RACCONTI

     
 

In questa sezione potete consultare tutti i racconti pubblicati nell'ultimo mese in ordine cronologico dall'ultimo in poi. In ogni caso se preferite è possibile visualizzare la lista dei racconti anche secondo scelte diverse, come per ordine di mese, per argomento , per autore o per gradimento.

Buona lettura

 
     



Lista Generale

     
 

La Storia Incantata:)

C'era una volta..... tanto tempo fa... in un dolce paesino di Montagna una piccola principessa di nome Americas. Lei passava ore e ore a leggere libri d'amore...libri di storie e fantasie... libri che raccontavano inimmaginabili avventure e che dai quali lei si rispecchiava. Americas Un giorno decise di andare in una libreria a comprare un libro senza porre troppa attenzione alla trama... Girò tutti gli scaffali della libreria e stanca e sfinita si riposò in una poltrona rossa... e da quella gigantesca poltrona, si guardò intorno senza pensieri e.. trovò il SUO libro.. era un libro abbastanza spesso,aveva una copertina di color verde acqua e davanti non vi erano figure ma solo una scritta: "ricordare la tua esistenza è l'unico modo per rivivere le tue emozioni più grandi".
Americas allora con quelle parole le uscì un sorriso e comprò quel libro tanto misterioso quanto interessante e pieno di significato.
La dolce principessina nella sua vita aveva sempre accettato,rispettat... (continua)

Naike Pavei 26/07/2011 - 19:49
commenti 0 - Numero letture:467

Voto:
su 0 votanti


Delirio del pensiero

Il pene è l' organo riproduttivo maschile, le varianti han tutte nomi simili.
Il pene maleodorante è detto pendaglio mentre quello che non dà segni
di vita è detto pendente; quello che dà poca soddisfazione è il penoso;
Le donne pensano e dicono in giro che non valga un penny.
Il pene secerne 2 tipi di liquidi in quantità diverse, se il liquido è biancastro
e l' erogazione modesta viene detto pensiero, se invece è giallognolo,
fluido ed in grandi quantità è detto pp.
Il motivo per cui il pene secerna piccole quantità di pensiero risiede
secondo molti studiosi nella stupidità maschile.
Il pene della maggioranza degli italiani è detto peninsulare mentre quello
degli anziani è pregiudizionalmente chiamato pensionato.
La carenza di pene da parte del gentil sesso è detta penuria mentre
lo stesso gentilsesso che trova soddisfazione in un pene adatto lo cataloga
come pendìo; tra l' altro il rapporto uomo/donna è in discesa se la donna
può usufruire di un pendìo; sinonimo pennon... (continua)

Andrea Castellini 26/07/2011 - 19:43
commenti 0 - Numero letture:478

Voto:
su 0 votanti


Delirio al RoToR

Giovedì scorso mi son recato con gli amici al Palindromo RoToR, uno
di quei posti dove ci si può rincorrere da sinistra a destra e viceversa
senza che nessuno si accorga della differenza.
La musica in sottofondo è rigorosamente GaRaG, il liquore della casa
è il VoV mentre i generi alimentari vengono acquistati in esclusiva al
SiDiS.
Per raggiungere il Palindromo RoToR è pratica comune degli iscritti
prendere un treno delle EffE EssE.
Nulla è lasciato al caso qui al Palindromo RoToR, il mio soprannome
qui è NaTaN mentre il mio amico Francesco Apposito che non sopporta
i soprannomi è chiamato No NoN, un altro mio palindromatico amico
che è magrissimo è soprannominato OssO.
Il più figo del gruppo è OtappàtO, si chiama così perché lavora con il
padre nel settore dell' imbottigliamento, i cartelli affissi alle porte dei
bagni recano due acrostici, m.e.n. e w.o.m.e.n. che significano
rispettivamente Mai Entrare Nudi e W OtappàtO, Magari Entrasse Nudo.
Anche Il RoToR ha un pro... (continua)

Andrea Castellini 26/07/2011 - 12:16
commenti 0 - Numero letture:456

Voto:
su 0 votanti


Delirio delle sette sataniche

Questa è la storia dei setter nani e delle sette sataniche vergini.
I setter nani erano bruttini, bassotti ( ? ) ed abbaiavano a Sproposito,
il loro padrone.
Le sette sataniche vergini erano bruttissime e ninfomani ma vergini
a causa della loro inguardabilità.
I setter furono battezzati da Sproposito in base alle loro caratteristiche.
Il più aggressivo era Mòrdilo,il più pacato Pétalo, il cane malato era
Óncolo mentre il più atletico fu chiamato Mùscolo.
Il setter più stronzo era Sùbdolo ed il cane matematico era Càlcolo.
Infine il cane ciccione, Bómbolo.
Le sette sataniche vergini si chiamavano; Agrìppa, la vergine che strippa,
Amìnta, che non resta mai incinta, Sofonìsba, che proprio nisba nisba,
Salomè, che di voglia ne ha per tre, Ermengàrda, che se la tocca
e se la guarda, la vergine Elvìra, la vergine che se la tira ed infine
Carlòtta, la vergine mignotta.
Sproposito un giorno portò ad una battuta di caccia i suoi setter, lasciando
a riposo Bómbolo perché era tro... (continua)

