag.56 ][ Pag.57 ][ Pag.58 ][ Pag.59 ][ Pag.60 ][ Pag.61 ][ Pag.62 ][ Pag.63 ][ Pag.64 ][ Pag.65 ][ Pag.66 ][ Pag.67 ][ Pag.68 ][ Pag.69 ][ Pag.70 ][ Pag.71 ][ Pag.72 ][ Pag.73 ][ Pag.74 ][ Pag.75 ][ Pag.76 ][ Pag.77 ][ Pag.78 ][ Pag.79 ][ Pag.80 ][ Pag.81 ][ Pag.82 ][ Pag.83 ][ Pag.84 ][ Pag.85 ][ Pag.86 ][ Pag.87 ][ Pag.88 ][ Pag.89 ][ Pag.90 ][ Pag.91 ][ Pag.92 ][ Pag.93 ][ Pag.94 ][ Pag.95 ][ Pag.96 ][ Pag.97 ][ Pag.98 ][ Pag.99 ][ Pag.100 ][ Pag.101 ][ Pag.102 ][ Pag.103 ][ Pag.104 ][ Pag.105 ][ Pag.106 ][ Pag.107 ][ Pag.108 ][ Pag.109 ][ Pag.110 ][ Pag.111 ][ Pag.112 ][ Pag.113 ][ Pag.114 ][ Pag.115 ][ Pag.116 ][ Pag.117 ][ Pag.118 ][ Pag.119 ][ Pag.120 ][ Pag.121 ][ Pag.122 ][ Pag.123 ][ Pag.124 ][ Pag.125 ][ Pag.126 ][ Pag.127 ][ Pag.128 ][ Pag.129 ][ Pag.130 ][ Pag.131 ][ Pag.132 ][ Pag.133 ][ Pag.134 ][ Pag.135 ][ Pag.136 ][ Pag.137 ][ Pag.138 ][ Pag.139 ][ Pag.140 ][ Pag.141 ][ Pag.142 ][ Pag.143 ][ Pag.144 ][ Pag.145 ][ Pag.146 ][ Pag.147 ][ Pag.148 ][ Pag.149 ][ Pag.150 ][ Pag.151 ][ Pag.152 ][ Pag.153 ][ Pag.154 ][ Pag.155 ][ Pag.156 ][ Pag.157 ][ Pag.158 ][ Pag.159 ][ Pag.160 ][ Pag.161 ][ Pag.162 ][ Pag.163 ][ Pag.164 ][ Pag.165 ][ Pag.166 ][ Pag.167 ][ Pag.168 ][ Pag.169 ][ Pag.170 ][ Pag.171 ][ Pag.172 ][ Pag.173 ][ Pag.174 ][ Pag.175 ][ Pag.176 ][ Pag.177 ][ Pag.178 ][ Pag.179 ][ Pag.180 ][ Pag.181 ][ Pag.182 ][ Pag.183 ][ Pag.184 ][ Pag.185 ][ Pag.186 ][ Pag.187 ][ Pag.188 ][ Pag.189 ][ Pag.190 ][ Pag.191 ][ Pag.192 ][ Pag.193 ][ Pag.194 ][ Pag.195 ][ Pag.196 ][ Pag.197 ][ Pag.198 ][ Pag.199 ][ Pag.200 ][ Pag.201 ][ Pag.202 ][ Pag.203 ][ Pag.204 ][ Pag.205 ][ Pag.206 ][ Pag.207 ][ Pag.208 ][ Pag.209 ][ Pag.210 ][ Pag.211 ][ Pag.212 ][ Pag.213 ][ Pag.214 ][ Pag.215 ][ Pag.216 ][ Pag.217 ][ Pag.218 ][ Pag.219 ][ Pag.220 ][ Pag.221 ][ Pag.222 ][ Pag.223 ][ Pag.224 ][ Pag.225 ][ Pag.226 ][ Pag.227 ][ Pag.228 ][ Pag.229 ][ Pag.230 ][ Pag.231 ][ Pag.232 ][ Pag.233 ][ Pag.234 ][ Pag.235 ][ Pag.236 ][ Pag.237 ][ Pag.238 ][ Pag.239 ][ Pag.240 ][ Pag.241 ][ Pag.242 ][ Pag.243 ][ Pag.244 ][ Pag.245 ][ Pag.246 ][ Pag.247 ][ Pag.248 ][ Pag.249 ][ Pag.250 ][ Pag.251 ][ Pag.252 ][ Pag.253 ][ Pag.254 ][ Pag.255 ][ Pag.256 ][ Pag.257 ][ Pag.258 ][ Pag.259 ][ Pag.260 ][ Pag.261 ][ Pag.262 ][ Pag.263 ][ Pag.264 ][ Pag.265 ][ Pag.266 ][ Pag.267 ][ Pag.268 ][ Pag.269 ][ Pag.270 ][ Pag.271 ][ Pag.272 ][ Pag.273 ][ Pag.274 ][ Pag.275 ][ Pag.276 ][ Pag.277 ][ Pag.278 ][ Pag.279 ][ Pag.280 ][ Pag.281 ][ Pag.282 ][ Pag.283 ][ Pag.284 ][ Pag.285 ][ Pag.286 ][ Pag.287 ][ Pag.288 ][ Pag.289 ][ Pag.290 ][ Pag.291 ][ Pag.292 ][ Pag.293 ][ Pag.294 ][ Pag.295 ][ Pag.296 ][ Pag.297 ][ Pag.298 ][ Pag.299 ][ Pag.300 ][ Pag.301 ][ Pag.302 ][ Pag.303 ][ Pag.304 ][ Pag.305 ][ Pag.306 ][ Pag.307 ][ Pag.308 ][ Pag.309 ][ Pag.310 ][ Pag.311 ][ Pag.312 ][ Pag.313 ][ Pag.314 ][ Pag.315 ][ Pag.316 ][ Pag.317 ][ Pag.318 ][ Pag.319 ][ Pag.320 ][ Pag.321 ][ Pag.322 ][ Pag.323 ][ Pag.324 ][ Pag.325 ][ Pag.326 ][ Pag.327 ][ Pag.328 ][ Pag.329 ][ Pag.330 ][ Pag.331 ][ Pag.332 ][ Pag.333 ][ Pag.334 ][ Pag.335 ][ Pag.336 ][ Pag.337 ][ Pag.338 ][ Pag.339 ][ Pag.340 ][ Pag.341 ][ Pag.342 ][ Pag.343 ][ Pag.344 ][ Pag.345 ][ Pag.346 ][ Pag.347 ][ Pag.348 ][ Pag.349 ][ Pag.350 ][ Pag.351 ][ Pag.352 ][ Pag.353 ][ Pag.354 ][ Pag.355 ][ Pag.356 ][ Pag.357 ][ Pag.358 ][ Pag.359 ][ Pag.360 ][ Pag.361 ][ Pag.362 ][ Pag.363 ][ Pag.364 ][ Pag.365 ][ Pag.366 ][ Pag.367 ][ Pag.368 ][ Pag.369 ][ Pag.370 ][ Pag.371 ][ Pag.372 ][ Pag.373 ][ Pag.374 ][ Pag.375 ][ Pag.376 ][ Pag.377 ][ Pag.378 ][ Pag.379 ][ Pag.380 ][ Pag.381 ][ Pag.382 ][ Pag.383 ][ Pag.384 ][ Pag.385 ][ Pag.386 ][ Pag.387 ][ Pag.388 ][ Pag.389 ][ Pag.390 ][ Pag.391 ][ Pag.392 ][ Pag.393 ][ Pag.394 ][ Pag.395 ][ Pag.396 ][ Pag.397 ][ Pag.398 ][ Pag.399 ][ Pag.400 ][ Pag.401 ][ Pag.402 ][ Pag.403 ][ Pag.404 ][ Pag.405 ][ Pag.406 ][ Pag.407 ][ Pag.408 ][ Pag.409 ][ Pag.410 ][ Pag.411 ][ Pag.412 ][ Pag.413 ][ Pag.414 ][ Pag.415 ][ Pag.416 ][ Pag.417 ][ Pag.418 ][ Pag.419 ][ Pag.420 ][ Pag.421 ][ Pag.422 ][ Pag.423 ][ Pag.424 ][ Pag.425 ][ Pag.426 ][ Pag.427 ][ Pag.428 ][ Pag.429 ][ Pag.430 ][ Pag.431 ][ Pag.432 ][ Pag.433 ][ Pag.434 ][ Pag.435][ Pag.436 ][ Pag.437 ][ Pag.438 ][ Pag.439 ][ Pag.440 ][ Pag.441 ][ Pag.442 ][ Pag.443 ][ Pag.444 ][ Pag.445 ][ Pag.446 ][ Pag.447 ][ Pag.448 ][ Pag.449 ][ Pag.450 ][ Pag.451 ][ Pag.452 ][ Pag.453 ][ Pag.454 ][ Pag.455 ][ Pag.456 ][ Pag.457 ][ Pag.458 ][ Pag.459 ][ Pag.460 ][ Pag.461 ][ Pag.462 ][ Pag.463 ][ Pag.464 ][ Pag.465 ][ Pag.466 ][ Pag.467 ][ Pag.468 ][ Pag.469 ][ Pag.470 ][ Pag.471 ][ Pag.472 ][ Pag.473 ][ Pag.474 ][ Pag.475 ][ Pag.476 ][ Pag.477 ][ Pag.478 ][ Pag.479 ][ Pag.480 ][ Pag.481 ][ Pag.482 ][ Pag.483 ][ Pag.484 ][ Pag.485 ][ Pag.486 ][ Pag.487 ][ Pag.488 ][ Pag.489 ][ Pag.490 ][ Pag.491 ][ Pag.492 ][ Pag.493 ][ Pag.494 ][ Pag.495 ][ Pag.496 ][ Pag.497 ][ Pag.498 ][ Pag.499 ][ Pag.500 ][ Pag.501 ][ Pag.502 ][ Pag.503 ][ Pag.504 ][ Pag.505 ][ Pag.506 ][ Pag.507 ][ Pag.508 ][ Pag.509 ][ Pag.510 ][ Pag.511 ][ Pag.512 ][ Pag.513 ][ Pag.514 ][ Pag.515 ][ Pag.516 ][ Pag.517 ][ Pag.518 ][ Pag.519 ][ Pag.520 ][ Pag.521 ][ Pag.522 ][ Pag.523 ][ Pag.524 ][ Pag.525 ][ Pag.526 ][ Pag.527 ][ Pag.528 ][ Pag.529 ][ Pag.530 ][ Pag.531 ][ Pag.532 ][ Pag.533 ][ Pag.534 ][ Pag.535 ][ Pag.536 ][ Pag.537 ][ Pag.538 ][ Pag.539 ][ Pag.540 ][ Pag.541 ][ Pag.542 ][ Pag.543 ][ Pag.544 ][ Pag.545 ][ Pag.546 ][ Pag.547 ][ Pag.548 ][ Pag.549 ][ Pag.550 ][ Pag.551 ][ Pag.552 ][ Pag.553 ][ Pag.554 ][ Pag.555 ][ Pag.556 ][ Pag.557 ][ Pag.558 ][ Pag.559 ][ Pag.560 ][ Pag.561 ][ Pag.562 ][ Pag.563 ][ Pag.564 ][ Pag.565 ][ Pag.566 ][ Pag.567 ][ Pag.568 ][ Pag.569 ][ Pag.570 ][ Pag.571 ][ Pag.572 ][ Pag.573 ][ Pag.574 ][ Pag.575 ][ Pag.576 ]

 
     


- oggiscrivo.it - Copyright 2009 - 2018 - Tutti i diritti sono riservati - Webmaster Mauro -