RACCONTI

     
 

In questa sezione potete consultare tutti i racconti pubblicati nell'ultimo mese in ordine cronologico dall'ultimo in poi. In ogni caso se preferite è possibile visualizzare la lista dei racconti anche secondo scelte diverse, come per ordine di mese, per argomento , per autore o per gradimento.

Buona lettura

 
     



Lista Generale

     
 



Mi piaci u divertimentu … ! Mi piace il divertimento

Brano burlesco in dialetto siciliano e in italiano

(Inizia la figlia)
Senti mà!
Nun mi parrari di matrimoniu e di zitaggiu.
Nu vidi quantu sugnu agitata?
Mi maca l’appetitu e mancu mangiu.

Mi piaci cantari, ballari stari
sempri in allegria e puri pumiciari.
Fare festa, babbiari chi masculiddi
e tuttu chiddu ca mi passa pi la testa.
(Risponde la mamma)
Attenta figghiuzza mia
ca mi pari ca ci n’hai troppa di frinisia.

T’ha carmari ed essiri tantichhedda cauta.
Rischi di cascari e rumpiriti la facci
tutta di na vota.

Ta ricordi a to cuscina Carmilina …
ca pi essiri prisciusa e pocu latina
fici u patatrac … ed ora
nun fa ca chiangiri ogni matina.

Accura ha fari,
a mammuzza bedda!
Pirchì nun po sapiri chiuddu ca dumani ti po capitari.

Vidi ca .. e masculiddi, ci piaci schirzari
ridiri babbiari, tuccari e maniari …

E poi ca scusa
ca nun ponu stari …
e ca a vogghia s’hana a passari …
pretennunu di tia chidda prova dill’amuri.

Costringiunu na ba... (continua)


Vincenzo Scuderi 08/11/2017 - 19:14
commenti 0 - Numero letture:87

Voto:
su 0 votanti


Storia di un Ardito

STORIA DI UN ARDITO
Giovane, coraggioso ed entusiasta, animato dagli spiriti nazionalisti e da quegli ideali di Patria che, nei primi anni del novecento, segnò il destino di numerosi giovani ed ebbe il suo sviluppo e triste epilogo nelle vicende del colonialismo nel Corno d’Africa e nelle devastanti guerre mondiali. E la storia triste di un volontario delle squadre dei bersaglieri arditi, partito per l’Africa per partecipare alla guerra e trovare infine la morte in un banale incidente, quasi uno scherzo del destino.
La mancanza di documentazione ha dovuto lasciare campo alla fantasia, trovando spunto nei ricordi delle narrazioni orali e nelle sue foto in divisa con il grande cappello di bersagliere. Nella sua breve vita un risvolto romantico mi aveva particolarmente affascinato: la foto di una giovane ragazza bruna, il suo amore che non riuscì a sopravvivere al dolore. Due vite spezzate, ardori spenti. E’ la storia di mio zio sottotenente Calogero Giglio che non ho conosciuto... (continua)

Patrizia Lo Bue 08/11/2017 - 17:18
commenti 2 - Numero letture:118

Voto:
su 0 votanti


SAGGIO IMPENITENTE SULLA VIVA ARTE DEI MIEI SCRITTORI

“Umanità, mi stai sul cazzo da sempre.
Ecco il mio motto.”
(Charles Bukowski)

Considerando gli aspetti letterari, non solo strutturali ma anche contenutistici, i loro libri si stagliano come pezzi vivi in mezzo a masse morte. La loro scrittura, pungente e aggressiva, senza abbellimenti, è semplice, comune. Senza troppi fronzoli e perbenismi che allietano questa massa morta vivente.
Descrivono la Morte, quella dell’essere umano coscienzioso solo di una piccolissima e oltretutto sbagliata fetta della sfacciata quanto procace (per alcuni, s’intende) anima.
Gli umani parlano di anima osannandola come fosse la loro merda. Ma gli uomini non sanno un cazzo della loro anima. L’anima si fa beffe di loro; e il viceversa. In pratica si auto ingannano generando un infinito circuito fallace e deleterio. Che senso ha? Ma per chi, poi? Per loro stessi. Rimarranno per sempre ciechi se non prenderanno a calci in culo la Morte.
Adesso sto scrivendo questo piccolo pezzo-sono un po’ stanco- gu... (continua)