Andrea Castellini 25/07/2011 - 19:05
commenti 1 - Numero letture:533

Voto:
su 2 votanti


Delirio veterinario

Giorgio Pistolin, veronese, è un anestesista veterinario specializzato
in trapianti.
L' ho conosciuto nella primavera di due anni fa al Simposio " Cani e
creature da compagnia; Relatore Prof. Giorgio Pistolin ".
Era un momento torturato della mia esistenza, mi era da poco
spirata tra le mani la mia sanguisuga Bloody.
Comunicai al Pistolin tutta la mia gratitudine per le persone come lui
che trascorrono la vita ad aiutare le creature indifese...proprio come
la mia piccola Bloody, che fra l' altro mi permetteva di ovviare ad un
ricambio sanguigno senza dovermi più stagliuzzarmi le braccia
o ricorrere ad ospedali, prenotazioni; aghi ed infermieri incapaci
da tre fori per prelievo.
Dal momento che non ho, per motivo di genere, il fisiologico ricambio
e non ho perdite dietro, mi sembrò una scelta giusta e consapevole.
Il Pistolin annuì e mi raccontò della sua sanguisuga Sucky;
la descrisse come una normale sanguisuga ma molto attaccata al gatto.
Un giorno tornò... (continua)

Andrea Castellini 24/07/2011 - 18:54
commenti 0 - Numero letture:506

Voto:
su 0 votanti



[ Pag.1 ][ Pag.2 ][ Pag.3 ][ Pag.4 ][ Pag.5 ][ Pag.6 ][ Pag.7 ][ Pag.8 ][ Pag.9 ][ Pag.10 ][ Pag.11 ][ Pag.12 ][ Pag.13 ][ Pag.14 ][ Pag.15 ][ Pag.16 ][ Pag.17 ][ Pag.18 ][ Pag.19 ][ Pag.20 ][ Pag.21 ][ Pag.22 ][ Pag.23 ][ Pag.24 ][ Pag.25 ][ Pag.26 ][ Pag.27 ][ Pag.28 ][ Pag.29 ][ Pag.30 ][ Pag.31 ][ Pag.32 ][ Pag.33 ][ Pag.34 ][ Pag.35 ][ Pag.36 ][ Pag.37 ][ Pag.38 ][ Pag.39 ][ Pag.40 ][ Pag.41 ][ Pag.42 ][ Pag.43 ][ Pag.44 ][ Pag.45 ][ Pag.46 ][ Pag.47 ][ Pag.48 ][ Pag.49 ][ Pag.50 ][ Pag.51 ][ Pag.52 ][ Pag.53 ][ Pag.54 ][ Pag.55 ][ Pag.56 ][ Pag.57 ][ Pag.58 ][ Pag.59 ][ Pag.60 ][ Pag.61 ][ Pag.62 ][ Pag.63 ][ Pag.64 ][ Pag.65 ][ Pag.66 ][ Pag.67 ][ Pag.68 ][ Pag.69 ][ Pag.70 ][ Pag.71 ][ Pag.72 ][ Pag.73 ][ Pag.74 ][ Pag.75 ][ Pag.76 ][ Pag.77 ][ Pag.78 ][ Pag.79 ][ Pag.80 ][ Pag.81 ][ Pag.82 ][ Pag.83 ][ Pag.84 ][ Pag.85 ][ Pag.86 ][ Pag.87 ][ Pag.88 ][ Pag.89 ][ Pag.90 ][ Pag.91 ][ Pag.92 ][ Pag.93 ][ Pag.94 ][ Pag.95 ][ Pag.96 ][ Pag.97 ][ Pag.98 ][ Pag.99 ][ Pag.100 ][ Pag.101 ][ Pag.102 ][ Pag.103 ][ Pag.104 ][ Pag.105 ][ Pag.106 ][ Pag.107 ][ Pag.108 ][ Pag.109 ][ Pag.110 ][ Pag.111 ][ Pag.112 ][ Pag.113 ][ Pag.114 ][ Pag.115 ][ Pag.116 ][ Pag.117 ][ Pag.118 ][ Pag.119 ][ Pag.120 ][ Pag.121 ][ Pag.122 ][ Pag.123 ][ Pag.124 ][ Pag.125 ][ Pag.126 ][ Pag.127 ][ Pag.128 ][ Pag.129 ][ Pag.130 ][ Pag.131 ][ Pag.132 ][ Pag.133 ][ Pag.134 ][ Pag.135 ][ Pag.136 ][ Pag.137 ][ Pag.138 ][ Pag.139 ][ Pag.140 ][ Pag.141 ][ Pag.142 ][ Pag.143 ][ Pag.144 ][ Pag.145 ][ Pag.146 ][ Pag.147 ][ Pag.148 ][ Pag.149 ][ Pag.150 ][ Pag.151 ][ Pag.152 ][ Pag.153 ][ Pag.154 ][ Pag.155 ][ Pag.156 ][ Pag.157 ][ Pag.158 ][ Pag.159 ][ Pag.160 ][ Pag.161 ][ Pag.162 ][ Pag.163 ][ Pag.164 ][ Pag.165 ][ Pag.166 ][ Pag.167 ][ Pag.168 ][ Pag.169 ][ Pag.170 ][ Pag.171 ][ Pag.172 ][ Pag.173 ][ Pag.174 ][ Pag.175 ][ Pag.176 ][ Pag.177 ][ Pag.178 ][ Pag.179 ][ Pag.180 ][ Pag.181 ][ Pag.182 ][ Pag.183 ][ Pag.184 ][ Pag.185 ][ Pag.186 ][ Pag.187 ][ Pag.188 ][ Pag.189 ][ Pag.190 ][ Pag.191 ][ Pag.192 ][ Pag.193 ][ Pag.194 ][ Pag.195 ][ Pag.196 ][ Pag.197 ][ Pag.198 ][ Pag.199 ][ Pag.200 ][ Pag.201 ][ Pag.202 ][ Pag.203 ][ Pag.204 ][ Pag.205 ][ Pag.206 ][ Pag.207 ][ Pag.208 ][ Pag.209 ][ Pag.210 ][ Pag.211 ][ Pag.212 ][ Pag.213 ][ Pag.214 ][ Pag.215 ][ Pag.216 ][ Pag.217 ][ Pag.218 ][ Pag.219 ][ Pag.220 ][ Pag.221 ][ Pag.222 ][ Pag.223 ][ Pag.224 ][ Pag.225 ][ Pag.226 ][ Pag.227 ][ Pag.228 ][ Pag.229 ][ Pag.230 ][ Pag.231 ][ Pag.232 ][ Pag.233 ][ Pag.234 ][ Pag.235 ][ Pag.236 ][ Pag.237 ][ Pag.238 ][ Pag.239 ][ Pag.240 ][ Pag.241 ][ Pag.242 ][ Pag.243 ][ Pag.244 ][ Pag.245 ][ Pag.246 ][ Pag.247 ][ Pag.248 ][ Pag.249 ][ Pag.250 ][ Pag.251 ][ Pag.252 ][ Pag.253 ][ Pag.254 ][ Pag.255 ][ Pag.256 ][ Pag.257 ][ Pag.258 ][ Pag.259 ][ Pag.260 ][ Pag.261 ][ Pag.262 ][ Pag.263 ][ Pag.264 ][ Pag.265 ][ Pag.266 ][ Pag.267 ][ Pag.268 ][ Pag.269 ][ Pag.270 ][ Pag.271 ][ Pag.272 ][ Pag.273 ][ Pag.274 ][ Pag.275 ][ Pag.276 ][ Pag.277 ][ Pag.278 ][ Pag.279 ][ Pag.280 ][ Pag.281 ][ Pag.282 ][ Pag.283 ][ Pag.284 ][ Pag.285 ][ Pag.286 ][ Pag.287 ][ Pag.288 ][ Pag.289 ][ Pag.290 ][ Pag.291 ][ Pag.292 ][ Pag.293 ][ Pag.294 ][ Pag.295 ][ Pag.296 ][ Pag.297 ][ Pag.298 ][ Pag.299 ][ Pag.300 ][ Pag.301 ][ Pag.302 ][ Pag.303 ][ Pag.304 ][ Pag.305 ][ Pag.306 ][ Pag.307 ][ Pag.308 ][ Pag.309 ][ Pag.310 ][ Pag.311 ][ Pag.312 ][ Pag.313 ][ Pag.314 ][ Pag.315 ][ Pag.316 ][ Pag.317 ][ Pag.318 ][ Pag.319 ][ Pag.320 ][ Pag.321 ][ Pag.322 ][ Pag.323 ][ Pag.324 ][ Pag.325 ][ Pag.326 ][ Pag.327 ][ Pag.328 ][ Pag.329 ][ Pag.330 ][ Pag.331 ][ Pag.332 ][ Pag.333 ][ Pag.334 ][ Pag.335 ][ Pag.336 ][ Pag.337 ][ Pag.338 ][ Pag.339 ][ Pag.340 ][ Pag.341 ][ Pag.342 ][ Pag.343 ][ Pag.344 ][ Pag.345 ][ Pag.346 ][ Pag.347 ][ Pag.348 ][ Pag.349 ][ Pag.350 ][ Pag.351 ][ Pag.352 ][ Pag.353 ][ Pag.354 ][ Pag.355 ][ Pag.356 ][ Pag.357 ][ Pag.358 ][ Pag.359 ][ Pag.360 ][ Pag.361 ][ Pag.362 ][ Pag.363 ][ Pag.364 ][ Pag.365 ][ Pag.366 ][ Pag.367 ][ Pag.368 ][ Pag.369 ][ Pag.370 ][ Pag.371 ][ Pag.372 ][ Pag.373 ][ Pag.374 ][ Pag.375 ][ Pag.376 ][ Pag.377 ][ Pag.378 ][ Pag.379 ][ Pag.380 ][ Pag.381 ][ Pag.382 ][ Pag.383 ][ Pag.384 ][ Pag.385 ][ Pag.386 ][ Pag.387 ][ Pag.388 ][ Pag.389 ][ Pag.390 ][ Pag.391 ][ Pag.392 ][ Pag.393 ][ Pag.394 ][ Pag.395 ][ Pag.396 ][ Pag.397 ][ Pag.398 ][ Pag.399 ][ Pag.400 ][ Pag.401 ][ Pag.402 ][ Pag.403 ][ Pag.404 ][ Pag.405 ][ Pag.406 ][ Pag.407 ][ Pag.408 ][ Pag.409 ][ Pag.410 ][ Pag.411 ][ Pag.412 ][ Pag.413 ][ Pag.414 ][ Pag.415 ][ Pag.416 ][ Pag.417 ][ Pag.418 ][ Pag.419 ][ Pag.420 ][ Pag.421 ][ Pag.422 ][ Pag.423 ][ Pag.424 ][ Pag.425 ][ Pag.426 ][ Pag.427 ][ Pag.428 ][ Pag.429 ][ Pag.430 ][ Pag.431 ][ Pag.432 ][ Pag.433 ][ Pag.434 ][ Pag.435 ][ Pag.436 ][ Pag.437 ][ Pag.438 ][ Pag.439 ][ Pag.440 ][ Pag.441 ][ Pag.442 ][ Pag.443 ][ Pag.444 ][ Pag.445 ][ Pag.446 ][ Pag.447 ][ Pag.448 ][ Pag.449 ][ Pag.450 ][ Pag.451 ][ Pag.452 ][ Pag.453 ][ Pag.454 ][ Pag.455 ][ Pag.456 ][ Pag.457 ][ Pag.458 ][ Pag.459 ][ Pag.460 ][ Pag.461 ][ Pag.462 ][ Pag.463 ][ Pag.464 ][ Pag.465 ][ Pag.466 ][ Pag.467 ][ Pag.468 ][ Pag.469 ][ Pag.470 ][ Pag.471 ][ Pag.472 ][ Pag.473 ][ Pag.474 ][ Pag.475 ][ Pag.476 ][ Pag.477 ][ Pag.478 ][ Pag.479 ][ Pag.480 ][ Pag.481 ][ Pag.482 ][ Pag.483 ][ Pag.484 ][ Pag.485 ][ Pag.486 ][ Pag.487 ][ Pag.488 ][ Pag.489 ][ Pag.490 ][ Pag.491 ][ Pag.492 ][ Pag.493 ][ Pag.494 ][ Pag.495 ][ Pag.496 ][ Pag.497 ][ Pag.498 ][ Pag.499 ][ Pag.500 ][ Pag.501 ][ Pag.502 ][ Pag.503 ][ Pag.504 ][ Pag.505 ][ Pag.506 ][ Pag.507 ][ Pag.508 ][ Pag.509 ][ Pag.510 ][ Pag.511][ Pag.512 ][ Pag.513 ][ Pag.514 ][ Pag.515 ][ Pag.516 ][ Pag.517 ][ Pag.518 ][ Pag.519 ][ Pag.520 ][ Pag.521 ][ Pag.522 ][ Pag.523 ][ Pag.524 ][ Pag.525 ][ Pag.526 ][ Pag.527 ][ Pag.528 ][ Pag.529 ]

 
     


- oggiscrivo.it - Copyright 2009 - 2016 - Tutti i diritti sono riservati - Webmaster Mauro -