Cristian Iapaolo 08/11/2017 - 08:56
commenti 2 - Numero letture:134

Voto:
su 1 votanti


Vi parla Mirko

…………………………………………………………….
…………………………………………………………….
«Ad ogni modo, credimi caro amico radioascoltatore, la Bibbia dobbiamo leggerla con molta umiltà per scoprire ciò che Dio dice e non ciò che vorremmo che ci dicesse. Amico, concludendo l’argomento, bisogna sperare che una società possa divenire migliore di quanto non lo sia ora.»
«Grazie, Mirko, grazie! Le tue parole scendono come benefica linfa nel mio vecchio cuore e lo fanno germogliare come un ramo di primavera.»
«Non sapevo che foste anche un poeta, Giacinto!»
«È stata la mia prima chiamata alla sua radio, e la mia gioia d’averti chiamato è tale che mi sentirei d’improvvisare una seconda divina commedia.»
«Mi fa piacere! Ora ti saluto, caro Giacinto… Altre chiamate stanno per essere inoltrate qui allo studio. Sono le ventuno e sedici minuti; sono trascorse due ore e dieci minuti dall’inizio del programma… Qui vi parla Mirko, da Radiocolonna, centoquattro punto tre mega-hertz. Tutte le sere estive con voi, in ... (continua)

Gianmarco Dosselli 08/11/2017 - 01:38
commenti 2 - Numero letture:95

Voto:
su 1 votanti


Tutto quello che è mio.

Sono di nuovo qua,
sono ancora qua,
perché non riesco a stare bene
con nessuna ragazza
che non sia tu.
Quelle prima di te
sono state un passatempo
nell'attesa di incontrarti
e quelle dopo di te
un invano tentativo di dimenticarti.
Mi sei rimasta dentro,
mi sei rimasta addosso
come il più bel tatuaggio
marchiato sul punto più sensibile della mia pelle.

Ho bisogno di te
per mettere a posto ogni tassello della mia vita.
Non sei mai andata via.
Non ho mai smesso di pensarti,
non ho mai smesso di sognarti,
perché qualsiasi cosa mi ricordava te,
qualsiasi persona la paragonavo a te,
ci provavo
io
a confrontarti,
ma non ci riuscivo,
era impossibile,
perché non esiste un principio di paragone
e tutto il resto a doversi adattare a te.

Alcuni giorni
ti pensavo un po' di più
il desiderio di riaverti diventava incontrollabile
l'orgoglio lasciava il posto alla nostalgia,
per ciò che è stato
e per ciò che sarebbe potuto essere,
tutto ciò che for... (continua)


Martina Ciano 07/11/2017 - 16:17
commenti 2 - Numero letture:96

Voto:
su 1 votanti



[ Pag.1 ][ Pag.2 ][ Pag.3 ][ Pag.4 ][ Pag.5 ][ Pag.6 ][ Pag.7 ][ Pag.8 ][ Pag.9 ][ Pag.10 ][ Pag.11 ][ Pag.12 ][ Pag.13 ][ Pag.14 ][ Pag.15 ][ Pag.16 ][ Pag.17 ][ Pag.18 ][ Pag.19 ][ Pag.20 ][ Pag.21 ][ Pag.22 ][ Pag.23 ][ Pag.24 ][ Pag.25 ][ Pag.26 ][ Pag.27 ][ Pag.28 ][ Pag.29 ][ Pag.30 ][ Pag.31 ][ Pag.32 ][ Pag.33 ][ Pag.34 ][ Pag.35 ][ Pag.36 ][ Pag.37 ][ Pag.38 ][ Pag.39][ Pag.40 ][ Pag.41 ][ Pag.42 ][ Pag.43 ][ Pag.44 ][ Pag.45 ][ Pag.46 ][ Pag.47 ][ Pag.48 ][ Pag.49 ][ Pag.50 ][ Pag.51 ][ Pag.52 ][ Pag.53 ][ Pag.54 ][ Pag.55 ][ Pag.56 ][ Pag.57 ][ Pag.58 ][ Pag.59 ][ Pag.60 ][ Pag.61 ][ Pag.62 ][ Pag.63 ][ Pag.64 ][ Pag.65 ][ Pag.66 ][ Pag.67 ][ Pag.68 ][ Pag.69 ][ Pag.70 ][ Pag.71 ][ Pag.72 ][ Pag.73 ][ Pag.74 ][ Pag.75 ][ Pag.76 ][ Pag.77 ][ Pag.78 ][ Pag.79 ][ Pag.80 ][ Pag.81 ][ Pag.82 ][ Pag.83 ][ Pag.84 ][ Pag.85 ][ Pag.86 ][ Pag.87 ][ Pag.88 ][ Pag.89 ][ Pag.90 ][ Pag.91 ][ Pag.92 ][ Pag.93 ][ Pag.94 ][ Pag.95 ][ Pag.96 ][ Pag.97 ][ Pag.98 ][ Pag.99 ][ Pag.100 ][ Pag.101 ][ Pag.102 ][ Pag.103 ][ Pag.104 ][ Pag.105 ][ Pag.106 ][ Pag.107 ][ Pag.108 ][ Pag.109 ][ Pag.110 ][ Pag.111 ][ Pag.112 ][ Pag.113 ][ Pag.114 ][ Pag.115 ][ Pag.116 ][ Pag.117 ][ Pag.118 ][ Pag.119 ][ Pag.120 ][ Pag.121 ][ Pag.122 ][ Pag.123 ][ Pag.124 ][ Pag.125 ][ Pag.126 ][ Pag.127 ][ Pag.128 ][ Pag.129 ][ Pag.130 ][ Pag.131 ][ Pag.132 ][ Pag.133 ][ Pag.134 ][ Pag.135 ][ Pag.136 ][ Pag.137 ][ Pag.138 ][ Pag.139 ][ Pag.140 ][ Pag.141 ][ Pag.142 ][ Pag.143 ][ Pag.144 ][ Pag.145 ][ Pag.146 ][ Pag.147 ][ Pag.148 ][ Pag.149 ][ Pag.150 ][ Pag.151 ][ Pag.152 ][ Pag.153 ][ Pag.154 ][ Pag.155 ][ Pag.156 ][ Pag.157 ][ Pag.158 ][ Pag.159 ][ Pag.160 ][ Pag.161 ][ Pag.162 ][ Pag.163 ][ Pag.164 ][ Pag.165 ][ Pag.166 ][ Pag.167 ][ Pag.168 ][ Pag.169 ][ Pag.170 ][ Pag.171 ][ Pag.172 ][ Pag.173 ][ Pag.174 ][ Pag.175 ][ Pag.176 ][ Pag.177 ][ Pag.178 ][ Pag.179 ][ Pag.180 ][ Pag.181 ][ Pag.182 ][ Pag.183 ][ Pag.184 ][ Pag.185 ][ Pag.186 ][ Pag.187 ][ Pag.188 ][ Pag.189 ][ Pag.190 ][ Pag.191 ][ Pag.192 ][ Pag.193 ][ Pag.194 ][ Pag.195 ][ Pag.196 ][ Pag.197 ][ Pag.198 ][ Pag.199 ][ Pag.200 ][ Pag.201 ][ Pag.202 ][ Pag.203 ][ Pag.204 ][ Pag.205 ][ Pag.206 ][ Pag.207 ][ Pag.208 ][ Pag.209 ][ Pag.210 ][ Pag.211 ][ Pag.212 ][ Pag.213 ][ Pag.214 ][ Pag.215 ][ Pag.216 ][ Pag.217 ][ Pag.218 ][ Pag.219 ][ Pag.220 ][ Pag.221 ][ Pag.222 ][ Pag.223 ][ Pag.224 ][ Pag.225 ][ Pag.226 ][ Pag.227 ][ Pag.228 ][ Pag.229 ][ Pag.230 ][ Pag.231 ][ Pag.232 ][ Pag.233 ][ Pag.234 ][ Pag.235 ][ Pag.236 ][ Pag.237 ][ Pag.238 ][ Pag.239 ][ Pag.240 ][ Pag.241 ][ Pag.242 ][ Pag.243 ][ Pag.244 ][ Pag.245 ][ Pag.246 ][ Pag.247 ][ Pag.248 ][ Pag.249 ][ Pag.250 ][ Pag.251 ][ Pag.252 ][ Pag.253 ][ Pag.254 ][ Pag.255 ][ Pag.256 ][ Pag.257 ][ Pag.258 ][ Pag.259 ][ Pag.260 ][ Pag.261 ][ Pag.262 ][ Pag.263 ][ Pag.264 ][ Pag.265 ][ Pag.266 ][ Pag.267 ][ Pag.268 ][ Pag.269 ][ Pag.270 ][ Pag.271 ][ Pag.272 ][ Pag.273 ][ Pag.274 ][ Pag.275 ][ Pag.276 ][ Pag.277 ][ Pag.278 ][ Pag.279 ][ Pag.280 ][ Pag.281 ][ Pag.282 ][ Pag.283 ][ Pag.284 ][ Pag.285 ][ Pag.286 ][ Pag.287 ][ Pag.288 ][ Pag.289 ][ Pag.290 ][ Pag.291 ][ Pag.292 ][ Pag.293 ][ Pag.294 ][ Pag.295 ][ Pag.296 ][ Pag.297 ][ Pag.298 ][ Pag.299 ][ Pag.300 ][ Pag.301 ][ Pag.302 ][ Pag.303 ][ Pag.304 ][ Pag.305 ][ Pag.306 ][ Pag.307 ][ Pag.308 ][ Pag.309 ][ Pag.310 ][ Pag.311 ][ Pag.312 ][ Pag.313 ][ Pag.314 ][ Pag.315 ][ Pag.316 ][ Pag.317 ][ Pag.318 ][ Pag.319 ][ Pag.320 ][ Pag.321 ][ Pag.322 ][ Pag.323 ][ Pag.324 ][ Pag.325 ][ Pag.326 ][ Pag.327 ][ Pag.328 ][ Pag.329 ][ Pag.330 ][ Pag.331 ][ Pag.332 ][ Pag.333 ][ Pag.334 ][ Pag.335 ][ Pag.336 ][ Pag.337 ][ Pag.338 ][ Pag.339 ][ Pag.340 ][ Pag.341 ][ Pag.342 ][ Pag.343 ][ Pag.344 ][ Pag.345 ][ Pag.346 ][ Pag.347 ][ Pag.348 ][ Pag.349 ][ Pag.350 ][ Pag.351 ][ Pag.352 ][ Pag.353 ][ Pag.354 ][ Pag.355 ][ Pag.356 ][ Pag.357 ][ Pag.358 ][ Pag.359 ][ Pag.360 ][ Pag.361 ][ Pag.362 ][ Pag.363 ][ Pag.364 ][ Pag.365 ][ Pag.366 ][ Pag.367 ][ Pag.368 ][ Pag.369 ][ Pag.370 ][ Pag.371 ][ Pag.372 ][ Pag.373 ][ Pag.374 ][ Pag.375 ][ Pag.376 ][ Pag.377 ][ Pag.378 ][ Pag.379 ][ Pag.380 ][ Pag.381 ][ Pag.382 ][ Pag.383 ][ Pag.384 ][ Pag.385 ][ Pag.386 ][ Pag.387 ][ Pag.388 ][ Pag.389 ][ Pag.390 ][ Pag.391 ][ Pag.392 ][ Pag.393 ][ Pag.394 ][ Pag.395 ][ Pag.396 ][ Pag.397 ][ Pag.398 ][ Pag.399 ][ Pag.400 ][ Pag.401 ][ Pag.402 ][ Pag.403 ][ Pag.404 ][ Pag.405 ][ Pag.406 ][ Pag.407 ][ Pag.408 ][ Pag.409 ][ Pag.410 ][ Pag.411 ][ Pag.412 ][ Pag.413 ][ Pag.414 ][ Pag.415 ][ Pag.416 ][ Pag.417 ][ Pag.418 ][ Pag.419 ][ Pag.420 ][ Pag.421 ][ Pag.422 ][ Pag.423 ][ Pag.424 ][ Pag.425 ][ Pag.426 ][ Pag.427 ][ Pag.428 ][ Pag.429 ][ Pag.430 ][ Pag.431 ][ Pag.432 ][ Pag.433 ][ Pag.434 ][ Pag.435 ][ Pag.436 ][ Pag.437 ][ Pag.438 ][ Pag.439 ][ Pag.440 ][ Pag.441 ][ Pag.442 ][ Pag.443 ][ Pag.444 ][ Pag.445 ][ Pag.446 ][ Pag.447 ][ Pag.448 ][ Pag.449 ][ Pag.450 ][ Pag.451 ][ Pag.452 ][ Pag.453 ][ Pag.454 ][ Pag.455 ][ Pag.456 ][ Pag.457 ][ Pag.458 ][ Pag.459 ][ Pag.460 ][ Pag.461 ][ Pag.462 ][ Pag.463 ][ Pag.464 ][ Pag.465 ][ Pag.466 ][ Pag.467 ][ Pag.468 ][ Pag.469 ][ Pag.470 ][ Pag.471 ][ Pag.472 ][ Pag.473 ][ Pag.474 ][ Pag.475 ][ Pag.476 ][ Pag.477 ][ Pag.478 ][ Pag.479 ][ Pag.480 ][ Pag.481 ][ Pag.482 ][ Pag.483 ][ Pag.484 ][ Pag.485 ][ Pag.486 ][ Pag.487 ][ Pag.488 ][ Pag.489 ][ Pag.490 ][ Pag.491 ][ Pag.492 ][ Pag.493 ][ Pag.494 ][ Pag.495 ][ Pag.496 ][ Pag.497 ][ Pag.498 ][ Pag.499 ][ Pag.500 ][ Pag.501 ][ Pag.502 ][ Pag.503 ][ Pag.504 ][ Pag.505 ][ Pag.506 ][ Pag.507 ][ Pag.508 ][ Pag.509 ][ Pag.510 ][ Pag.511 ][ Pag.512 ][ Pag.513 ][ Pag.514 ][ Pag.515 ][ Pag.516 ][ Pag.517 ][ Pag.518 ][ Pag.519 ][ Pag.520 ][ Pag.521 ][ Pag.522 ][ Pag.523 ][ Pag.524 ][ Pag.525 ][ Pag.526 ][ Pag.527 ][ Pag.528 ][ Pag.529 ][ Pag.530 ][ Pag.531 ][ Pag.532 ][ Pag.533 ][ Pag.534 ][ Pag.535 ][ Pag.536 ][ Pag.537 ][ Pag.538 ][ Pag.539 ][ Pag.540 ][ Pag.541 ][ Pag.542 ][ Pag.543 ][ Pag.544 ][ Pag.545 ][ Pag.546 ][ Pag.547 ][ Pag.548 ]

 
     


- oggiscrivo.it - Copyright 2009 - 2018 - Tutti i diritti sono riservati - Webmaster Mauro -